Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Industria automobilistica, chimica e farmaceutica: le principali industrie tedesche sono al collasso

Industria automobilistica, chimica e farmaceutica: le principali industrie tedesche sono al collasso

Giovedì si è tenuto un altro incontro di crisi alla Cancelleria. Questa volta con il cancelliere Olaf Scholz, il ministro dell’economia Robert Habeck, il ministro della sanità Karl Lauterbach e rappresentanti dell’industria farmaceutica. Il loro messaggio era chiaro: se le condizioni dei siti in Germania non cambiano rapidamente e radicalmente, l’industria non avrà altra scelta se non quella di trasferire posti di lavoro e valore aggiunto su larga scala.

L’industria, che ha realizzato un fatturato di 56 miliardi di euro nel 2022, come l’industria automobilistica e quella chimica, è da tempo uno dei settori economici più redditizi con i posti di lavoro meglio retribuiti. Per l’economia tedesca erano ciò che in termini manageriali viene chiamata “vacca da mungere”: i migliori produttori di denaro. Oggi i tre devono lottare contro enormi problemi, alcuni causati da loro stessi, ma molti causati dalla politica. Dopo l’incontro di Berlino è emerso chiaramente che il ministro della Sanità Lauterbach è particolarmente bravo in una cosa: nella comunicazione politica. “Lauterbach vuole portare la produzione di farmaci in Germania”, titolava Sueddeutsche e decine di altri media, come se il politico potesse portare la produzione con la stessa facilità con cui si trattasse del latte di un supermercato.

L’obiettivo principale dell’incontro di Berlino era quello di mantenere le aziende farmaceutiche con sede in Germania. Come altri settori dell’economia, soffre di un mix tossico di burocrazia e alti costi energetici. Ciò che la burocrazia intende qui è che anche l’approvazione delle procedure di test, e ancor di più, l’approvazione di nuovi farmaci richiede molto più tempo in Germania che altrove – a meno che il farmaco non sia urgentemente necessario politicamente, come un vaccino contro il coronavirus. Oltre agli ostacoli alla ricerca, le aziende farmaceutiche soffrono anche dei prezzi elevati dell’elettricità e del gas. In molti casi non è possibile trasferire l’aumento dei costi perché i prezzi di molti medicamenti sono determinati dai contratti stipulati con le casse malati. Molti medicinali essenziali possono quindi essere prodotti a costi molto inferiori in Asia. Nell’ambito del Healthy Industrial Policy – ​​Progress Dialogue, diverse aziende produttrici in Germania, tra cui Amgen, Bayer, Gilead, GlaxoSmithKline, Novartis, Roche e Boehringer Ingelheim, cercano di attirare l’attenzione sulla loro situazione. Dopo l’incontro Lauterbach ha promesso di “riportare la produzione in Germania” e di semplificare il processo di approvazione. Non è del tutto chiaro se ciò avverrà effettivamente. Il divario nella ricerca rispetto ad altri paesi non esisteva solo ieri.

La Gran Bretagna possiede circa 20 volte più brevetti medici della Germania. Ma anche se le promesse di Lauterbach di ridurre la burocrazia diventassero realtà, da sole non aiuteranno l’industria se i costi energetici rimangono così alti. Sembra che Robert Habeck non voglia assorbire aziende qui, né nei settori farmaceutico, chimico o dei composti.

La crisi colpisce più duramente un’azienda del settore: la Bayer. Il gruppo soffre a causa dei prezzi dell’energia, ma soffre anche dei propri sintomi di crisi. Il 20 novembre, il prezzo delle azioni Bayer è sceso di 18. Da un lato, ciò è dovuto al completamento dello studio del farmaco per il quale Bayer riponeva grandi speranze – e a una nuova sconfitta nella serie di cause legali relative all’ingrediente per la protezione delle colture ” glifosato” negli Stati Uniti. Bayer aveva originariamente impegnato 16 miliardi di dollari nelle procedure; Ci sono ancora ben 6 miliardi di dollari nelle casse del Tesoro e si sta lavorando per limitare le perdite di capitale negli investimenti. Anche gli elevati costi energetici incidono sui margini.

Anche la seconda grande industria delle vacche da mungere ha registrato risultati mediocri. Nell’industria chimica, i costi energetici hanno un impatto maggiore sui risultati e sull’occupazione. Il leader del settore BASF ha quindi chiuso diversi stabilimenti nel suo stabilimento principale di Ludwigshafen, compreso uno stabilimento di ammoniaca, e ha tagliato 700 posti di lavoro nella produzione, nonché 2.600 posti di lavoro nei servizi e nella ricerca. Evonik, la seconda azienda dell’industria chimica, prevede di ottenere un risparmio sui costi di 250 milioni di euro. Il piano prevede l’outsourcing di tre divisioni, di cui due in Germania, che attualmente impiegano 4.000 persone. È improbabile che le nuove società di servizi catturino tutti: il gruppo non garantisce chiaramente l’occupazione. L’azienda chimica americana Dow, che impiega circa 3.600 persone in Germania, prevede di tagliare circa 2.000 posti di lavoro. Presso l’azienda chimica Lanxess di Colonia la contrazione di 460 posti di lavoro è ancora relativamente moderata. Ma in tutto il settore si dice: se l’energia resta costosa in Germania, i tagli di posti di lavoro e la delocalizzazione della produzione continueranno più velocemente di prima.

L’industria automobilistica, un tempo la più produttiva delle tre vacche da latte, è quella che soffre di più. Ha ricevuto un doppio colpo: ovviamente anche gli alti costi energetici – ma più importante è il divieto dei motori a combustione fino al 2035, ordinato dall’Unione Europea e sostenuto con entusiasmo dal ministro dell’Economia Robert Habeck. Entrambi insieme potrebbero alla fine rivelarsi fatali per l’intero settore. Dei 27.000 posti di lavoro nel settore delle forniture automobilistiche di Bosch, circa l’80% dipende dai motori a combustione. L’azienda, che appartiene all’aristocrazia industriale tedesca, sta per subire una ristrutturazione della motosega. Per lo stesso motivo, il produttore di trasmissioni ZF ha già annunciato che taglierà 6.000 posti di lavoro nel suo stabilimento di Saarbrücken. Anche l’amministratore delegato della casa automobilistica Mahle, dove attualmente lavorano 30.000 dipendenti, sta preparando un significativo ridimensionamento del personale: “Saremo molto più piccoli”. Il produttore di pneumatici Michelin vuole chiudere quattro dei suoi stabilimenti tedeschi con un totale di 1.500 dipendenti. Entro il 2025. Per il gruppo il fattore decisivo sono i prezzi energetici più alti rispetto ai produttori asiatici, ma anche la possibilità che in futuro meno automobili trovino acquirenti in generale.

Nei suoi discorsi, senza usare esplicitamente questo termine, Habeck richiama il concetto di “distruzione creativa” di cui parla Joseph Schumpeter: dove il vecchio scompare e arriva il nuovo. Tuttavia Hapiknomics prevede solo la distruzione di modelli di business collaudati, cioè una distruzione non creativa. L’illusione di ottenere almeno un valore aggiunto attirando impianti di produzione di veicoli elettrici in Germania sta attualmente crollando. Le fabbriche desiderabili vengono costruite dove i prezzi economici dell’elettricità e le tasse relativamente basse sono attraenti: il produttore cinese di auto elettriche BYD non sta costruendo la sua fabbrica europea a Saarlouis, come sperato, e Ford chiuderà presto i battenti. Ma in Ungheria. Ford, a sua volta, produrrà la sua nuova auto elettrica a Valencia, in Spagna.

Finora il cancelliere Olaf Scholz e il suo ministro dell’economia non sembrano aver notato quali minacce potrebbero minacciare l’economia se le tre industrie più potenti del paese scivolassero contemporaneamente in una crisi dovuta in gran parte alla politica. Non ad una crisi economica dopo la quale le cose miglioreranno di nuovo, ma ad una profondità di cui al momento non si vede la fine.

Nonostante il congelamento del bilancio e il deficit di 60 miliardi di dollari, Schulz ha recentemente annunciato un’enorme iniezione di 4 miliardi di dollari nell’iniziativa UE-Africa sull’idrogeno. Si è poi recata con metà del gabinetto alla conferenza sul clima di Dubai per donare 100 milioni di euro al Fondo globale per il clima. Economia locale? Può aspettare. Prima o poi ci sarà un altro vertice in Cancelleria.

annuncio