Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In che modo BYD vuole conquistare il mercato europeo dei veicoli elettrici?

In che modo BYD vuole conquistare il mercato europeo dei veicoli elettrici?

Al: 26 febbraio 2024 alle 19:07

È una dichiarazione di guerra per conquistare il mercato europeo: BYD, leader cinese nel mercato globale, invia le sue auto elettriche direttamente in Germania con la propria nave mercantile. L'industria spera nell'aiuto di Bruxelles.

Bremerhaven è testimone di un'anteprima: il viaggio inaugurale della “BYD Explorer 1”, la prima nave da trasporto per automobili costruita per la casa automobilistica cinese BYD, è arrivato a destinazione. Attualmente sono in fase di scarico circa 3.000 auto elettriche.

La nave mercantile, lunga circa 200 metri, aveva precedentemente consegnato 1.500 veicoli a Vlissingen, nei Paesi Bassi. In futuro, Bremerhaven, in quanto uno dei porti automobilistici più grandi del mondo, diventerà un importante centro per BYD nel mercato europeo. Per ora i numeri sono ancora sotto controllo. L’anno scorso in Germania sono stati immatricolati meno di 4.000 veicoli elettrici BYD. Ma le ambizioni dell'azienda di Shenzhen sono enormi.

Aumento veloce

BYD (“Build Your Dreams”) è stata fondata nel 1995 come fornitore di batterie e costruisce i propri veicoli dal 2003. La competenza tecnica in materia di batterie all'interno dell'azienda è spesso citata come un fattore di successo. BYD fornisce anche diverse case automobilistiche occidentali, tra cui BMW, Mercedes, Audi, Tesla, Toyota e Ford.

Ma ciò che è ancora più impressionante è la rapida crescita del settore automobilistico. Dal 2022, la divisione automobilistica di BYD ha detto addio ai motori a combustione e si è specializzata in veicoli elettrici puri e veicoli ibridi. Nel quarto trimestre del 2023, BYD ha raggiunto la vetta del mondo vendendo più di 526.000 auto.

Le vendite in Germania dovrebbero raddoppiare

È chiaro da tempo che i cinesi stanno lavorando per conquistare il mercato europeo dei veicoli elettrici. Recentemente, solo l’8% circa dei veicoli elettrici europei proveniva dalla Cina. Ma ora ci sono sempre più segnali della serietà del leader del mercato cinese. BYD ha affittato il più grande stand espositivo alla recente fiera automobilistica IAA di Monaco. “Dopo appena undici mesi siamo già rappresentati in 15 paesi europei”, ha annunciato il presidente europeo Michael Shaw.

Dopo che lo scorso anno Volkswagen è stata costretta a cedere la propria leadership nel più grande mercato cinese di veicoli elettrici a BYD, un altro cambio simbolico della guardia segnala nuove realtà. Nel Campionato Europeo di calcio 2024 in programma quest'anno in Germania, il partner pubblicitario ufficiale non è più Volkswagen, ma BYD.

Previste 100 concessionarie di automobili in Germania

Allo stesso tempo, il gruppo sta espandendo notevolmente la propria presenza in Germania. BYD ha già concessionarie di automobili nella maggior parte delle principali città, con l’obiettivo di raggiungere circa 100 negozi. Secondo l’azienda, in futuro il 90% dei tedeschi dovrebbe essere in grado di raggiungere un negozio BYD in meno di 30 minuti in auto. L'obiettivo dichiarato dei cinesi è quello di essere tra i primi cinque in Germania e in Europa. A questo scopo è già stato progettato il primo stabilimento dell'azienda in Ungheria. BYD vuole vendere 120.000 auto elettriche in Germania entro il 2026.

BYD offre attualmente cinque modelli in Europa, con altri tre in programma di arrivare sul mercato quest'anno. Con il francobollo BYD, che in Germania costa circa 45.000 euro, l'azienda attacca direttamente il Modello 3 più venduto di Tesla.

L'industria guarda a Bruxelles

BYD ha venduto più di tre milioni di veicoli in tutto il mondo lo scorso anno. Di queste auto, 1,6 milioni erano esclusivamente elettriche. In questa categoria, cioè senza ibridi, nel 2023 Tesla era ancora avanti di 1,8 milioni di auto.

Ma nonostante gli ambiziosi obiettivi di crescita di Tesla, gli osservatori del settore ritengono che sia solo questione di tempo prima che i cinesi superino il leader del mercato statunitense nelle vendite di modelli esclusivamente elettrici. Il CEO di Tesla, Elon Musk, ha recentemente messo in guardia sulla vittoria dei concorrenti dell'Estremo Oriente. Non si è limitato a discutere dei costi di produzione notoriamente bassi. “Sono molto bravi”, ha spiegato il miliardario della tecnologia. Se non ci fossero barriere commerciali, “praticamente distruggerebbe la maggior parte delle altre case automobilistiche del mondo”, secondo le cupe previsioni di Musk.

Anche se le case automobilistiche tedesche raramente sono così visibili, è chiaro che l’industria guarda sempre più a Bruxelles. Mentre negli Stati Uniti i dazi d’importazione del 25% impediscono ancora ai fornitori cinesi di entrare nel mercato, anche in Europa stanno emergendo nuovi meccanismi di protezione.

La Commissione europea accusa da tempo la Cina di utilizzare sussidi ingiusti per mantenere artificialmente bassi i prezzi dei veicoli elettrici sul mercato europeo, distorcendo così la concorrenza. Per questo motivo ha avviato un'indagine sulla portata della violazione delle norme commerciali internazionali e del danno subito dai produttori europei. Se necessario, Bruxelles vuole rispondere con tariffe punitive.

Con materiali da Eva Lampe-Schmidt, ARD Studio Shanghai.

Eva Lampe-Schmidt, ARD Shanghai, Tagesschau, 15 febbraio 2024, 4:57