In Italia i chioschi si trasformano sempre più in rigattieri – Panorama

Date:

Share post:

Piero Esposito
Piero Esposito
"Appassionato di alcol. Ninja di Twitter. Amante della TV. Cade molto. Fanatico del caffè hipster."

Panorama



Nelle città italiane i chioschi verdi fanno parte della scena stradale. Ma per quanto tempo? Ora l'Edicola più famosa del paese è vittima della morte dei giornali – e probabilmente del turismo.

Un tempo chiosco, ora negozio di souvenir: questa trasformazione è frequente. Foto: Christoph Sater (Dpa)

1/2

Le sorelle Pisano hanno perseverato per quasi un quarto di secolo. Estate e inverno, ogni mattina alle cinque e mezza. Non solo ad agosto, quando l'Italia è quasi chiusa per ferie, ma nemmeno la domenica, giorno del Signore. Dal 2002, invece, Alessandra e Patricia Pisano aprono la loro edicola ogni mattina alle 5,30 in piazza Vittorio Emanuele II, una delle piazze più belle di Roma. Le saracinesche sono abbassate intorno alle 15.00. Finché Alessandra, di un anno più giovane a 59 anni, si ammalò gravemente. “Non posso più farcela da sola”, dice Patricia. “E non siamo riusciti a trovare un successore.”

Ciò significa che presto l'Italia avrà un'edicola in meno, una di quelle meravigliose edicole antiche che da decenni caratterizzano il panorama stradale di Roma e di molte altre città. All’inizio degli anni 2000, quando le sorelle Pisano rilevarono il loro chiosco, erano più di 36.000 a livello nazionale. Oggi ne esistono meno di un terzo e ogni mese se ne contano sempre di meno. Ha a che fare con diverse cose, soprattutto con la morte dei giornali come in altri paesi. E con il turismo è una specialità nazionale.

Ciò è particolarmente evidente a Roma in questi giorni: all'inizio della settimana di Pasqua, quando pellegrini e altri visitatori ritornano in gran numero nella Città Eterna, è evidente quanti negozi siano scomparsi. Non solo chioschi. Alcuni artigiani, negozianti di stoffe e droghieri non sono sopravvissuti all'inverno. Invece, ora ci sono più appartamenti Airbnb, più pizzerie e più negozi di souvenir per i clienti con zaini o valigie con ruote.

Perché anche il numero degli 11.000 chioschi sparsi sul territorio non è del tutto vero. Soprattutto a Roma, molti locali hanno un'errata etichettatura delle edicole: sembrano i vecchi chioschi, ma non esistono più. Dove un tempo si vendevano i giornali, ora ci sono souvenir di dubbio valore: elmetti di plastica dei gladiatori, calzini con motivi di pasta, magliette finte dell'AS Roma o magliette con parole ostili come “Sti Gasso” (“Fanculo”). E ancora: ombrelli, peluche, caricatori per cellulari, biglietti per tour in pullman all'aperto.

Il quotidiano La Repubblica, più fazioso, lamenta: “I proprietari dell'Edicola, che secondo noi, sono diventati rigattieri che hanno sacrificato i giornali per fare soldi facili”. Non c'è da stupirsi che sia una delle città più visitate al mondo. L’anno prossimo gli affari con i turisti saranno molto proficui: Papa Francesco ha dichiarato il 2025 anno santo. Sono attesi fino a 40 milioni di ospiti. Pochissimi comprano i giornali.

Al di fuori delle città di Roma, Milano o Firenze, Internet è la prima a colpire le edicole. La diffusione di Repubblica, Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport è diminuita drasticamente poiché sempre più persone si informano solo online. A Roma, però, si leggono meno giornali che nel Nord del Paese. Nessun abbonamento. Alla scomparsa hanno contribuito anche gli anni del Corona, particolarmente brutti in Italia. In molte città il chiosco è vuoto. Quando le cose migliorarono, diventarono negozi di fiori o piccoli bar di quartiere, il che potrebbe essere una soluzione migliore.

Per molti Eticola è sempre stata più di una semplice edicola. “Non ci siamo mai visti solo come un punto vendita”, spiega la concessionaria Patricia Pisano di Piazza Vittorio. Qui c'era sempre qualcuno con cui parlare”. La gente veniva dalle suore la mattina prima del primo caffè al bancone. “Con noi sono cresciute due generazioni di ragazzi”, dice Patricia. “Questo è quello che mi mancherà di più. “

Insieme a molti altri rivenditori, ha visto recentemente il suo business declinare durante la “notte del chiosco”. Di notte tutti i proprietari accendevano lampade o candele nei loro stand. L'industria ha fatto appello alla coalizione tripartita di destra del primo ministro Georgia Meloni affinché salvi i chioschi come bene culturale con agevolazioni fiscali e altri sussidi – finora senza molto successo.

Edicola ora è invece catturata davanti alla residenza ufficiale della Meloni, Palazzo Sigi. Era un affare di famiglia: da Luciano Mondini si incontravano ministri, deputati e giornalisti di ogni genere per commentare l'ultima crisi di governo e quant'altro. È il chiosco più frequentato d'Italia. Pochi mesi fa, dopo anni di declino, Montinis ha venduto le figlie. Oggi c'è un'altra Edicola, verde scuro e bella da vedere. Ma non più commerciante: il giornale esce da un distributore automatico.

Articolo di collegamento

Se desideri collegarti a questo articolo di Badische-zeitung.de, puoi integrare facilmente e gratuitamente il seguente codice HTML nel tuo sito web:

© 2024 Badische Zeitung. L'accuratezza delle informazioni non è garantita.
Si prega di notare anche le seguenti istruzioni per l'uso, l'informativa sulla protezione dei dati e le note legali.

Related articles

Southside Festival nel fango e nella pioggia: performance da megastar

Venerdì pomeriggio è iniziato il Southside Festival a Neuhausen op Eck. Si prevede che entro domenica il...

Il sole sta per spostarsi verso i poli: cosa significa questo per la Terra

Home pageLo sappiamostava in piedi: 22 giugno 2024 alle 14:08da: Tanja BannerInsisteDivideCirca ogni undici anni, i poli magnetici...