Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Impara la matematica più facilmente: questi cinque suggerimenti possono aiutare tuo figlio

Impara la matematica più facilmente: questi cinque suggerimenti possono aiutare tuo figlio

Bambino e famiglia

Aggiornato il 18 dicembre 2023 alle 14:23

Tuo figlio non è bravo in matematica? Quindi non è un motivatore per i genitori dire: non sei solo, è una tradizione nella nostra famiglia.

Altro sulla famiglia

“I genitori dovrebbero invece concentrarsi sull’introduzione del bambino alla matematica in modo giocoso”, consiglia Uta Reimann-Hohn, terapista educativa di lernfoerderung.de, autrice di libri e YouTuber. Un allevatore qualificato di Wiesbaden offre 5 consigli:

1. La matematica nella vita quotidiana

Da un lato, i giochi da tavolo sono un’opzione che funziona solo con le operazioni aritmetiche. D’altro canto può essere utilizzato anche nelle situazioni quotidiane in cui la matematica è nascosta. Un esempio di ciò è chiedere a un bambino di stimare la distanza da sua nonna. “I chilometri possono quindi essere facilmente convertiti in metri e centimetri”, spiega Ota Reimann-Hone.

Nella vita di tutti i giorni si possono utilizzare anche altre unità di misura: quanto pesa il fratello minore? Quanto pesa il nonno? Qual è la differenza tra chilogrammo, grammo e milligrammo?

2. Rafforza la matematica in modo divertente

Ota Reimann-Hone sconsiglia di fare pressione sui bambini deboli in matematica. Raccomanda invece di incontrare il bambino dove si trova e di incoraggiarlo attraverso la pratica indiretta.

“Se il bambino non è interessato allo spettacolo quando vanno a teatro insieme, ma si concentra sul conteggio delle lampadine sul soffitto, puoi usarlo e formulare problemi aritmetici”, fa un esempio l’educatore. Ad esempio: quanti LED ci sono in una fila orizzontale e verticale? Quanti quadrati hai contato?

Una vacanza può essere anche l’occasione per esercitarsi in matematica con il bambino: “Guarda la mappa per vedere quanti chilometri mancano per arrivare alla destinazione. Dove facciamo il riposo o la notte dopo ogni trimestre?”. suggerisce Riemann-Skorn.

3. Trova il momento giusto

Se i bambini sono più grandi e nel pieno della pubertà, bisogna fare attenzione se si vogliono “disturbarli” con esercizi di matematica. “Non ha senso iniziare con l’argomento quando si è seduti davanti al computer. È meglio adattarlo al proprio periodo di tempo”, afferma l’esperto di terapia dell’apprendimento.

Leggi anche: Studio: solo il 31% si sente ben preparato alla vita professionale attraverso la scuola

4. Gli estranei spesso possono aiutare meglio

Tuttavia, l’insegnante trova preoccupante quando i genitori cercano di insegnare ai propri figli da soli. Ciò porta spesso a malintesi e può appesantire ulteriormente un rapporto già teso in questa fase dello sviluppo. “È meglio coinvolgere persone dall’esterno o persone che hanno un buon rapporto con il bambino, come ad esempio uno zio”, dice Reiman. Eccoli.

Nella sua esperienza, i genitori di famiglie con figlio unico spesso incolpano il fallimento dei loro figli in matematica, e spesso lo trovano imbarazzante. “Questa pressione non migliora le cose.”

5. Matematica per il lavoro dei tuoi sogni

La motivazione pratica nella vita quotidiana può essere di grande aiuto. Ad esempio, se il bambino sogna di fare un certo lavoro in seguito, puoi chiedere ad amici o conoscenti che lavorano in quel campo – come piloti, macchinisti, commesse o chirurghi – di spiegare al bambino come la matematica gioca un ruolo nel loro lavoro. . “Perché il motore è sempre il motore”, afferma Reiman-Hone. (dpa/ela/spl)
© Agenzia di stampa tedesca / A cura di Ella

Certificato JTI

Ecco come funziona la redazione“Ti insegna quando e cosa segnaliamo i bug, come gestiamo i bug e da dove provengono i nostri contenuti. Quando segnaliamo, rispettiamo le linee guida Iniziativa per la fiducia nel giornalismo.