Dicembre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Viagra può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer del 70 percento

Getty Images

Uno studio I ricercatori della Cleveland Clinic mostrano che il Viagra può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer del 70 percento.

Per questo, sono stati analizzati i dati di 7,2 milioni di persone.

La causalità non è stata ancora dimostrata, ma la conoscenza fornisce una base per ulteriori indagini.

Secondo quanto ora pubblicato sulla rivista specializzata “The Nature of Aging”. studio L’assunzione di sildenafil, meglio conosciuto con il marchio Viagra, sembra ridurre il rischio di malattia di Alzheimer di circa il 70%.

Lo studio, condotto da ricercatori della Cleveland Clinic degli Stati Uniti, si basa sui dati dell’assicurazione sanitaria di oltre 7,2 milioni di persone. L’analisi dei registri ha mostrato che, secondo i dati, le persone che assumevano il sildenafil avevano meno probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer nei sei anni successivi rispetto ai pazienti che non assumevano il farmaco. Gli utilizzatori di sildenafil avevano un rischio inferiore del 69% di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto ai non utilizzatori.

Il team di ricerca ha utilizzato metodi computazionali per identificare marcatori biologici o cognitivi che potrebbero teoricamente portare al morbo di Alzheimer. Utilizzando questi marcatori, i ricercatori guidati dal biologo informatico Feixiong Cheng hanno studiato farmaci approvati negli Stati Uniti che potrebbero teoricamente aiutare a contrastare i fattori limitanti. Il sildenafil, che è spesso usato per trattare la disfunzione erettile, si distingue da tutti gli altri farmaci che sono stati testati come particolarmente promettenti.

Ricerche precedenti avevano suggerito che il sildenafil potrebbe avere altri benefici per la salute grazie alla sua interazione con le proteine ​​amiloide e tau, che sono essenziali per il morbo di Alzheimer. “Studi recenti mostrano che l’interazione dell’amiloide con la tau contribuisce all’Alzheimer più di qualsiasi proteina da sola”, spiega Cheng in der. comunicato stampa studiare.

READ  La virologa Melanie Brinkman vuole tenere la mano di Joshua Kimmish durante la vaccinazione - Aggiornamento sulle vaccinazioni

Questa scoperta lascia spazio ad ulteriori indagini

Quando si interpretano i dati, è importante che la relazione inizialmente sia statistica. Non è stato ancora dimostrato se si tratti effettivamente di una relazione causale, ovvero se il sildenafil può effettivamente prevenire l’insorgenza della malattia di Alzheimer. Dopotutto, coloro che hanno preso il sildenafil avrebbero potuto avere maggiori possibilità di evitare l’Alzheimer a causa di qualcosa di completamente diverso. Tuttavia, secondo i ricercatori, i risultati dello studio sono sufficienti per identificare il sildenafil come un promettente farmaco candidato per il morbo di Alzheimer. Questo può quindi essere esaminato più dettagliatamente in futuri studi clinici per verificare se esiste effettivamente una relazione causale.

In esperimenti separati, i ricercatori hanno anche esaminato le cellule cerebrali umane per vedere come il sildenafil potrebbe proteggere dal declino cognitivo del morbo di Alzheimer. Hanno scoperto che i neuroni trattati con il farmaco hanno aumentato la loro crescita e ridotto l’accumulo di proteina tau.

“Abbiamo scoperto che l’assunzione di sildenafil riduce la probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer nelle persone con malattia coronarica, ipertensione e diabete di tipo 2 – tutte comorbidità che sono significativamente associate al rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer – così come nelle persone senza malattia di Alzheimer. .”, spiegare Feixiong Cheng.

I ricercatori stanno ora pianificando un altro studio per arrivare alla radice della possibile causalità. Se la connessione si dimostra corretta, può fornire la base per il trattamento di molte malattie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson.

il lupo

Leggi anche