Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rischio di diabete aumenta del 40% nei veterani statunitensi dopo…

/ Andrey Popov, stock.adobe.com

St. Louis – Un numero crescente di ricerche mostra che il COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare il diabete mesi dopo l’infezione. Fino al più recente studio approfondito su quasi 200.000 persone Diabete delle lancette ed endocrinologia (2022; DOI: 10.1016 / S2213-8587 (22) 00044-4) a questa conclusione: un anno dopo essere stati infettati da SARS-CoV-2, le persone infette avevano circa il 40% in più di probabilità di sviluppare il diabete rispetto a quelle che non erano state infettate.

Nella fase post-acuta della malattia, le persone con COVID-19 avevano maggiori probabilità di sviluppare il diabete rispetto al gruppo di controllo (hazard ratio 1,40, intervallo di confidenza (CI) 95% 1,36–1,44).

Inoltre, il carico di malattie dovute al diabete è aumentato di altri 13,46 casi ogni 1000 anni-persona in un anno (IC 95% 12,11-14,84). I ricercatori hanno anche notato un aumento del rischio dell’85% durante l’assunzione di farmaci antiiperglicemici (1,85, 1,78-1,92). Quasi tutti i casi erano diabete di tipo 2.

Il livello di rischio dipendeva dalla gravità della malattia COVID-19: il carico di malattia associato al diabete tra i non ricoverati in ospedale è aumentato di 8,28 malattie in più ogni 1.000 persone in un anno rispetto al gruppo di controllo. Nel gruppo di pazienti ospedalizzati COVID-19, il carico di malattia era significativamente più alto a 56,93 (CI 49,38 – 65,12) e ancora più alto per quelli in terapia intensiva: 89,06 (72,88 – 107,47).

I ricercatori sono stati in grado di osservare una dipendenza simile dal rischio di sviluppare il diabete. È aumentato dal 25% nei pazienti extra ospedalieri al 173% e al 276% rispettivamente nei pazienti in ospedale e in terapia intensiva.

READ  Guerra in Europa: un esperto di traumi spiega come affrontare la paura persistente

Alcuni fattori aumentano anche il rischio di sviluppare il diabete

Le persone con un indice di massa corporea (BMI) elevato e un fattore di rischio per il diabete di tipo 2 avevano più del doppio delle probabilità di sviluppare il diabete dopo l’infezione da SARS-CoV-2. BMI superiore a 30 kg/m22 Ha provocato 15.17 (12.96 – 17.45) casi aggiuntivi ogni 1.000 persone in un anno dopo l’infezione da COVID-19 rispetto al gruppo di controllo.

Diabete di tipo 1 dopo l’infezione da SARS-CoV-2

Studi precedenti hanno indicato che SARS-CoV-2, come altri virus, può aumentare il rischio di diabete di tipo 1 nelle giovani generazioni. Tuttavia, il caso per lo studio non è chiaro. Alcuni studi non hanno trovato prove per questo. I ricercatori finlandesi, ad esempio, hanno concluso che mentre a più bambini con diabete di tipo 1 è stata diagnosticata una chetoacidosi diabetica grave durante l’epidemia (Bmj2022; DOI: 10. 1136 / archdischild-2020-321220). Tuttavia, questo non è stato il risultato dell’infezione da SARS-CoV-2, ma piuttosto il risultato del ritardato utilizzo dell’assistenza sanitaria in tempi di pandemia.

Per lo studio di coorte, i ricercatori hanno utilizzato i database nazionali del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti (va). Il gruppo studiato era composto da 181.280 partecipanti che sono risultati positivi al COVID-19 tra il 1 marzo 2020 e il 30 settembre 2021 e sono sopravvissuti ai primi 30 giorni.

Il gruppo di controllo era composto da 4.118.441 partecipanti che sono stati inclusi nel database nella stessa finestra temporale e altri controlli da 4.286.911 persone che sono entrate a far parte del gruppo tra il 1 marzo 2018 e il 30 settembre 2019. Entrambi i gruppi di controllo non hanno mostrato segni di infezione SARS -CoV-2. A nessuno dei partecipanti era stato precedentemente diagnosticato il diabete.

READ  Un paziente SLA completamente paralizzato impara a comunicare di nuovo

Questa pandemia lascerà una “eredità di malattie croniche” per la quale i sistemi sanitari non sono preparati, afferma uno degli autori dello studio, Ziad Al-Aly, del Virginia St. Louis Healthcare System.

In studi precedenti, gli autori hanno già dimostrato, utilizzando un metodo simile, che il COVID-19 aumenta il rischio di malattie renali, insufficienza cardiaca e ictus (Giornale della Società Americana di Nefrologia, 2021; doi: 10.1681/ASN.2021060734E il medicina naturale, 2022, DOI: 10.1038 / s41591-022-01689-3). Nel Giornale medico tedesco È stato segnalato.

Uno studio tedesco ha anche recentemente identificato un aumento del 28% del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 dopo un lieve COVID-19.

Düsseldorf – Anche una malattia lieve con COVID-19 può aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Ciò è indicato dall’analisi dei pazienti diabetici di medici di famiglia tedeschi (2022; DOI: 10.1007/s00125-022-05670-0). Precedenti studi hanno dimostrato che le cellule beta nel pancreas possono essere danneggiate dall’infezione da SARS-CoV-2, che nel peggiore dei casi può causare infiammazione.

Tuttavia, alcuni fattori confondenti possono sminuire la notevole dimensione dei dati statunitensi. Perché non è certo se i risultati possano essere trasferiti ad altri gruppi di persone. La maggior parte dei veterani statunitensi nello studio erano maschi bianchi più anziani. Molte persone hanno la pressione alta e sono anche in sovrappeso, il che è associato a un aumentato rischio di diabete, ha spiegato l’epidemiologo Gideon Meyrowitz Katz dell’Università di Wollongong in Australia.

Al-Ali ha aggiunto che non si può escludere che alcune persone nel gruppo di controllo abbiano avuto un’infezione da COVID-19 asintomatica o asintomatica. © gie / aerzteblatt.de

READ  Il suolo fertile si trasforma in polvere: rapporto delle Nazioni Unite: la siccità sta diventando più comune e dura più a lungo