Aprile 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il tradizionale rivenditore tedesco è insolvente: una filiale su due deve essere chiusa

Il tradizionale rivenditore tedesco è insolvente: una filiale su due deve essere chiusa

Recentemente un commerciante convenzionale ha dovuto presentare istanza di fallimento. Come è ormai noto, il 50 per cento delle filiali verrà chiuso di conseguenza.

Nel dicembre 2022, la procedura fallimentare del gigante calzaturiero Görtz è stata aperta a proprio rischio a causa di insolvenza e sovraindebitamento.

Questo sviluppo è stato giustificato dalla guerra in Ucraina, dall’elevata inflazione e dagli alti prezzi dell’energia, che avrebbero causato una “significativa riluttanza ad acquistare filiali e nel business di Internet”.

Un totale di 80 delle 160 filiali gestite da Görtz in Germania e Austria saranno ora chiuse.

Insolvenza Guertz: l’investitore deve ora salvare le restanti ottanta filiali

Dopo il fallimento di Gortz, non è chiaro quali filiali chiuderanno.

foto: dpa

L’investitore deve ora voler salvare le altre 80 filiali. Come annunciato giovedì dalla direzione, il comitato dei creditori temporanei ha deciso a favore di un “investitore privato diretto a lungo termine con radici ad Amburgo”.

Ha presentato “il concetto di continuità più interessante e l’esposizione più praticabile”. Tuttavia, l’identità del misterioso investitore privato non è stata rivelata. Il management, composto da Frank Riverman e Tobias Volgmann, continuerà a dirigere l’azienda anche in futuro.

“Siamo convinti che Gorts possa guardare avanti verso un futuro di successo”, ha affermato Riverman. Anche il tutore nominato dal tribunale era fiducioso. Presume che la ristrutturazione sarà completata “presto”.

Offerte su scarpe da donna e da uomo su Amazon

Altri lettori sono interessati anche a: