Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inquinanti e nanoparticelle: gli alberi di betulla lisciviano le microplastiche dal suolo

Inquinanti e nanoparticelle
Le betulle filtrano le microplastiche dal terreno

Corrosione di pneumatici, fibre sintetiche e rifiuti di plastica nei fanghi di depurazione: le microplastiche si disperdono non solo nell’acqua, ma anche nel suolo. I ricercatori stanno studiando se gli alberi assorbono queste molecole e lasciano brillare le radici di betulla d’argento.

In uno studio pilota, i ricercatori guidati dal Leibniz Institute for Freshwater Ecology and Inland Fisheries (IGB) hanno scoperto che la betulla d’argento assorbe la microplastica attraverso le sue radici durante la fase di crescita. Il Risultati dell’indaginepubblicato sulla rivista Science of the Total Environment, suggerisce che alcune piante possono essere utilizzate per liberare il suolo dalle microplastiche.

Si sapeva già che queste minuscole particelle vengono assorbite nelle radici delle piante agricole come il grano. I ricercatori, guidati da Kat Austin dell’IGB, ora volevano sapere come si comportano le piante longeve. scegli betulla argentata (Bitola Pendula Sterco) per i loro studi perché formano radici poco profonde che si diffondono appena al di sotto della superficie del suolo. È anche il luogo in cui c’è la più alta concentrazione di inquinamento da microplastica. Inoltre, questi tipi di alberi sono già utilizzati per il trattamento del suolo. Il motivo: è stato dimostrato che assorbe e scompone gli inquinanti industriali e i metalli pesanti nei suoi tessuti. I microbi che colonizzano gli alberi aiutano ad abbattere.

Particelle luminose nelle radici

Per lo studio, i ricercatori hanno prima etichettato perline di microplastica con un diametro da cinque a cinquanta micrometri (5-50 micrometri) con un colorante fluorescente. Questi sono stati posti nel terreno dei vasi in cui erano gli alberi. Cinque mesi dopo, gli scienziati hanno prelevato campioni delle radici e li hanno esaminati utilizzando la microscopia a scansione laser. Hanno trovato caratteristiche particelle microplastiche in diverse sezioni e strati del sistema radicale. La percentuale di parti di radici contenenti particelle di microplastica variava dal 5 al 17 percento negli alberi di prova.

“Il tasso di assorbimento delle microplastiche e il loro impatto sulla salute degli alberi a breve e lungo termine non sono stati studiati. Ma questo studio pilota indica che la betulla ha un potenziale reale per soluzioni di trattamento del suolo a lungo termine, inclusa la riduzione della quantità di microplastiche nelle microplastiche ”, spiega Kate Austin, del suolo e possibilmente dell’acqua. Secondo un comunicato della Confederazione sindacale internazionale.

Le microplastiche non sono un problema crescente nei corpi idrici. Si stima che un terzo degli oltre 400 milioni di tonnellate di plastica prodotte ogni anno nel mondo finisca nel suolo o nelle acque interne. La maggior parte di queste parti in plastica si degrada gradualmente in microplastiche, cioè in particelle di dimensioni inferiori a cinque millimetri. Successivamente, questi frammenti diventano nanoparticelle invisibili con una dimensione inferiore a 0,1 μm. È molto probabile che queste molecole finiscano nel ciclo alimentare attraverso colture come il grano e quindi nei piatti delle persone. Se il danno causato da queste parti al corpo umano e quale danno può essere stimato solo finora.

READ  Frutta e verdura autunnali rafforzano il sistema immunitario