“Il motore a combustione è garantito per i prossimi 100 anni.”

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. un lavoro

Insiste

Gli acquirenti di automobili possono aspettarsi maggiori sconti, ma solo sui modelli con motore a combustione. Dal punto di vista degli esperti la colpa è della politica.

Berlino – Rallentano le vendite di auto elettriche in Germania. Uno dei motivi è la brusca fine dei finanziamenti statali a dicembre. Ma anche la cattiva immagine di Strummer probabilmente gioca un ruolo. Ma non solo le vendite di auto elettriche, ma anche il mercato delle auto nuove nel suo insieme si stanno sviluppando male.

Studio di Ferdinand Dudenhöfer: gli sconti per l'acquisto di motori a combustione sono in media più alti rispetto a quelli per le auto elettriche

Le case automobilistiche hanno risposto facendo nuovamente affidamento sui modelli con motore a combustione. Secondo uno studio di Ferdinand Dudenhofer, un esperto automobilistico di Bochum, ci ha provato Volkswagen, BMW, Stellantis & Co., per incrementare le vendite di modelli benzina e diesel con sconti elevati. Lo dimostra analizzando gli sconti di marzo. Di conseguenza, gli sconti per l’acquisto di un motore a combustione sono in media più alti di quelli per le auto elettriche.

Secondo Dudenhofer, a marzo gli acquirenti di automobili possono aspettarsi uno sconto medio del 16,8% per le auto a benzina e diesel, mentre per le auto elettriche è stato solo del 16,2%. A febbraio gli sconti su entrambi i tipi di azionamento erano ancora gli stessi. La valutazione si basa sui dati raccolti da broker indipendenti di auto nuove su Internet. Sono stati esaminati quindici modelli con motore a combustione ed elettrici di undici produttori.

I produttori di automobili si affidano nuovamente sempre più ai modelli con motore a combustione. © Jochen Tuck/Imago

Studio di Ferdinand Dudenhofer: È soprattutto la Volkswagen ad aumentare gli sconti

Secondo lo studio, nel mese di marzo è stata soprattutto la Volkswagen ad aumentare gli sconti sui modelli a combustione. La versione rinnovata della Golf 8, presentata a gennaio e consegnata in estate, è stata offerta online con uno sconto del 17,5% sul prezzo di listino. A febbraio ha raggiunto il 13,8%. Sconti così elevati sono insoliti per un nuovo modello, afferma Dudenhofer.

Ciò significa che il livello di sconto è vicino a quello dei modelli elettrici della Volkswagen. Lì la Volkswagen continua a offrire sconti più elevati, fino al 21,7%, sulla ID.4. Rispetto a febbraio il livello è rimasto stabile. Per gli altri produttori intervistati, gli sconti sono rimasti sostanzialmente stabili a marzo. Tuttavia, secondo Dudenhofer, per la maggior parte di essi gli sconti per i motori a combustione erano già più alti che per le auto elettriche a febbraio.

Studio di Ferdinand Dudenhofer: si guadagna di più con i motori a combustione che con le auto elettriche

Dopo la scadenza del bonus di acquisto per le auto elettriche in Germania, alla fine del 2023, i produttori hanno ricevuto sconti Auto elettrica Inizialmente è aumentato notevolmente per compensare la perdita di premio. Nel frattempo però si nota un cambiamento di mentalità, dice Dudenhofer. In considerazione della domanda generalmente debole si sta tentando di stimolare il business con i motori a combustione ancora dominanti e di sfruttare così al massimo le proprie capacità.

“Il debole mercato automobilistico sta prendendo una svolta”, ha detto Dudenhofer. “Anche i veicoli elettrici vengono promossi meno tra le case automobilistiche”. Considerati gli elevati margini di profitto dei motori a combustione, è più facile per i produttori concedere sconti qui. Ma per le auto elettriche, una volta abolito il bonus statale all’acquisto, sarebbero stati possibili solo piccoli profitti o addirittura perdite. Nell'attuale recessione, i produttori fanno sempre più affidamento sui motori a combustione, che continuano a “guadagnare bene”.

Studio di Ferdinand Dudenhofer: I politici hanno distrutto le auto elettriche

Tuttavia, Dudenhöffer difende le case automobilistiche. Dopo la rimozione del sussidio per la mobilità elettrica, non hanno avuto altra scelta per utilizzare le loro fabbriche al massimo delle loro capacità. “Non sono state le case automobilistiche a distruggere l'auto elettrica, ma i politici”, ha detto l'esperto automobilistico dell'istituto. Settimana di lavoro. Egli identifica il ministro federale dell'Economia Robert Habeck (Verdi) come il principale responsabile, che preferirebbe occuparsi delle “case dei cucù” come la produzione di acciaio verde piuttosto che coltivare l'industria automobilistica.

ma anche Unione EuropeaSecondo Dudenhofer, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen (CDU) contribuisce al cattivo stato delle auto elettriche confermando una revisione del divieto dei motori a combustione nel 2026. Alla luce degli sviluppi attuali, Dudenhofer arriva Settimana di lavoro Alla seguente conclusione: “Il motore a combustione è sicuro per i prossimi cento anni”.

Related articles