Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mistero dei tifosi della DFB Redemption: perché lo stadio era così silenzioso?

Il mistero dei tifosi della DFB Redemption: perché lo stadio era così silenzioso?

I calciatori tedeschi intensificano il loro gioco: la Nazionale festeggia la sua sorprendente e impressionante rimonta contro la Francia. La squadra deve lavorare di più contro l'Olanda, ma sta lottando per la vittoria. Ma cosa c'è che non va nei fan?

Cosa è successo allo stadio di Francoforte?

Germania in bianco e nero. Nel valutare la squadra nazionale di calcio e il design delle maglie, almeno la maggior parte delle volte. Ma fermati qui, rompi la grande tradizione. La Federcalcio tedesca lo aveva già fatto in precedenza e ha concesso l'autorizzazione all'Adidas, e la squadra ha continuato la partita contro la Francia sabato scorso e ha riconquistato un posto di rilievo sulla scena mondiale con una vittoria per 2-0. Anche prima dell'inizio del secondo test contro l'Olanda, martedì sera, le abitudini continuavano ad essere rotte. Il 'Major Tom' di Peter Schilling è tornato dall'oblio al presente e i calciatori tedeschi sono apparsi per la prima volta in rosa. Tutto è diverso, tutto è nuovo.

Ma lo slancio per il cambiamento non era lontano. Quattro minuti dopo, Joey Firman si è scrollato di dosso tutti i buoni sentimenti accumulati da sabato. Il fatto che Maxi Mittelstadt, partito in vantaggio con un passaggio opzionale, abbia pareggiato sette minuti più tardi con un tiro fragoroso, ha risvegliato gli animi solo per poco. Da allora, le persone si sono ritirate a lungo nella grotta. Nonostante tutto il dominio e lo sforzo, qualcosa di eccitante arrivava sempre solo più tardi.

I comandi di Nagelsmann erano facili da sentire anche in uno stadio pieno.

I comandi di Nagelsmann erano facili da sentire anche in uno stadio pieno.

(Foto: IMAGO/Kirchner-Media)

A volte in questo tempio del calcio il silenzio era così profondo che potevi sentire Julian Nagelsmann esibirsi direttamente sul tetto del campo. Quando non lo faceva, si poteva sentire il forte rombo degli aerei che si avvicinavano (o si allontanavano) dall'aeroporto: trance EM? Per molto tempo sembrava diverso. Fino all'85', quando il jolly Niklas Volkrug realizza il 2-1. Seno halal. La seconda vittoria nella seconda partita dell'anno. La strada per il campionato locale è giusta. Anche se la macchina perde un po' di velocità dopo la guida veloce di Lione, dimostra che può vincere con forza – e sicuramente lo vuole.

Clicca qui per il resoconto della partita!

Squadre e obiettivi

Germania: Ter Stegen/Barcellona (31 anni, 40 presenze) – Kimmich/Bayern (29/84) da 79. Henriques/Lipsia (27/14), Tah/Leverkusen (28/23), Rudiger/Real Madrid (31)/ 68 ), Mittelstadt/Stoccarda (2/27) da 79. Raum/Lipsia (20/25) – Kroos/Real Madrid (108/34), Andrich/Leverkusen (3/29) da 59. Gross/Brighton & Hove ( 3 /32) – Wirtz/Leverkusen (16/20) dal 73° minuto. Müller/Bayern (128/35), Gundogan/Barcellona (75/33) dal 59° minuto. Fuhrich/Stoccarda (3/26), Musiala/ Bayern Monaco (21/27) – Havertz/Arsenal (24/44) dal 73. Volkrug/Dortmund (31/15); allenatore: Nagelsmann
Olanda: Verbruggen/Brighton & Hove (21/5) – De Ligt/Bayern (24/44), Van Dijk/Liverpool (32/66), Ake/Manchester City (29/44) – Dumfries/Inter (27/52) , Schoten/PSV (3/27) da 75. De Roon/Bergamo (32/42), Vierman/PSV (8/25) da 89. Weaver/Feyenoord Rotterdam (9/24), Blind/Girona (34/106 ). ) da 89. Simons/Lipsia (20/13) – Reynders/Milan (25/8) da 66. Timber/Feyenoord Rotterdam (22/1), Malin/Dortmund (25/30) da 75. Jacobo/Liverpool (24/10) – Depay/Atletico Madrid (30/90) da 75. Weghorst/Hoffenheim (31/31); allenatore: Dai
governare: Espen Eskaas (Norvegia)
Portali: 0:1 Ferman (4° posto), 1:1 Mittelstadt (11° posto), 2:1 Volkrug (85° posto)
Cartellini gialli: Andrich, Croce-cieco
Spettatori: 48.590 (esaurito)

Cosa c'era di buono?

Nelle partite casalinghe della DFB c'è qualcuno che non può mai essere incolpato. L'uso di DJ Teddy-O prima del kick-off è indiscutibile: hit dopo hit – forte e il mix non conosce interruzioni. E così è andata con la squadra della Federcalcio tedesca. Anche se inizialmente la prestazione non è stata così forte come a volte contro la Francia, lo sforzo è stato centrato. L'approccio e la volontà, come nel caso della Francia, si vedono.

L'allenatore della nazionale Nagelsmann ama parlare di cose che contano senza talento. Alcuni le chiamano le “virtù tedesche”, ma alla fine sono più o meno le stesse cose: impegno, volontà e coraggio. Questo si è visto anche in Nazionale. Ad esempio, quando Tah perde la palla in un momento di sonnolenza, ma poi torna al duello. La stessa cosa è successa con Kimmich, che prima ha fatto sgambettare la palla davanti a Blind nel primo tempo per poi recuperarla più tardi. Ciò è stato più evidente a Mittelstadt: prima è stato segnato il gol, poi è stato segnato il pareggio.

E in modo offensivo? Anche in questo caso la squadra della Federcalcio tedesca ha dimostrato una tecnica particolarmente buona. L'attivissimo Musiala non ha avuto solo problemi con i difensori olandesi attorno allo stop incarnato di Virgil van Dijk, ma soprattutto con la traiettoria. Continuava a scivolare via e continuava a perdere l'equilibrio mentre schivava. Non aiutava il fatto che spesso al ballo ci fossero scene coraggiose. Florian Wirtz, il secondo mago dell'attacco tedesco, è diverso. Potrebbe non essere stato così onnipresente nelle sue azioni come il giocatore del Monaco, ma i suoi piccoli passaggi taglienti erano spesso utili. Quando ha preso la palla e ha iniziato a camminare, è stato difficile fermarlo. Tuttavia, come i suoi compagni di squadra, lui e i suoi compagni non hanno avuto l'impatto degli ultimi mesi al club e anche nella partita con la Francia.

Dove c’era ancora margine di miglioramento?

Il secondo grande mistero oltre all'atmosfera era la stabilità di Jamal Musiala. Il talento del Bayern continuava a perdere il controllo delle gambe. A volte inciampi, a volte inciampi. Il fatto che ciò accadesse spesso in situazioni promettenti non ha giovato al gioco offensivo tedesco. L'ultima o penultima azione è stata interrotta più volte. Quale sia la causa all'inizio non è nota.

Chi è il vincitore della serata?

Panchina sostitutiva della Nazionale. Se dopo la resurrezione contro la Francia sembrava che l'undici titolare fosse stato quasi scolpito nella pietra, ora le fondamenta mostrano nuovamente lievi crepe. Robert Andric, che era ancora in vista insieme a Toni Kroos contro Kylian Mbappé e compagni, questa volta era solo in servizio difensivo, ma aveva poco da fare. Ciò lascia spazio a miglioramenti. Maxi Mittelstadt, anche lui un nuovo giocatore popolare al Lione, questa volta ha avuto più problemi con Denzel Dumfries. Ciò lascia la porta un po' più aperta per un concorrente come David Raum o Benjamin Henriques.

Volkrug si è diretto verso la vittoria.Volkrug si è diretto verso la vittoria.

Volkrug si è diretto verso la vittoria.

(Foto: IMAGO/Revierfoto)

Anche Chris Fuhrich è stato una risorsa assoluta con la sua passione spericolata e il suo amore per prendere a calci in culo. e Thomas Müller, che divenne subito il secondo presidente. Anche Niklas Volkrug, ancora insoddisfatto del suo ruolo da sostituto al Lione, ha vinto la partita con il suo gol successivo. È utile che Nagelsmann abbia identificato e poi nominato ruoli chiari. Il fatto che abbia ampliato le tipologie di giocatori e quindi creato più varianti per se stesso. Potrebbero non esserci in squadra i migliori 23 calciatori individuali del Paese in questo momento, ma forse invece ci sono quelli che si adattano meglio insieme. Almeno questo sembra essere il piano del ct della Nazionale.

Cosa può ancora essere migliorato?

La gente viene raramente alle partite della DFB a causa della fantastica atmosfera sugli spalti. Ma: Germania-Olanda, non sono davvero grandi duelli? Dopo lo straordinario risultato contro la Francia, il pubblico sugli spalti a tratti sembrava un po' sbalordito. Abbastanza lento e in qualche modo bloccato. Dopotutto: quando la squadra olandese ha commesso un errore è stato fischiato, mentre la squadra della Federcalcio tedesca ha esultato quando ha fatto una mossa forte.

Ma a volte quello che è successo (o non è successo) sugli spalti è stato straordinario. Il fatto che le istruzioni di Nagelsmann siano facili da ascoltare forse non sorprende. Piuttosto: è un po' sorprendente che a intervalli regolari si senta il rumore degli aerei che sorvolano il Deutsche Bank Park.

Ma come la squadra della DFB, anche i tifosi hanno fatto: sempre con grande impegno. Quattro onde La Ola contate manualmente hanno attraversato l'arena. Gli applausi dei tifosi si sono persi negli applausi. Dopotutto: dopo lo shock vincente del Joker Volkrug, anche i già discutibili cori di “vittoria” ascoltati in precedenza quando il punteggio era 1-1 erano appropriati.

Cosa dicono le persone coinvolte?

Giuliano Nagelsmann: “La vittoria è molto bella. La partita è stata più difficile di quella contro i francesi. Abbiamo difeso attivamente. La partita poteva cambiare nel secondo tempo, nell'ultimo quarto d'ora era chiaro che avevamo più occasioni. Noi volevo assolutamente farlo.” “Vincere la partita. Lo spirito di squadra è molto buono. Gli ultimi dieci giorni sono stati fantastici per la squadra. Lo stadio era un disastro”.

Tony Croce“Sono orgoglioso della squadra. Vengono da un momento difficile. Abbiamo portato bene lo slancio e la fiducia in noi stessi. Qualche mese fa saremmo crollati dopo essere rimasti indietro. La brutta notizia è che non lo facciamo. ” Non otterrò punti per quel campionato.”

Lothar Matthäus“Ora sanno cosa possono fare. Hanno meritato di battere due squadre importanti in Europa. Può succedere qualcosa di grosso. Siamo uno dei favoriti per vincere gli Europei”.