Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inflazione, investimenti, tasse: come tre “paesi in bancarotta” dipendono dalla Germania

Inflazione, investimenti, tasse: come tre “paesi in bancarotta” dipendono dalla Germania

Attenzione, ecco la vera svolta: i tedeschi, che in passato definivano l’Europa come un’oasi di stabilità e un luogo con tassi di crescita modesti ma solidi, ora sono dalla parte dei perdenti.

I vincitori sono i paesi che spesso vengono definiti recessione e inflazione allo stesso tempo: Italia, Spagna, Grecia. La cosiddetta “Cintura del Sud” supera la più grande economia dell’UE. Gli ex perdenti sono diventati vincitori. Potrebbe essere un'istantanea, ma questo momento durerà almeno un anno – concordano gli economisti.

Molti pensavano che la Meloni stesse mettendo l’Italia con le spalle al muro, ora le cose sono diverse

Per quanto riguarda la Germania, ora hanno rivisto le loro previsioni – al ribasso. Secondo cinque importanti società di ricerca economica, l’economia è in difficoltà. Nel rapporto di primavera si attendevano una crescita solo dello 0,1%. Non è meno possibile aggiungervi la parola “sviluppo”.

Non è così nel Sud dell’Europa. L’Italia, tra tutti i posti, si distingue dalla tendenza negativa sotto il Primo Ministro Giorgia Meloni, che gli osservatori tedeschi credevano che quando fosse stata eletta avrebbe messo il Paese con le spalle al muro con le sue tendenze di destra.

L’economia italiana sta andando relativamente bene: solo nell’ultimo trimestre del 2023 è cresciuta dello 0,6% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Il prodotto interno lordo (PIL) reale dell’Italia è cresciuto del 4,2% rispetto al quarto trimestre del 2019 – l’ultimo trimestre prima del coronavirus – calcola l’ufficio statistico italiano. La Germania, d’altro canto, sta languendo come cinque anni fa.

Soldi da Bruxelles, super bonus – L'Italia accelera

I tassi di interesse tra i titoli di stato tedeschi e italiani sono aumentati di oltre 250 punti base dopo la vittoria elettorale di Meloni, ma i timori di fondo che Meloni possa inasprire le relazioni con l’UE e abbandonare la rigorosa disciplina di bilancio del suo predecessore Mario Draghi non si sono concretizzati.

Oggi il divario di lunga data si è ridotto. Dall'inizio dell'anno i tassi di interesse sui titoli di Stato italiani a dieci anni si aggirano intorno al 3,7%. Nello stesso periodo i titoli tedeschi a dieci anni sono saliti dal 2 al 2,4%. I tassi di interesse sono una misura del rischio che gli investitori valutano quando acquistano titoli di Stato.

Il denaro proveniente da Bruxelles ha contribuito alla crescita. L’Italia è il maggiore beneficiario del fondo di salvataggio europeo istituito durante la pandemia. Oltre a questi soldi, un “super bonus” nella spesa pubblica ha stimolato l’economia. Nel corso degli anni i proprietari di case hanno potuto rendere le loro facciate più efficienti dal punto di vista energetico o installare pannelli solari sui loro tetti, e non solo hanno recuperato i costi attraverso le tasse, ma hanno anche ricevuto il 10% dell'investimento.

Ciò ha dato un grande impulso al settore delle costruzioni, ma è costato caro al governo, poiché Maloney ha interrotto il programma stabilito dai suoi predecessori.

Spagna superstar: nessuna preoccupazione per l’inflazione, ma per la disoccupazione

La Spagna è la superstar del momento, mentre l'Italia si distingue leggermente dalla Germania stanca. Secondo i dati preliminari, lo scorso anno l’economia ha subito una contrazione è cresciuto del 2,5%. Quindi è al primo posto tra i grandi paesi dell’UE.

Gli spagnoli si spingono avanti: i consumi interni sono il fattore più forte che spinge la crescita. A differenza dei tedeschi, gli spagnoli acquistano perché non si preoccupano dell’inflazione. Questo perché i prezzi dell’energia sono aumentati solo modestamente in un Paese che non dipende dal gas russo.

Inoltre, l’industria ad alta intensità energetica contribuisce meno alla produzione economica rispetto alla Germania. L’industria più importante è il turismo, che durante la pandemia è stato una maledizione ma ora è una benedizione. Il tallone d'Achille è la disoccupazione all'11,8%, ma questa cifra relativamente alta è la più bassa della Spagna negli ultimi 15 anni.

Grecia: salario minimo più alto e tasse in calo

La Grecia è davvero affascinante. Deutsche Bank ha dedicato un proprio rapporto completo al modello di successo. “Mentre la Grecia è stata più volte sull'orlo della bancarotta durante la crisi del debito degli anni 2010, il paese è ora una delle regioni in crescita d'Europa”, scrivono gli analisti e parlano di uno “straordinario ritorno economico”. La Spagna ha un contributo turistico crescente.

Ma il governo del primo ministro conservatore Kyriakos Mitsotakis sta facendo bene anche sul piano politico, scrivono gli analisti. Evidenziano un aumento del salario minimo mensile statale da 650 euro a 780 euro, nonché una diminuzione delle tasse e dei contributi previdenziali.

Il debito pubblico diminuisce. Sebbene la Grecia sia ancora al primo posto nell’UE, a differenza di molti altri paesi europei, la tendenza punta in una direzione positiva. Le agenzie di rating se ne sono accorte e hanno dato alla Grecia un rating di credito migliore, il che significa che il paese può prendere a prestito a tassi di interesse più convenienti.

Gli aggettivi dei migliori economisti per la Germania: “difficile”, “giù”, “zoppo”

I migliori economisti degli istituti di ricerca economica hanno un’interpretazione completamente diversa quando parlano della Germania.

“Grave debolezza economica”, “forze di crescita in diminuzione” e “crescita economica complessiva paralizzante” coprono tutto, le parole chiave del loro rapporto di primavera suonano come una valutazione medica di una persona gravemente ferita che è stata in riabilitazione per mesi.

“Con l'attuale attività economica stagnante, la politica paralizzante e le sofferenze della crescita, il tono economico sta cambiando da piccolo a grande”, afferma Stefan Kooths, responsabile dei cicli economici presso l'Istituto Kiel per l'economia globale. Vuol dire che i tempi si stanno facendo più difficili.