Il prossimo fallimento a Monaco – il colosso del centro città ora è colpito

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. tz
  2. Monaco
  3. città

Dopo la holding Cigna, i più importanti rami immobiliari dell'impero austriaco René Benko stanno crollando. Ciò ha conseguenze per i migliori immobili nel centro di Monaco.

Dopo che Cigna Holding, la madre dell'impero del Banco, è finita in una procedura fallimentare alla fine di novembre, le cattive notizie non sono finite. Ora le sue più importanti filiali immobiliari, Cigna Prime e Cigna Development, stanno subendo un duro colpo, con conseguenze finora impreviste. La struttura istituzionale interconnessa che coinvolge centinaia di aziende e investimenti rende difficile valutare i danni che il terremoto causerà nell’Impero austriaco. Ma ormai è chiaro al massimo: sarà enorme. La domanda rimane: cosa si può ancora risolvere? La situazione è allarmante perché le unità immobiliari e quindi le parti più importanti della holding sono ormai insolventi. La sola Signa Prime ha un patrimonio di 20,4 miliardi di euro. Giovedì il pubblico ministero ha presentato istanza di ristrutturazione in amministrazione autonoma presso il tribunale commerciale di Vienna, ha annunciato la società. Development Selection AG seguirà l'esempio venerdì.

I prossimi fallimenti del Banco: comprendono asset per 20,4 miliardi di euro

Parte dell'impero fatiscente di Benko: Oberbollinger nella zona pedonale. ©Gottzfried

Cigna Prime combina le caratteristiche del chipset nelle migliori posizioni ed è quindi il cuore dell'impero Benco. Development AG investe in progetti al di fuori di luoghi privilegiati come il complesso di uffici Up a Berlino, ma possiede anche un impressionante portafoglio di abitazioni. “Nonostante i notevoli sforzi compiuti nelle ultime settimane, non è stato possibile garantire adeguatamente la liquidità necessaria per la ristrutturazione stragiudiziale”, si legge nell'annuncio di Cigna. Erhard Grossnig, amministratore delegato delle filiali di Cigna, ha affermato che è importante trovare soluzioni a lungo termine. Vista la qualità degli immobili, Cigna è ottimista.

Dopotutto KaDeWe a Berlino, Elbtower ad Amburgo e Oberpollinger a Monaco sono tutte case nelle migliori posizioni. La capitale dello stato ha sperimentato con dolore cosa ciò significhi: lotti liberi, lavori interrotti e cantieri abbandonati caratterizzano da mesi il paesaggio urbano. Ad esempio, alla stazione ferroviaria principale, dove lo storico grande magazzino Hertie ha smesso di funzionare. Nell'edificio abbandonato di cemento Karstadt sulla Schützenstrasse o nella tradizionale casa Kaut-Bullinger. Proprio come nella vecchia accademia, lì non succedeva più nulla. Edificio in rovina nel mezzo della zona pedonale!

Il sindaco Dieter Reiter dopo il fallimento di Banko: “Molto amareggiato”

Il sindaco Dieter Reiter (SPD) ha definito la notizia del fallimento “estremamente amara”. “Non avremmo mai immaginato che noi come città potessimo avere un problema con la vecchia accademia”, ha detto di recente. “Una proprietà di lusso nel cuore della nostra città, ora minacciata di posti vacanti, ti fa sanguinare il cuore.” Soprattutto perché il Comune ha le mani legate: fino al 2013 l'immobile è stato di proprietà del Libero Stato – addirittura dell'allora e attuale Ministro delle Finanze. Il ministro Markus Söder (CSU) ha lasciato l'accademia per Cigna. Prezzo: 230 milioni di euro. L'immobile appartiene alla società ora insolvente Prime Selection e per gestire l'affare è stata costituita la Alte Akademie Immobilien GmbH. Ciò che accadrà dopo è stato discusso con le migliori proprietà in tutta la città da quando i lavori di costruzione si sono interrotti alla fine di novembre. Ci sono richieste allo Stato Libero di porre fine anticipatamente al contratto di locazione immobiliare di 65 anni.

L'ex urbanista Christian Thalgott ha suggerito che famiglie finanziariamente forti, come gli Schörghuber o gli Inselkammer, potessero farsi carico del progetto espositivo. Ci sono forse conversazioni di sottofondo? Free State non ha voluto commentare questo quando gli è stato chiesto. Il Ministero delle Costruzioni chiarisce solo: “La procedura di insolvenza della Signa Prime Selection AG non ha alcun impatto sul contratto di locazione dell’Alte Akademie, concluso con la società di progetto”. Questa non è insolvenza. E: “Nel caso in cui il partner contrattuale dello Stato Libero dichiari fallimento, il Governo statale tutelerà tutti i corrispondenti diritti dello Stato Libero che gli spettano, tenendo conto del principio di efficienza economica”.

Monaco di Baviera fallisce: cosa succede adesso a Oberbollinger?

Questo è un passo che potrebbe essere solo questione di tempo. Perché si prevedono ulteriori fallimenti. Il direttore della Cigna Holding lo ha spiegato la settimana scorsa all'assemblea dei creditori a Vienna: “È stato elaborato un piano di sfruttamento per accelerare la vendita di investimenti e beni”. La holding dovrebbe cedere la sua partecipazione più prestigiosa: quella del Chrysler Building di New York. Cigna deve fare affidamento anche su partner commerciali finanziariamente forti nel grande magazzino di lusso Oberpollinger di Monaco: il 51% dell'azienda è di proprietà di un'azienda familiare tailandese, il gruppo centrale del miliardario Tos Chirathivat. Gli esperti del settore danno per scontato che acquisirà una quota di minoranza di Signa. Sarebbe un buon segno per il futuro della casa. Tuttavia, le prospettive per la Galeria Karstadt Kaufhof (GKK) con le sue 92 filiali sono fosche.

La società responsabile è la Signa Retail Selection AG, con sede in Svizzera, che ha già chiesto la protezione dei creditori per liquidare in modo ordinato la propria attività, il che significherebbe vendere GKK. Prime, ora insolvente, è interessata ad immobili per un valore di 20,4 miliardi di euro. Secondo il rapporto annuale 2022, alla fine dell’anno precedente Cigna Prime aveva debiti per circa 10,8 miliardi di euro. La perdita ammonta a un miliardo di euro. Dopo una forte crescita nella fase dei bassi tassi d'interesse, la rete aziendale costruita da Benko in 30 anni, come l'intero settore immobiliare, soffre dell'aumento dei costi di costruzione, dei prezzi dell'energia e degli interessi. Inoltre, il commercio al dettaglio affermato è sotto pressione. Negli ultimi tempi la situazione a Signa si è rapidamente deteriorata: alla fine del 2022 i numeri rossi delle azioni erano ancora poco sotto i due miliardi di euro. Nove mesi dopo, la montagna del debito era salita a cinque miliardi di euro.

Banco si reca a Barcellona per fare acquisti

Il risultato: poco a poco sempre più figlie seguono le madri verso la bancarotta. La storia di successo di Benko è iniziata nel 1995 a Innsbruck con la ristrutturazione di un attico di lusso. Il crollo del suo impero colpisce più i suoi partner che lo stesso 46enne, il cui nome è apparso per la prima volta nel 2019 nella lista delle persone più ricche del mondo stilata da Forbes. Patrimonio stimato: 4,6 miliardi di euro. Fondi da garantire grazie alla “Fondazione Banco Privato Famiglia”. Mentre i 13.800 dipendenti della Galleria temono per il proprio futuro e mentre le città si riempiono ogni giorno di più posti vacanti, l'austriaco sembra comunque sentirsi abbastanza a suo agio. Poco prima di Natale è andato a fare shopping a Barcellona, ​​ovviamente su un aereo privato.

Puoi trovare ulteriori novità nella nostra nuova app tz, ora con un design migliorato e più funzioni di personalizzazione. Da scaricare direttamenteQui troverai maggiori informazioni. Sei un utente accanito di WhatsApp? Anche lì tz.de/muenchen vi terrà aggiornati tramite il nuovo canale Whatsapp. Qui Andiamo direttamente al canale.

Related articles

L’Italia teme l’eruzione del supervulcano – La Regione pianifica un’evacuazione di massa

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 23 giugno 2024, 4:54Da: Moritz FletzingerPremeredivisoLa Terra trema, il supervulcano italiano potrebbe eruttare. ...

Un’azienda bavarese elimina 420 posti di lavoro

Home pageBavierastava in piedi: 23 giugno 2024, 4:59da: Leonie BellinaInsisteDivideIl fornitore di automobili Preh ha annunciato di voler...

Taylor Willey è morto all’età di 56 anni

Dipendenti dalle serieNotiziala gentestava in piedi: 23 giugno 2024, 4:48da: Lauren Borschke CremosoInsisteDivideÈ morto all'età di 56 anni...

Il sole sta per spostarsi verso i poli: cosa significa questo per la Terra

Home pageLo sappiamostava in piedi: 23 giugno 2024, 4:59da: Tanja BannerInsisteDivideCirca ogni undici anni, i poli magnetici del...