Aprile 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il produttore americano intende scendere a compromessi: microchip prodotti nel Saarland

Il produttore americano intende scendere a compromessi: microchip prodotti nel Saarland

Stato: 01/02/2023 11:25

I microchip provengono principalmente dall’Asia e dal Nord America. Ma la Germania vuole recuperare il ritardo, ad esempio costruendo uno dei più grandi impianti di wafer di carburo di silicio al mondo nel Saarland.

Sembra e brilla come il cristallo nero, ma è carburo di silicio prodotto sinteticamente. È stato utilizzato nella carta vetrata per molti decenni. Grazie alle sue speciali capacità come semiconduttore, negli ultimi anni il materiale ha attirato l’attenzione dell’industria automobilistica. “I wafer di carburo di silicio convertono la corrente continua in corrente alternata in modo molto efficiente e quindi possono aumentare l’autonomia dei veicoli elettrici”, spiega Stefan Bratzel dell’Automotive Management Center Bergisch Gladbach.

Il produttore americano Wolfspeed costruirà uno dei più grandi mulini di trucioli di carburo di silicio al mondo sul sito dell’ex centrale elettrica a carbone di Ensdorf, nel Saarland. Secondo la società, la società quotata impiega circa 3.500 persone in 17 paesi.

Investire nel cambiamento strutturale

per più forte Il Saarland dipende dall’industria automobilistica e siderurgica Il suo impianto di semiconduttori sarà “una pietra miliare sulla strada verso un cambiamento strutturale di successo”, afferma Carsten Mayer, amministratore delegato della Camera dell’industria e del commercio del Saarland.

Ma un tale impianto avrebbe una potenza di segnale ben oltre il Saarland, spiega Ondrej Burkacky, esperto di semiconduttori presso la società di consulenza gestionale McKinsey. Dal punto di vista europeo, il passo sarà molto importante per diventare più indipendenti dai siti produttivi in ​​Asia e Nord America. Durante la pandemia di Corona, le linee di produzione di molte case automobilistiche in Europa sono rimaste ferme per settimane a causa della mancanza di semiconduttori.

Crescita del mercato del carburo di silicio

Il mercato globale dei chip in carburo di silicio, come quelli prodotti da Wolfspeed, è attualmente ancora molto piccolo. Secondo Buracaki, le vendite dell’anno scorso sono state di circa 1 miliardo di dollari USA. “Prevediamo un aumento di circa il 23% nei prossimi anni, quindi entro il 2026 sarà di circa 2,5 miliardi di dollari”.

Gli esperti presumono che la domanda continuerà a crescere in linea con il crescente mercato delle auto elettriche. “In questo momento Wolfspeed non è una delle grandi aziende nel settore dei chip”, afferma Bratzel. “Ma in questo mercato in crescita un giocatore molto importante.”

Il fatto che la Germania abbia sviluppato così presto questo mercato con una propria fabbrica potrebbe essere “un’altra pietra angolare della catena del valore per l’industria automobilistica, che è molto importante in Germania”, afferma Buracaki.

L’Unione Europea vuole attirare i produttori di chip con sussidi

Non ci sono informazioni esatte sulla dimensione dell’investimento di Wolfspeed. Tuttavia, negli ambienti industriali si parla di una somma in miliardi. In genere, secondo Buracaki, i produttori di chip si aspettano spese generali dal 30 al 40 percento dei costi di investimento. Bratzel stima che le possibilità che Saarland ottenga finanziamenti dall’UE siano molto buone.

L’Unione Europea vuole adottare una “legge sui chip” entro l’estate. Con miliardi di finanziamenti, la quota europea della produzione mondiale di chip aumenterà dal 10 al 20% entro il 2030. Il know-how ei posti di lavoro dell’industria dei microchip orientata al futuro devono essere stabiliti in Europa.

Fino a 1.000 nuovi posti di lavoro

Si parla di ben 1.000 posti di lavoro nell’insediamento Wolfspeed. La fabbricazione di semiconduttori viene eseguita in una camera bianca ed è ampiamente automatizzata. Ci sarà soprattutto una richiesta di ingegneri, ma ci sarà anche un gran numero di tecnici che si occuperanno della manutenzione delle macchine.

In circa quattro anni, i primi chip di carburo di silicio per auto elettriche potrebbero quindi essere prodotti nel Saarland sul sito di un’ex centrale elettrica a carbone. Sarà un simbolo positivo e un esempio di cambiamento strutturale. Quando nel pomeriggio verrà annunciato ufficialmente l’accordo Wolfspeed, dovrebbero essere presenti anche il cancelliere Olaf Scholz e il ministro dell’Economia Robert Habeck.