Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il virologo Christian Drosten teme 100.000 nuovi decessi per coronavirus

A causa degli alti numeri di corona, il virologo lancia l’allarme: la situazione è più grave di quanto non fosse un anno fa. Ora devi reagire rapidamente.

Mondo dei virus Christian Drosten Vede la Germania in “stato di emergenza” con Corona e valuta l’imposizione di nuove restrizioni ai contatti. “Dobbiamo fare qualcosa adesso”, ha detto martedì il capo del dipartimento di virologia della Charité di Berlino nel podcast NDR “Coronavirus Update” sulla situazione attuale in Germania.

Se non ci sono reazioni ora, ciò potrebbe avere gravi implicazioni, secondo Drosten: data l’esperienza in Inghilterra, che ha un tasso di vaccinazione altrettanto alto, ma significativamente più infezioni naturali e decessi per corona, è concepibile che 100.000 moriranno di nuovo per corona. Per la Germania ha detto il virologo. “Questa è una stima prudente”, ha aggiunto.

“Dobbiamo colmare le lacune vaccinali”

A medio e lungo termine, la via d’uscita dall’epidemia è chiara: “Dobbiamo colmare le lacune vaccinali”. Un “bersaglio ideale” dovrebbe essere una “popolazione tre volte completamente vaccinata”. Tuttavia, date le unità di terapia intensiva complete, non si può aspettare.

A breve termine, le misure dovrebbero essere discusse di nuovo, ha detto Drosten, “che in realtà speravamo di avere alle nostre spalle”. “Quindi ora è probabile che possiamo controllare nuovamente l’attività dell’infezione attraverso procedure di contatto – non probabile, ma certamente”, ha detto il virologo. Anche il comportamento della popolazione ha avuto un effetto nelle ondate precedenti. “Devi chiarire che è molto pericoloso.” Gli ospedali devono anche ricevere un sostegno finanziario in modo da poter mantenere gratuitamente i letti di terapia intensiva.

READ  Coronavirus a Berlino: il tasso di infezione scende a 351,4 - Aumenta l'occupazione dei posti letto in terapia intensiva - Berlino

Drosten: I test non sono freni di emergenza

Tuttavia, Drosten non è convinto che i test di massa possano rompere l’onda. “Le prove sono intese come frenate di emergenza (…). Ma in ogni caso non lo saranno”. Drosten afferma che i test in primavera hanno contribuito al fatto che l’ondata si è conclusa rapidamente. Ma ormai molte persone sono vaccinate e non è più necessario testarle per raggiungere determinate zone. “È inutile se i test sono gratuiti, il vaccino non verrà testato”, afferma Drosten.

Si aspetta un inverno molto stressante “con una nuova, diciamo con calma: misure di lockdown”. Misure come il 3G o anche il 2G potrebbero non essere sufficienti per ridurre adeguatamente il numero di infezioni data la variabile delta. Drosten ha detto che il mutante ha rimescolato le carte perché le persone vaccinate si sarebbero mosse più velocemente con loro. “Stiamo peggio di un anno fa”.