Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Invasione” in Italia: Il cinghiale spinge i contadini in strada

Su uno striscione c’era scritto “Niente più cinghiali”. Un altro slogan dei manifestanti è stato “I cinghiali mettono in pericolo i campi e le strade”. Centinaia di contadini, allevatori e pastori provenienti da tutta Italia si sono radunati venerdì a Roma per una manifestazione contro “l’invasione” dei cinghiali nel Paese. “Dobbiamo ucciderli, altrimenti gli agricoltori diventeranno una specie animale protetta”, ha detto un manifestante.

Come l’anno scorso, la marcia di protesta è stata organizzata dall’Associazione degli Agricoltori Goldiretti. Gli agricoltori sono impegnati in una lotta non solo per sottolineare i danni arrecati ai terreni agricoli. “I cinghiali distruggono i campi e macellano le pecore, causando incidenti stradali nelle aree rurali e urbane dove mangiano immondizia. Rappresentano una seria minaccia per la salute dei cittadini “, ha affermato il sindacato.

APA/AFP/Tiziana Fabi

“Niente più cinghiali”, chiedono i manifestanti a Roma

Il numero di incidenti stradali è raddoppiato in dieci anni

Secondo Goldretty, più di 10.000 incidenti stradali all’anno sono ora causati dai cinghiali. Secondo la Farmers Association, negli ultimi dieci anni il numero di incidenti con la fauna selvatica è raddoppiato. Ciò dovrebbe corrispondere all’incirca all’aumento del numero di cinghiali nel paese. Si stima che oggi in Italia vivano più di due milioni di cinghiali. In media c’è un cinghiale ogni trenta persone. Una persona su quattro ha già incrociato nella propria vita un cinghiale.

Manifestanti con maschere di cinghiale a Roma

APA/AFP/Tiziana Fabi

Cinghiale in pericolo: questa è un’immagine disegnata durante la lotta dei contadini

Solo giovedì un incidente ha suscitato scalpore in tutta Italia: un diciassettenne della provincia di Caserta ha guidato di notte l’auto del padre in una strada di campagna con l’amico diciottenne senza patente. È stato ucciso quando il suo veicolo si è scontrato con un cinghiale che attraversava la strada. Gli animali selvatici possono crescere fino a 1,2 metri di altezza e due metri di lunghezza e pesare circa 150 kg. Lungo la strada possono viaggiare fino a 40 chilometri alla volta.

Divieto di turismo nei parchi romani

Le possibilità che i cinghiali vengano catturati di nuovo sono aumentate negli ultimi due anni. Durante il blocco legato al CoV della primavera del 2020, sono in aumento le segnalazioni di alimentazione di cinghiali nelle aree residenziali. Nella capitale italiana, gli animali fragili marrone-nero sono ormai una vista comune in molti parchi. Si ritiene che circa 23.000 cinghiali vivano a Roma e dintorni.

Cinghiali a Roma

Reuters / Remo Castiglia

Umani e animali selvatici – Questa combinazione crea conflitti

Fu solo all’inizio di maggio che l’amministrazione comunale romana vietò il turismo nei parchi a nord della città. A metà mese, il sindaco socialdemocratico romano Roberto Gualtieri ha annunciato l’intenzione di prendere di mira e uccidere gli animali selvatici. In precedenza, la capitale ei suoi dintorni erano l’Africa dei cinghiali
Gli è stata diagnosticata l’influenza suina.

Piani per distruggere

Il governo italiano ha voluto pensare a come ridurre la popolazione nel Paese. Si discute di un “piano omicidio”, ha detto Andrea Costa, segretario di Stato del ministero della Salute. Ha detto alla televisione pubblica che “rispetta i sentimenti degli attivisti per i diritti degli animali e degli attivisti ambientali, ma che questa è una questione urgente e dovrebbe essere affrontata con una risposta urgente”.

Alcuni anni fa, la regione Toscana aveva pianificato di uccidere 250.000 animali, provocando violente proteste. Molte celebrità, tra cui attivisti ambientalisti e star della TV italiana, artisti e intellettuali, hanno lanciato una campagna contro l’uccisione pianificata di animali.

Problema creato dall’uomo

Secondo gli attivisti per i diritti degli animali, ci sono altri modi per controllare la condizione, ad esempio i farmaci che influiscono sulla fertilità degli animali. Oppure dovresti limitare i tratti stradali con recinzioni e consentire alla fauna selvatica di attraversare le strade con cavalcavia o sottopassi.

I cinghiali stanno crescendo rapidamente in Italia per la mancanza di predatori naturali. Potrebbe esserci un’altra causa artificiale del problema. Negli anni ’90 i bracconieri portavano in Italia animali dall’Ungheria e da altri paesi dell’Europa orientale. Questi erano più grandi e più forti del cinghiale italiano – e più fertili.

READ  Posto al sole - politica