Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il supervulcano Campi Flegre vicino a Napoli sta sollevando terreno a livelli record

Il supervulcano Campi Flegre vicino a Napoli sta sollevando terreno a livelli record

I terremoti in Italia ricordano un pericolo ancora più grande: le eruzioni supervulcaniche. Perché le conseguenze sono difficili da prevedere.

La Terra continua a salire nell’area di Napoli, perché qualcosa sta premendo dal basso: magma e gas del supervulcano Campi Flegrei, noti come campi di fleuroni. Negli ultimi giorni si sono verificati anche diversi terremoti minori a profondità minori. Il massimo esperto italiano dice: “Quindi siamo in una situazione senza precedenti”. Gli esperti monitorano l’area da anni e nel 2016 hanno innalzato il livello di allerta.

I Campi Flegrei si estendono fino a 150 chilometri quadrati sotto terra, e la Terra sembra respirare nella regione, alzandosi e abbassandosi come uno scrigno mentre il magma scorre verso la superficie o sprofonda. L’altezza del sottosuolo è ora più alta rispetto agli anni precedenti, mentre il sottosuolo è più attivo.

Dal 1985 al 2003, la terra nella regione è diminuita dopo essere aumentata in precedenza. Dal 2005 c’è stata di nuovo una risalita sotterranea. “Speravo che finisse quando avesse raggiunto il livello del 1984”, ha detto al quotidiano Courier il vulcanologo Giuseppe de Nadal dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Roma. Il responsabile dell’Osservatorio del Vesuvio, però, ha dovuto rendersi conto: “Negli ultimi mesi abbiamo superato il massimo del 1984, e ora siamo qualche centimetro più in alto”. Sconvolgimenti sotterranei sono stati registrati anche nell’area dell’Eifel vicino a Lachersee, dove anche un supervulcano giace dormiente nel sottosuolo. Un supervulcano è un segmento di attività vulcanica su una camera magmatica più grande, di cui ce ne sono circa 20 nel mondo.

La resistenza della roccia è infinita

Sopra il supervulcano Campi Flegrei c’è ora il più alto livello superficiale e la più alta pressione interna che l’umanità abbia mai sperimentato – almeno negli ultimi due secoli. Quindi questo è sconosciuto. Tuttavia, secondo De Nadel, è chiaro che la resistenza della roccia non è infinita. “Non conosciamo il punto critico.”

Pertanto, viene prestata particolare attenzione anche all’aumento dei terremoti. Secondo De Nadel, se la Terra fosse stata sollevata non solo così tanto, ma anche così rapidamente, l’azione sarebbe stata ancora più forte. Il 13 marzo, terremoti di magnitudo 1.4 e 2.8 hanno scosso la popolazione della zona. La prima scossa ha colpito a una profondità di 1,9 chilometri e la seconda a una profondità di 2,7 chilometri. Si dice che il principale serbatoio di magma sia profondo da sette a otto chilometri. Secondo de Nadel, non ci sono prove che il magma sia salito a basse profondità sotto la superficie.

“Dobbiamo capire meglio il vulcano.”

Dopotutto, il vulcanologo De Nadal considera “altamente improbabile” un’imminente “eruzione catastrofica” con un’enorme nuvola di cenere vicino a Napoli. L’ultima volta che i campi del Plegreyan hanno eruttato così fortemente è stato circa 15.000 anni fa. Un’eruzione di 39.000 anni fa avrebbe dovuto mandare la Terra in inverno: significativamente più cenere e roccia eruttata rispetto all’eruzione del 1815 del vulcano indonesiano Tambora. A quel tempo, l’Europa e il Nord America hanno vissuto un anno senza estate. Una nuova montagna si formò durante l’ultima eruzione dei campi plegrei nel 1538.

Nel corso di continui sconvolgimenti, il livello di allerta è stato innalzato al giallo nel 2016, con il risultato che il supervulcano deve essere monitorato scientificamente. Eleonora Rivalda, docente di fisica sismica e vulcanica all’Università di Bologna e al Geoforsungszentrum di Potsdam, ha dichiarato: “Dobbiamo intensificare i nostri sforzi per comprendere meglio il vulcanismo”. Tuttavia, l’aumento dell’attività sismica in questa zona sismicamente attiva non è ancora un motivo per suonare l’allarme.