Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il test Öko-Sour giudica agrodolce: un succo d’arancia è insufficiente, tre è insoddisfacente

Öko-Test Agrodolce
Una spremuta d’arancia non basta, tre spremute non bastano

Succo d’arancia – un simbolo di freschezza sana e gustosa. Milioni di tedeschi arrivano ogni giorno al succo o allo scaffale refrigerato per acquistare la bevanda agrodolce. Ma qual è il vantaggio dei succhi? Öko-Test voleva sapere esattamente.

La Germania è il campione del mondo – quando si tratta di bere succhi. Ogni tedesco ne beve in media 22 litri all’anno. La mela e il succo d’arancia si contendono il primo posto nella scala della popolarità. Motivo sufficiente per test ambientalePer dare un’occhiata più da vicino a quest’ultimo.

I frutti di questo provengono principalmente da Brasile, Messico, Paraguay, Spagna, Egitto e Sud Africa. Hanno anche succo lì. La porzione più piccola si presenta come succo non concentrato in bustina o bottiglia. La maggior parte viene elaborata in focus. Per fare ciò, l’acqua e l’odore vengono rimossi dal succo per evaporazione. In Germania solo il concentrato viene trasformato nuovamente in succo aggiungendo acqua oltre ai sapori precedentemente bloccati. Sia il succo non concentrato che quello concentrato sono ancora pastorizzati in questo paese per la durata di conservazione.

Ma le condizioni in cui i lavoratori nei paesi di origine raccolgono i frutti succosi sono talvolta amare. Gli studi dimostrano che i lavoratori agricoli spesso guadagnano troppo poco per coprire i bisogni di base per se stessi e le loro famiglie, come cibo, vestiti, istruzione e forniture. Gli studi hanno anche rivelato un handicap per i sindacalisti e una scarsa sicurezza sul lavoro. Ma almeno il laboratorio commissionato da Öko-Test non è stato in grado di rilevare pesticidi in nessuno dei succhi.

Quattro sonaglio durante il test

E anche qualche consolazione: otto succhi possono essere consigliati con una valutazione complessiva “buona”. Tuttavia, quattro sferragliano durante il test. I più costosi provengono dai peggiori: tra i succhi biologici “Succo d’arancia diretto Beutelsbacher”, Demeter (la valutazione generale è “scarsa”), tra i succhi convenzionali “Succo d’arancia diretto senza polpa” (la valutazione generale è “insoddisfacente” ). Proprio come il “piacere di bere Granini arancia con polpa” (voto generale “debole”). I tre si comportano “scarsamente” nei risultati dei test per la produzione e la trasparenza. La “colazione all’arancia senza polpa di Valencia”, tra le altre, è fallita perché la vitamina C è stata aggiunta inutilmente (la valutazione complessiva è “scarsa”). Beutelsbacher lascia molto a desiderare anche in termini di ingredienti e qualità dell’aroma.

Tra i concentrati, i vincitori per prezzo e prestazioni sono “Rio de Oro Orange Juice” di Aldi Süd (buono / € 0,85) e “Solevita 100% Orange” di Lidl allo stesso prezzo. Anche l'”Albee Orange” si è comportato bene, ma a 1,69 euro al litro era molto più costoso.

Per quanto riguarda i succhi non concentrati, Penny (“Arancia Paradiso con polpa”), “Succo diretto di arancia con polpa My Best Choice” di Rewe e “Succo puro di arancia con polpa” di Norma per 1,39 euro. Consigliamo anche “Succo d’arancia 100% Natoura non da concentrato” (€ 2,59) e “Voelkel Arancia 100%” per € 4,70 al litro (tutto ‘buono’).

Non troppo freddo e troppo

A proposito, il succo d’arancia non deve essere bevuto direttamente dal frigorifero. È solo quando è fuori per un po’ che si sprigiona l’intero profumo. Nonostante i risultati del test parzialmente positivi, il succo d’arancia non deve essere bevuto in grandi quantità, perché un litro contiene fino a 100 grammi di fruttosio, che equivale a circa 33 zollette di zucchero.

READ  Comando del trasporto aereo europeo: condividere gli aerei