Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il supervulcano sonoro italiano: molto attivo nei campi di flacreonte

Il supervulcano sonoro italiano: molto attivo nei campi di flacreonte

Vicino Napoli esiste una zona pericolosa classificata come “supervulcano”: i Campi Flegrei (Combi Flegre). Secondo gli esperti negli ultimi 70 anni si sono verificati decine di migliaia di piccoli terremoti.

Pubblicità

Negli ultimi mesi, la terra ha tremato più del solito nei Campi Flegre, una regione vulcanica vicino a Napoli, nel Sud Italia. Alcuni residenti sono preoccupati, altri no, avvertono gli scienziati e i funzionari si dicono preparati. Il giornalista testimone oculare Julian Lopez si è recato nell'area interessata per ottenere filmati sul posto.

Sono vicino a Napoli, al Vesuvio e Pompei, e alla città molto meno famosa di Pozzuoli.

Si trova all'interno di un grande calderone di magma, che nel corso di migliaia di anni ha formato un paesaggio vulcanico noto come Cambi Flecri.

Questa geologia instabile ha recentemente innescato migliaia di piccoli terremoti qui.

Discendo da scienziati Osservatorio Vesuviano Dall'Istituto Italiano di Geofisica e Vulcanologia sono stati invitati a proseguire le loro osservazioni in un cratere dove il degassamento sembrava particolarmente intenso.

“È da qui che provengono i gas.”Lo dice Mauro Antonio de Vito, direttore dell'istituto, mentre passeggiamo tra le fumarole. “È importante osservare e comprendere come queste emissioni cambiano nel tempo per caratterizzare ciò che accade nelle profondità della camera magmatica”.

I dati in tempo reale sulle emissioni di gas, sull'attività sismica o sulle temperature del suolo e dell'aria vengono monitorati 24 ore al giorno da un'ampia sala di controllo presso la sede dell'azienda.

“A settembre ci sono stati più di 1.000 terremoti in un mese. Naturalmente la maggior parte dei terremoti sono stati molto piccoli, ma ce ne sono stati anche alcuni con magnitudo 3,8, 4,0 o addirittura 4,2. Ora il processo è rallentato” ma sappiamo che possa cambiare ancora. Tutto quello che possiamo fare è continuare a monitorare la zona.”Dice DeVito.

La gente del posto sembra essere abituata all’incertezza.

L'area, storicamente soggetta ad eruzioni, presenta anche una caratteristica geologica denominata “”.Broadismo“Conosciuto.

Sotto la pressione del magma e dei gas, il terreno si solleva e si abbassa come se respirasse.

Questi movimenti talvolta provocano terremoti, pericolosi per gli edifici e le persone.

Il quartiere di Pozzuoli fu evacuato durante il terremoto del 1970.

Oggi è parzialmente ricostruito, ma non ci abita nessuno.

Il pittore Antonio Isabettini era adolescente quando la sua famiglia fu espulsa. Mi fa fare un giro: “C'erano 3.000 persone che vivevano qui e furono evacuate nel giro di due giorni. Ricordo un grande caos, senza dubbio, perché eravamo circondati dalla mattina alla sera dall'esercito, dagli autobus e dalla polizia.”

Antonio Isabettini ha oggi 68 anni e continua a sfidare se stesso dipingendo i paesaggi vulcanici che hanno plasmato tutta la sua carriera. “Abbiamo sentito le scosse, le abbiamo sentite, ci siamo quasi abituati a questo fenomeno, è diventato nostro amico”dice davanti a uno dei suoi dipinti di paesaggi vulcanici. “La cosa più importante è che non ci faccia del male. Ed è certo che non ci farà mai del male.”

Ma al di là di ogni illusione: un’area densamente popolata è preparata se la situazione dovesse aggravarsi?

La regione è preparata se la situazione dovesse aggravarsi?

Lo chiedo alla protezione civile della Regione. È responsabile della protezione di 1,5 milioni di persone vulnerabili.

Pubblicità

I piani di evacuazione per i rischi vulcanici sono in atto da tempo. Adesso è in fase di elaborazione anche un programma speciale per il pradismo, dice Italo Giulivo, capo della Protezione civile della Regione Campania.

“Si valutano le capacità dei più importanti servizi e infrastrutture di trasporto e si sviluppano strategie di comunicazione”Giulivo spiega davanti a diversi maxischermi. “L'ultima eruzione qui risale al 1538. Generazioni che non avevano mai pensato di vivere su un vulcano perdono la memoria. Diminuisce il senso di pericolo. Non vogliamo rassicurare le persone, ma vogliamo informarle. Il problema è quindi lo sanno.” Lui spiega.

Le persone, in preda al panico o meno a causa dei recenti terremoti, chiedono valutazioni scientifiche accurate, misure globali di riduzione del rischio, piani di evacuazione attuabili e linee guida di comunicazione chiare.

Anna Peluso, madre di due figli, racconta su Facebook la geografia capricciosa della regione.

Da settembre la scuola di suo figlio è stata evacuata tre volte a causa dei terremoti, mi ha raccontato davanti a uno dei pittoreschi laghi vulcanici della regione.

Pubblicità

“Devi essere consapevole del rischio di un terremoto. Ci sono segnali e puoi affrontarli. Ma puoi affrontarli solo se sei preparato. Il motto del mio gruppo è “estode parati”, latino per “essere preparato”. Ci sono molte persone che non sono interessate a questo evento. La gente sa quando domani gioca il Napoli Football Club, ma non sa nemmeno dove è il loro ritrovo”.

La manutenzione degli edifici è un problema

Oltre ai piani di evacuazione, la regione deve affrontare un altro tema urgente: la manutenzione degli edifici, che mostrano evidenti segni di degrado. Per capire la posta in gioco incontro il sindaco di Pozzuoli.

Il sindaco spiega che è stata vietata la costruzione di nuovi edifici e sono stati rafforzati gli edifici pubblici.

Le autorità locali non possono aiutare direttamente i proprietari privati, ma un recente mandato nazionale aiuterà a valutare il numero, la distribuzione e le condizioni delle case fatiscenti.

“L'ordinanza consente di valutare il rischio degli edifici in zona 'Bradisismo'. In totale sono circa 15.000 gli edifici interessati, di cui circa 9.500 nella città di Pozzuoli, 2.000 a Bacoli e 3.000 a Napoli.” disse Manzoni.

Pubblicità

I funzionari di Roma hanno recentemente discusso di un possibile aumento del livello di allerta dall’attuale livello giallo a basso rischio al livello arancione più restrittivo.

La misura è stata infine respinta, per alleggerire l’onere sui settori del turismo e dei servizi.

Alzare il livello di allarme senza indiscutibili giustificazioni scientifiche riporterà la regione allo stallo in cui si trovava durante il Covid, dice Genaro Martucillo, vicepresidente dell'associazione locale degli albergatori, che incontro nel suo hotel 4 stelle: “Potrà entrare solo chi lavora o vive nelle città in allerta arancione. Ciò significherebbe la distruzione del turismo. In quale città si può andare senza avere il permesso di entrare o uscire? Quasi 50mila persone lavorano nel nostro settore. , sarà un grande disastro.”

I residenti confidano che gli esperti e le autorità prenderanno la giusta direzione, qualunque essa sia.

“Penso che possiamo dormire sonni tranquilli.” dice Antonio Isabettini davanti al bellissimo lungomare. “Viviamo in simbiosi con questo fenomeno naturale. È vero che provoca un po' di ansia, ma viviamo in una delle regioni più belle del mondo, attorno alla quale sono cresciute molte leggende.”

Pubblicità