Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Invia anche messaggi WhatsApp a Signal & Co

“Qualsiasi gruppo che non trova una piattaforma comune è nel posto giusto con noi.” Così dice Simon Dorsch, che ha co-fondato la startup Club.life con Christian Borcher. Club.chat fa parte di Club.life, una piattaforma di scambio pianificata tra i club ei loro membri. Club.chat è un servizio che consente agli utenti di connettere chat di gruppo da WhatsApp, Signal e Telegram. Queste chat di gruppo vengono quindi sincronizzate automaticamente tra i servizi di messaggistica. Seguiranno altri messenger come Discord, Skype, Threema, Slack e molti altri. Non è necessario installare altri programmi di messaggistica o applicazioni e puoi continuare a utilizzare il tuo attuale programma di messaggistica. Club.chat è ora disponibile gratuitamente come accesso anticipato per tutti gli utenti.

Il principio è semplice: i gruppi di chat vengono creati non solo su WhatsApp, ma anche su Signal e Telegram. Quindi un bot programmato da Club.chat viene invitato a questi tre gruppi. La startup collega gruppi su diverse piattaforme tramite un sito web. Di conseguenza, il bot pubblicherà anche ogni messaggio che pubblichi in un gruppo Telegram, ad esempio, su Signal e WhatsApp. Il bot parla nei rispettivi gruppi, pubblica il nome della chat dell’autore del messaggio originale e lo trasmette. Tutto funziona con testi, foto e video, tranne Telegram, anche con messaggi vocali.

I fondatori vogliono introdurre Club.chat in previsione del Digital Markets Act. Questa legge, prevista entro la fine dell’anno, costringerà WhatsApp a essere interoperabile con altri servizi di messaggistica. Ma ci vorranno alcuni anni prima che questo si applichi ai gruppi di chat. Stiamo parlando del 2025 o del 2026.

Ecco come funziona Club.chat

Il servizio sarà gratuito per ogni utente nella versione base quando viene offerto regolarmente. L’idea: se crei e sincronizzi diversi gruppi come utente, devi pagarli. Il servizio è gratuito per alcuni membri del gruppo. Ma in pratica c’è ancora un problema. Perché almeno per il momento non è ancora possibile esistere gruppi whatsapp Per usarlo con Club.chat perché un bot non può accedervi. Pertanto, all’avvio deve essere creato un nuovo gruppo e ogni utente deve essere migrato al nuovo gruppo. Soprattutto con gruppi più numerosi, può essere un problema per non tutti apportare la modifica.

READ  Al Taawon Today - un portale online per la gestione IT

Un altro problema potrebbe essere la sicurezza dei dati. Perché il bot interrompe la crittografia end-to-end. Ma i produttori promettono: a parte la pura messaggistica, nessun dato verrà trasferito tra piattaforme di messaggistica. Non è il numero di cellulare dell’utente Signal che si è improvvisamente sincronizzato di nuovo con WhatsApp. Tuttavia, l’approccio della startup, che è ancora agli inizi, è unico in questo formato e presenta interessanti prospettive future. I server della startup si trovano in Germania.