Il sogno della Traffic Light Alliance di 15 milioni di auto elettriche è andato in frantumi

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
Stazioni di ricarica alla stazione ferroviaria di Wolfsburg |  Foto: Christian Boxy/Bloomberg
Stazioni di ricarica alla stazione ferroviaria di Wolfsburg | Foto: Christian Boxy/Bloomberg

Quando questa settimana il capo della BMW Oliver Zipse era in prima fila al ricevimento di Capodanno presso la VDA Automotive Lobby di Berlino, aveva tutte le ragioni per sentirsi a posto quando si tratta di auto elettriche:

Sul palco, il ministro dei trasporti Volker Wessing (FDP) della Coalizione dei semafori ha parlato con politici e leader aziendali dell’importanza dell’“apertura tecnologica” nella riduzione delle emissioni del traffico. Non si parla più di un focus quasi esclusivo sui motori elettrici per auto.

Vissing ha affermato, secondo Bloomberg News, che l’attenzione unilaterale di politici e produttori sulle auto a batteria mette a rischio il settore industriale più importante della Germania, e si aspetta un crollo della domanda di auto elettriche in Germania, il più grande mercato automobilistico in Germania. Europa.

La promozione sulle auto elettriche è stata un errore

L'amministratore delegato della BMW Oliver Zipse
Oliver Zipse, CEO della BMW | Immagine: Bloomberg

Il top manager della BMW Oliver Zipse chiede da anni linee di produzione flessibili per auto a combustione, ibride e persino a idrogeno. La sua strategia di diversificazione, coerente con quella del suo predecessore, è stata criticata in passato perché non abbastanza progressista da sfidare il principale produttore di auto elettriche Tesla. Tuttavia, la sua stella (la linea rossa nel grafico inferiore del titolo) sta gradualmente diminuendo a causa della concorrenza globale nel settore dei veicoli elettrici, soprattutto da parte dei feroci concorrenti asiatici.

Prezzi delle azioni BMW (EUR) e Tesla (USD).
Andamento dei prezzi delle azioni BMW (EUR) e Tesla (USD) negli ultimi 12 mesi

Oggi sembra che Zipse avesse la visione giusta per il futuro: con la diffusione delle auto elettriche in rallentamento e quella ibrida di nuovo in aumento, l'approccio più cauto della BMW non sembra più una cattiva idea.

Il 2024 sarà difficile, con le vendite previste in calo del 14%.

“Le cose non stanno andando bene in Germania per quanto riguarda la domanda di auto elettriche nel 2024”, ha detto a Bloomberg News Jan Burgard, capo della società di consulenza Berels. “La fascia alta del mercato dei veicoli elettrici è satura, mentre nella fascia bassa c’è ancora poca offerta nel segmento da 25.000 euro”.

Dopo anni di rapida crescita, trainata tra l’altro da massicci sussidi statali, le vendite di veicoli elettrici stanno diventando più lente. I generosi incentivi statali in Europa stanno finendo e negli USA sono sempre meno le automobili che ne beneficiano. Sebbene una serie di nuovi modelli e opzioni di noleggio abbiano suscitato l’interesse degli appassionati di elettricità, le infrastrutture di ricarica inadeguate e i prezzi di acquisto elevati rimangono ostacoli all’accettazione diffusa a pochi anni dall’inizio della rivoluzione elettrica.

Dopo un anno di boom, sempre più proprietari di auto elettriche si pongono questa domanda Valore residuo in giro. La difficoltà di calcolare il valore di rivendita è anche il motivo per cui i grandi operatori di flotte, come B.C. Società di autonoleggio, separate dal loro stock di auto elettriche. Recentemente, il leader del mercato globale tra i fornitori di autonoleggio, la società americana Hertz Corp. Migliaia Sostituzione delle auto elettriche con motori a combustione.

In Germania, le vendite di veicoli elettrici dovrebbero diminuire del 14% quest’anno dopo che il governo federale ha eliminato i sussidi a dicembre: il primo calo dal 2016, secondo la VDA (Associazione dell'industria automobilistica tedesca V.). Gli osservatori del mercato di tutto il mondo hanno rivisto al ribasso le loro previsioni perché, nonostante la guerra dei prezzi avviata da Tesla, i veicoli sono ancora molto più economici di veicoli simili con motore a combustione.

Secondo la VDA, le vendite di veicoli elettrici a batteria dovrebbero diminuire del 14% nel 2024.
Secondo la VDA, nel 2024 in Germania le vendite di veicoli elettrici a batteria diminuiranno del 14%.

La sfida delle infrastrutture di ricarica e dei prezzi dell’energia elettrica

L'evento di giovedì è stato un tentativo di infondere un po' di ottimismo in un settore sempre più disilluso. Vissing ha elogiato le case automobilistiche tedesche come pioniere nell'intelligenza artificiale e nella guida autonoma, e ha elogiato la loro tecnologia come “celebrata” all'estero. Alla domanda su cosa potrebbe fare il governo per rilanciare il mercato tedesco dei veicoli elettrici, il ministro dei trasporti ha avuto una sola idea: “infrastrutture di ricarica”.

Soprattutto qui Berlino è in ritardo rispetto ai piani: nell’ottobre 2022 Vissing ha presentato una strategia ambiziosa che investirebbe 6,3 miliardi di euro in infrastrutture globali per aumentare il numero di stazioni di ricarica in Germania fino a un milione entro il 2030.

Ciò non sta accadendo così rapidamente come previsto. Secondo il Agenzia federale di rete In Germania sono attive solo circa 105.000 stazioni di ricarica pubbliche. Per soddisfare le esigenze quotidiane delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici e i piani della Traffic Light Alliance dovranno essere compiuti enormi sforzi finanziari e strutturali.

L’aumento dei prezzi dell’elettricità sta riducendo la domanda di veicoli elettrici, scrive un analista della Deutsche Bank.

La velocità di espansione delle infrastrutture deve triplicare

La legge sullo sviluppo rurale presuppone che, all’attuale tasso di espansione, la Germania dovrà triplicare il proprio ritmo per raggiungere l’obiettivo del 2030.

Dopo tanti anni di transizione verso la mobilità elettrica, il tema della ricarica e di chi la paga resta irrisolto. Sebbene i politici e i rappresentanti dell’industria automobilistica abbiano concordato all’evento VDA che la ricarica è la chiave per rivitalizzare l’interesse per le auto elettriche, nessuno ha voluto dire chi finanzierebbe una tale espansione delle infrastrutture – e come.

Le auto elettriche sono ancora troppo costose per il mercato di massa

Un’altra grande sfida per l’adozione dei veicoli elettrici è il prezzo. La Traffic Light Alliance deve raggiungere il suo obiettivo di mettere in circolazione 15 milioni di auto elettriche entro il 2030, altrimenti rischia di non raggiungere i suoi obiettivi di emissioni. A novembre, sulle strade tedesche solo circa 1 milione di auto, il 2% dell’intero parco veicoli, era completamente elettrico. Senza ulteriori sussidi, raggiungere l’obiettivo del 2030 sarà difficile, hanno detto alcuni analisti a Bloomberg News.

“Dalla prospettiva attuale, penso che non sia realistico raggiungere questi obiettivi”, afferma Jan Burgard, consulente per l’auto sostenibile dell’Università della California. Collezione Berillo L’obiettivo del governo federale è quello di avere 15 milioni di auto elettriche sulle strade tedesche entro il 2030.

Le case automobilistiche tedesche hanno già iniziato a cambiare rotta per quanto riguarda le auto elettriche

I produttori di automobili stanno già ricominciando a diversificare. Volkswagen AG e soprattutto il marchio Audi stanno riducendo l’autonomia dei veicoli elettrici e VW sta ritardando i piani di vendita delle azioni della divisione batterie. Se il rallentamento della domanda di veicoli elettrici si trasformasse in un crollo a lungo termine, potrebbe mettere a rischio miliardi di dollari in investimenti e impedire alle case automobilistiche di tenere il passo con le nuove normative sulle emissioni.

La Volkswagen si concentra ancora una volta maggiormente sulla diversificazione dei tipi di motori in modo da poter sopravvivere nel mercato globale a medio termine.

Secondo i sondaggi condotti dalla Deutsche Automobil Treuhand (DAT), il lungo cammino verso i veicoli elettrici spinge gli automobilisti a continuare a utilizzare le loro vecchie auto più a lungo.

Il capo della BMW Zipse può essere certo di tutto questo. In un’intervista rilasciata l’anno scorso al quotidiano Handelsblatt, egli arrivò al punto di definire “negligenti” coloro che chiedono la fine del motore a combustione interna, perché le auto elettriche hanno ancora molta strada da fare.

“Pensa che tra dodici anni ci saranno colonnine di ricarica in ogni paese di regioni come il Sud Italia?”

FMW/Bloomberg

Per leggere e scrivere commenti, clicca qui

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...