Maggio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il senatore degli Stati Uniti accusa Sony di comportamento anticoncorrenziale e chiede • JPGAMES.DE

Il senatore degli Stati Uniti accusa Sony di comportamento anticoncorrenziale e chiede • JPGAMES.DE

Il senatore degli Stati Uniti Kevin Cramer accusa Sony di comportamento anticoncorrenziale e ora è andato avanti Per scrivere una lettera aperta. In questa lettera al CEO di Sony Kenichiro Yoshida, Cramer chiede informazioni sugli accordi di acquisizione di Sony.

Una lettera aperta al CEO di Sony

Nella lettera, Cramer ha detto che stava scrivendo per “esprimere preoccupazione per gli sforzi di Sony per proteggere la sua attività di console di gioco dalla concorrenza”. Preservare un’importante opportunità di sviluppo economico per lo stato del North Dakota. “

Kramer spiega che il North Dakota ha “sviluppato una strategia per guidare la nazione nell’educazione informatica e alla sicurezza informatica” e che “preparare gli studenti alle carriere nel settore dei giochi è una parte importante di questo sforzo”.

Cramer ha continuato: “Data la crescente importanza dell’industria dei giochi nel Nord Dakota, sono preoccupato per le notizie secondo cui Sony sembra usare il suo dominio per eliminare i concorrenti piuttosto che dare una scelta ai giocatori e agli sviluppatori”.

“Sembra sempre più che il dominio di Sony derivi da pratiche di esclusione, incluso il pagamento degli editori di giochi per non distribuire i loro giochi su piattaforme concorrenti”, aggiunge.

Afferma inoltre che il tentativo di Sony di opporsi alla prevista acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft è un esempio del suo “comportamento anticoncorrenziale” e afferma di essere “più preoccupato” per le pressioni di Sony con la FTC e altri regolatori così presto dopo l’acquisizione di Bungie da parte di Sony. “

chiede Kramer

Kramer conclude chiedendo a Yoshida copie non certificate dei seguenti documenti:

  • Qualsiasi accordo che dia a Sony il diritto esclusivo di distribuire un gioco di terze parti
  • Eventuali accordi tra Sony e terze parti che impediscano loro di rilasciare i loro giochi su altri sistemi
  • Tutti i documenti aziendali interni “descrivono la logica strategica della decisione di Sony di acquisire Bungie”
  • Tutte le comunicazioni con il governo degli Stati Uniti o le agenzie di regolamentazione relative alle competizioni di videogiochi.

A proposito, le cose stanno andando bene per l’accordo Activision di Microsoft. Allo stato attuale, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato non ravvisa alcuna minaccia alla concorrenza.

attraverso VGCImmagini: Sony