Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il sistema solare: sembrava diverso dal previsto (studio).

colui il quale Sistema solare Sembrava completamente diversa da quella che conosciamo oggi. I ricercatori possono solo approssimare l’immagine precedente delle nostre stelle e pianeti attraverso calcoli matematici. Ad oggi, il cosiddetto bel modello è considerato un pioniere della scienza. Tuttavia, un nuovo metodo computazionale contraddice questa teoria e presenta un quadro completamente nuovo del nostro precedente sistema solare.

Bellissimo modello: questo dice tutto

Il nostro sistema solare, composto da Giove, Saturno, Terra, Marte, Mercurio, Venere, Urano e Nettuno oltre al Sole e alla Luna, è familiare a tutti fin dall’infanzia. Tuttavia, questa regione della Via Lattea non è sempre così. Milioni di anni fa la disposizione era completamente diversa. I nostri pianeti erano in movimento.

Il nostro precedente sistema solare dovrebbe essere spiegato dal modello Nice. Ciò indica che circa 500 milioni di anni dopo la formazione del Sole, c’era instabilità nella posizione dei pianeti, come il Cosmo Indiretto spiegato. Il risultato fu la riorganizzazione del nostro pianeta. Sono anche leggermente distanziati. Tra le altre cose, si dice che Urano e Nettuno si siano scambiati posizioni nel 50 percento delle simulazioni. Solo dopo altri 100 milioni di anni si dice che il sistema solare si sia stabilizzato di nuovo. Il risultato è lo stato attuale del nostro pianeta.

Dev’esserci stato un altro gigante del gas. Intitolato “Pianeta 9” o “Pianeta X”, tuttavia, si dice che sia stato espulso dal Sistema Solare durante questo punto e ora sia da qualche parte fuori dalla nostra vista pianeta extrasolare condizione.

Una nuova teoria è una contraddizione nel numero di pianeti

Tuttavia, un nuovo studio ha annullato questa tesi e aggiornato il modello di Nizza con diversi punti importanti. D’altra parte, la destabilizzazione e la successiva stabilizzazione del nostro sistema solare è avvenuta molto più velocemente di quanto precedentemente ipotizzato. Si dice che l’intero processo sia iniziato “circa dieci milioni di anni dopo la nascita del sistema solare”, secondo lo studio. spiegato. D’altronde non ci manca nessun pianeta nelle nostre fila: il famigerato Pianeta 9 potrebbe non essere mai esistito, come continua l’Inverso spiegato.

READ  Big Final Black Friday Weekend su Amazon, Alternate e Media Markt senza PS5

Tuttavia, anche in questo caso, si tratta solo di considerazioni e simulazioni. Ma riorganizzare i nostri pianeti nel sistema solare più velocemente ed escludere il pianeta 9 dall’ipotesi rende il modello più comprensibile. Sembra che la nostra galassia ci stia ancora nascondendo più di quanto ne sappiamo.

Fonte: Inverse, “Instabilità precoce del sistema solare causata dalla dispersione del disco gassoso” (27/04/2022, Natura)

Dal 24 febbraio 2022 è scoppiata la guerra in Ucraina: quaggiù Puoi aiutare le persone colpite?

Vuoi leggere di più da noi? Seguici su Google News.