Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il telescopio spaziale James Webb ha scoperto la vita nello spazio?

Il telescopio spaziale James Webb ha scoperto la vita nello spazio?
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Le voci negli ambienti di ricerca sono sorprendenti: sono già state scoperte prove di possibile vita sull'esopianeta K2-18b?

Washington, DC – Le speranze che i ricercatori ripongono nel James Webb Space Telescope (JWST) sono alte e finora il nuovo telescopio ha fornito agli scienziati risultati entusiasmanti e sorprendenti. Ma la domanda più grande di tutte deve ancora avere una risposta: siamo soli nell’universo o c’è vita altrove nell’universo? Voci tra gli esperti suggeriscono che il telescopio spaziale James Webb potrebbe aver trovato un pianeta extrasolare che contiene chiare prove di vita. UN Un articolo sulla rivista British News Spettatore Elenca in dettaglio le presunte informazioni generali su questa scoperta.

Ma qual è in realtà il problema e qual è il vero motivo dietro queste voci? Il giornalista spaziale Eric Berger ne ha uno Articolo sul portale Ars Tecnica Questa domanda è stata posta direttamente alla NASA, uno dei numerosi operatori del James Webb Space Telescope. Sono stati davvero trovati segni di vita su un pianeta extrasolare utilizzando il telescopio spaziale James Webb? La risposta è stata “no”, scrive Berger, “ma non è un no difficile”.

Esistono prove di vita sull'esopianeta K2-18b?

In effetti, la risposta del portavoce della NASA lascia molto spazio all'interpretazione: “Il James Webb Space Telescope non ha ancora trovato alcuna prova conclusiva della vita su un esopianeta. Le osservazioni del James Webb Space Telescope dovrebbero portare alla prima identificazione di biofirme”. Il potenziale che rende un particolare pianeta extrasolare più o meno probabile che sia abitabile. Saranno necessarie missioni future per determinare in modo definitivo l'abitabilità di un pianeta extrasolare.

Le biofirme, ad esempio, sono alcune molecole trovate nell’atmosfera di un pianeta che potrebbero essere state create solo dalla vita esistente.

La voce riguarda K2-18 b, un esopianeta otto volte più grande della Terra e distante 120 anni luce dal nostro sistema solare. La ricerca sospetta che si tratti del cosiddetto esopianeta Hycean, un pianeta la cui superficie è ricoperta da oceani d’acqua con un’atmosfera ricca di azoto. L’esopianeta è stato scoperto nel 2015 utilizzando il telescopio spaziale Kepler e successivamente è stato scoperto il vapore acqueo nella sua atmosfera. All’epoca K2-18 b era considerato il primo esopianeta con risorse idriche conosciute.

Rappresentazione artistica dell'esopianeta K2-18b. È possibile che ci sia vita sopra? © NASA, ESA, CSA, Joseph Olmstead (STScI)

Il telescopio spaziale James Webb potrebbe aver trovato una firma biologica su K2-18b

Nel 2023, i primi dati del telescopio spaziale James Webb hanno mostrato la presenza di metano e anidride carbonica nell’atmosfera dell’esopianeta, e la NASA ha dichiarato in un comunicato “la possibilità di scoprire una molecola chiamata dimetilsolfuro”. Le voci possono turbinare attorno a questa possibile scoperta. Perché il dimetilsolfuro (DMS), almeno sulla Terra, è prodotto solo da organismi viventi, in particolare dal fitoplancton. Il materiale potrebbe servire come firma biologica, indicando che esiste qualche forma di vita sull’esopianeta K2-18b.

Ma l’esistenza del DMS sull’esopianeta non è affatto certa, come spiega l’astronomo Florian Freestetter: non si può parlare seriamente di “prova” e nemmeno di “scoperta”. “Normalmente non presteresti alcuna attenzione a un set di dati come questo; “Ciò che puoi (forse) vedere è troppo poco e troppo incerto per estrarne qualcosa di significativo”, afferma lo scienziato. Questo è esattamente il motivo per cui i ricercatori sono così attenti nel loro lavoro. “Il motivo per cui continuano a menzionare la DMS è perché è potenzialmente una scoperta molto sorprendente e degna di nota”, ritiene il ricercatore.

Ulteriori osservazioni da parte del telescopio spaziale Webb potrebbero aiutare a confermare il DMS. “Le prossime osservazioni di Webb dovrebbero essere in grado di confermare se il DMS è effettivamente presente in quantità significative nell'atmosfera di K2-18 b”, ha affermato Niku Madhusudan, autore principale dello studio sul dimetilsolfuro, in una dichiarazione della NASA quando il suo studio è stato pubblicato. .

L'astronomo Freestetter Questo è certo: “K2-18b non sarà osservato da un telescopio per l'ultima volta. Al contrario, ora dovremo guardare più da vicino e più dati ci saranno, meglio sapremo cosa sta succedendo lì.” Quindi, se esiste davvero un DMS nell'atmosfera dell'esopianeta, lo studio ha dimostrato che lo è: “È tecnicamente possibile rilevare tali biomarcatori”, sottolinea Freestetter. (fattura non pagata)