Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inevitabile per l’inflazione: Vonovia annuncia forti aumenti degli affitti

Inevitabile a causa dell’inflazione
Vonovia annuncia forti aumenti degli affitti

L’inflazione colpisce tutti i cittadini tedeschi. In futuro, questo probabilmente si applicherà anche ai costi abitativi. Il più grande gruppo immobiliare della Germania ha già annunciato aumenti degli affitti. Più di centinaia di migliaia di case sono state colpite.

Milioni di inquilini tedeschi devono adattarsi all’aumento dei costi abitativi: la più grande società immobiliare tedesca, Dax Group Vonovia, considera inevitabili aumenti degli affitti elevati dati gli alti tassi di inflazione. “Se l’inflazione è permanentemente al quattro percento, gli affitti dovranno aumentare di conseguenza ogni anno in futuro”, ha detto a Handelsblatt il CEO di Fonufia Rolf Buch. In caso contrario, molti proprietari dovranno affrontare un problema serio.

“Non possiamo fingere che l’inflazione superi gli affitti. Questo non funzionerà”, ha aggiunto Buch. Il gigante immobiliare possiede circa 565.000 appartamenti, la maggior parte dei quali in Germania. L’affitto medio di Vonovia è salito a 7,40 euro al metro quadrato nei primi tre mesi di quest’anno, con un aumento del 3,1% rispetto all’anno precedente. Questo è ancora ben al di sotto dell’attuale tasso di inflazione di poco meno dell’8%.

I proprietari condividono i costi della CO2

Per contrastare l’aumento dei prezzi, il governo federale sta cercando di esentare gli inquilini. Ad esempio, il Consiglio dei Ministri ha deciso che i proprietari dovranno contribuire ai costi della tassa sull’anidride carbonica introdotta nel 2021. Ciò dovrebbe applicarsi dal prossimo anno. Quindi i proprietari sostengono dal 90 allo zero percento dei costi. Più una casa è efficiente dal punto di vista energetico, minore è la tua quota di costi. Questo dovrebbe essere un incentivo a sostituire i vecchi riscaldatori o finestre. Il modello a fasi copre più di 13 milioni di appartamenti. Nel caso di immobili commerciali, sia gli affittuari che i proprietari devono inizialmente sostenere la metà dei costi di CO2.

Finora, la tassa sulla CO2 è a carico dei soli inquilini. “I condomini danneggiati stanno attualmente sostenendo costi di anidride carbonica stimati in un miliardo di euro, che sarà interamente a carico degli inquilini”, si legge nel disegno di legge presentato a Reuters. L’Associazione Inquilini ha fissato i costi di CO2 per una casa tipo in appartamento non rinnovabile a 130 euro per il riscaldamento a gas e 190 euro per il riscaldamento a gasolio nel 2022. Nell’accordo di alleanza, hanno annunciato SPD, Verdi e Partito Libertà e Democrazia che le spese sarebbero ripartite da luglio 2022. .

READ  Il DAX chiude di più - TUI vuole raccogliere milioni per il First Hotel Fund - L'inflazione di gennaio supera le aspettative - Daimler cambia il nome dell'azienda - Focus su BASF, Siemens Gamesa, Stabilus, ATOSS | newsletter