Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il mirtillo rosso conserva la memoria nella vecchiaia

pte20220520004 Medicina/benessere, Ricerca/Sviluppo

Scienziati britannici hanno scoperto un miglioramento della cognizione dopo appena dodici settimane

Raccolto di mirtilli rossi negli Stati Uniti settentrionali: buono per la memoria (Foto: pixabay.com, PublicDomainImages)

Raccolto di mirtilli rossi negli Stati Uniti settentrionali: buono per la memoria (Foto: pixabay.com, PublicDomainImages)

Norwich (pte004/20.05.2022/06:05) –

Mangiare mirtilli rossi a frutto grosso, noti come mirtilli rossi, migliora la memoria e la funzione cerebrale, prevenendo così la demenza. Abbassa anche il livello di colesterolo dannoso nel sangue, noto come colesterolo “cattivo”. Questi sono i risultati di un team guidato dall’esperto di nutrizione David Fozor della University of East Anglia School of Medicine http://uea.ac.uk .

Migliore apporto di nutrienti

Per lo studio, gli scienziati hanno testato 60 persone mentalmente sane di età compresa tra i 50 e gli 80 anni. Ogni giorno, 30 di loro hanno consumato una quantità di polvere di mirtillo rosso equivalente a una tazza di frutta al giorno per 12 settimane. L’altra metà dei partecipanti ha ricevuto sedativi.

Le prestazioni di memoria dei partecipanti che hanno assunto la polvere di mirtillo rosso sono aumentate. Dopo aver completato la fase, è stato riscontrato che la memoria degli eventi quotidiani, la cosiddetta memoria episodica visiva, la funzione neurologica e l’afflusso di sangue al cervello erano notevolmente migliorati. I loro cervelli vengono riforniti in modo più efficace di nutrienti essenziali come ossigeno e glucosio, che migliorano la memoria.

Contro infarto e ictus

“Nel gruppo del mirtillo rosso, abbiamo anche riscontrato una significativa riduzione del colesterolo lipoproteico a bassa densità, che contribuisce all’aterosclerosi – l’ispessimento o indurimento delle arterie causato dall’accumulo di placca nel rivestimento interno dell’arteria”, afferma Fuzor. L’aterosclerosi provoca disturbi circolatori tra cui ictus e infarto. È incoraggiato dai risultati, soprattutto perché il progresso cognitivo era già evidente dopo un “trattamento al mirtillo rosso” relativamente breve.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale: ciò che il nostro astronauta Matthias Maurer ha riparato oggi nello spazio - una guida

“Si prevede che più di 150 milioni di persone soffriranno di demenza nel 2050”, teme Fozor. Una cura non è possibile, almeno per il momento. Pertanto, è fondamentale “cercare interventi modificabili sullo stile di vita, come la dieta, che possono aiutare a ridurre il rischio e il carico di malattie”, conclude il dietista.

(Fine)