Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il satellite tedesco per il monitoraggio ambientale, EnMAP, è stato lanciato con successo

Il satellite iperspettrale EnMAP (Environmental Mapping and Analysis Program), sviluppato e costruito in Germania, è stato lanciato con successo. Nei prossimi cinque anni, il satellite per il monitoraggio ambientale fornirà immagini ad alta risoluzione della Terra da un’orbita distante circa 640 chilometri. L’obiettivo è monitorare le condizioni dei corpi idrici, del suolo e della vegetazione.

Questa missione di ricerca sulla protezione dell’ambiente e del clima “made in Germany” sostiene l’uso sostenibile del suolo, aiuta a caratterizzare il cambiamento climatico e consente di registrare la distruzione ambientale in una fase iniziale per contrastarlo. EnMAP scoprirà i minimi dettagli precedentemente nascosti a noi. In questo modo possiamo modificare il riconoscimento dell’ambiente in modo tempestivo e agire con lungimiranza”, spiega il dott. Anna Christman, coordinatrice spaziale del governo federale per il Dipartimento federale dell’economia e della protezione del clima (BMWK).

EnMAP è stato lanciato da Cape Canaveral, Florida (USA) a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9. A soli 15 minuti dal lancio, il satellite è stato posizionato in orbita terrestre bassa, dove sarà testato e quindi messo in servizio. Il satellite ambientale raccoglierà quindi i primi dati scientifici entro sei mesi, una volta completata la fase di test.

Dopo la fase di test, gli scienziati possono quindi decidere quali aree della Terra vogliono mappare con gli “occhi” EnMAP in un particolare periodo dell’anno, spiega il dott. Sebastian Fischer, Direttore del Progetto Generale EnMAP presso l’Agenzia Spaziale Tedesca presso il Centro Aerospaziale Tedesco (DLR).

Il satellite EnMAP consente registrazioni simultanee della superficie terrestre in oltre 250 sottobande di luce visibile e infrarossa. Ogni quattro giorni viene creato un quadro completo dell’intera superficie terrestre. Si dice che i cambiamenti nella posizione e nell’ora possano essere tracciati con precisione In una dichiarazione di BMWI.

READ  Indice Corona: il tasso di infezione è diminuito per sette giorni a 1.080

“Ogni materiale sulla superficie terrestre riflette la luce solare in modo distinto, lasciando dietro di sé ciò che è noto come una firma spettrale. EnMAP può riconoscere, caratterizzare e mappare questa ‘impronta di colore’ con l’aiuto del suo strumento di misurazione”, afferma. Mediato da DLR.

Secondo il DLR, i dati saranno utilizzati in molte aree di ricerca, ad esempio in geologia, agricoltura, silvicoltura e scienze del suolo, o nell’esplorazione delle zone costiere e delle acque interne. Le immagini di un sensore iperspettrale a bordo di EnMAP sono necessarie per mappare l’apporto di nutrienti delle piante coltivate o la qualità dell’acqua dei laghi. È inoltre possibile identificare i minerali nelle rocce e nel suolo, registrare i componenti e le condizioni della vegetazione e identificare le sostanze presenti nell’acqua.

La missione, svolta dall’Agenzia Spaziale Tedesca per conto di BMWK, mira a determinare le caratteristiche della superficie terrestre e registrare i cambiamenti ambientali. Lo strumento satellitare e iperspettrale, che registra la luce solare riflessa dalla Terra a lunghezze d’onda da 420 nm a 2450 nm, è stato sviluppato e costruito da OHB-System AG di Brema.

“EnMAP ha una risoluzione al suolo di 30 metri e può scansionare qualsiasi punto della Terra con una frequenza di larghezza verticale di 27 giorni, che può essere ridotta a quattro giorni agitando”, Descrizione dettagliata delle possibilità di applicazione scientifica e preparazione all’uso (PDF)

Il GeoForschungsZentrum (GFZ) di Potsdam è responsabile della gestione scientifica della spedizione. La DLR di Oberpfaffenhofen è responsabile del controllo satellitare e della registrazione dei dati. Il dottor spiega. Sebastian Fisher.

In passato, DLR e Teledyne Brown Engineering hanno presentato le prime immagini del DESIS Super Spectroscopic Earth Observation Instrument (DLR Earth Sensing Imaging Spectrometer) alla International Astronautical Conference (IAC), lanciata ad agosto Installato sulla superficie esterna della Stazione Spaziale Internazionale nel 2018.

READ  Nessun test obbligatorio, ma le parti: il percorso Omicron di Israele in epidemiologia

Nel 2015, gli scienziati del progetto “DryLand” hanno anche utilizzato immagini iperspettrali per studiare il modo in cui la luce si riflette sul grano carente d’acqua. I risultati del progetto dovrebbero essere utili in seguito nella missione satellitare EnMAP. Inizialmente, EnMap doveva iniziare nel 2018.


(IMC)

alla home page