Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incontro con i rappresentanti dei paesi della CSI: Putin cerca di avvicinarsi ai paesi dell’ex Unione Sovietica

Incontro con i rappresentanti dei paesi della CSI
Putin cerca il riavvicinamento con i paesi dell’ex Unione Sovietica

La Russia ha molte ex repubbliche sovietiche come la Bielorussia tra i suoi alleati. Ora il presidente Putin vuole sviluppare ulteriormente la cooperazione con loro e vi invita a parlare. Ma con alcuni paesi dell’ex Unione Sovietica, la cooperazione non è più un’opzione.

30 anni dopo la fine dell’Unione Sovietica, il presidente russo Vladimir Putin ha chiesto una maggiore cooperazione con i paesi dell’ex gigante impero. In una riunione della CSI dominata da Mosca a San Pietroburgo, ha detto, secondo il Cremlino, che molte cose sono cambiate radicalmente negli ultimi decenni.

Pertanto, l’istituzione dell’organizzazione nel dicembre 1991 è stata giustificata da problemi di sicurezza ed economici. L’associazione libera è sorta prima che l’Unione Sovietica cessasse ufficialmente di esistere alla fine di dicembre 1991, dopo circa 70 anni. Con l’organizzazione, dovrebbe continuare la cooperazione dell’era sovietica. Ma dopo il crollo, le ex repubbliche si sono sviluppate in modo molto diverso. “Devo dire che le relazioni che esistono dai tempi dell’Unione Sovietica giocano un ruolo ampiamente positivo”, ha detto Putin.

La Russia ha tra i suoi alleati diverse ex repubbliche sovietiche come la Bielorussia e il Kazakistan in Asia centrale e l’Armenia nel Caucaso. Putin non ha menzionato che la vicina Ucraina, ad esempio, non sta più cooperando per protestare contro l’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014 o della Georgia dopo un attacco russo nel 2008. Mosca chiede garanzie di sicurezza vincolanti dall’Occidente di fronte a numerosi conflitti. Pertanto, la NATO non dovrebbe intraprendere alcuna ulteriore espansione verso est. L’alleanza militare occidentale non ha mostrato alcuna volontà di adattarsi a questa tendenza.

Per settimane, la principale preoccupazione in Occidente era che la Russia avesse accumulato decine di migliaia di soldati in regioni non lontane dall’Ucraina. Il ministero della Difesa di Mosca ha annunciato, sabato, che oltre 10mila soldati torneranno alle loro basi dopo una manovra. Non è ancora chiaro quante persone fossero al confine con l’Ucraina.

READ  Johnson Booster vs. Alternativa - Lo studio porta una grande sorpresa