Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il gruppo di ricerca ha riportato una sorprendente scoperta di Urano nei vecchi dati Voyager

Il gruppo di ricerca ha riportato una sorprendente scoperta di Urano nei vecchi dati Voyager
  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

È così che la navicella spaziale Voyager 2 della NASA ha visto il pianeta Urano nel 1986.
Ecco come la navicella spaziale Voyager 2 della NASA vide il pianeta Urano nel 1986. © NASA/JPL-Caltech

Nei dati della navicella spaziale Voyager 2 della NASA, un gruppo di ricerca ha trovato una sorpresa su Urano. Altri segreti possono ancora essere nascosti nei dati.

Greenbelt – La navicella spaziale Voyager 2 della NASA è stata lanciata nell’agosto 1977 in un grande tour del sistema solare, visitando molti pianeti nel suo percorso verso il sistema solare esterno. Otto anni e mezzo dopo il suo lancio, Voyager 2 ha sorvolato il misterioso pianeta ghiacciato Urano. Fino a circa 81.000 chilometri di distanza, la sonda spaziale si è avvicinata al pianeta e ha raccolto moltissimi dati. In questi dati, i ricercatori hanno trovato, tra le altre cose, due nuovi anelli e undici lune di Urano precedentemente sconosciute.

I dati forniti da Voyager 2 da Urano sono unici fino ad oggi: nessuna sonda spaziale si è mai più avvicinata a questo pianeta. Ancora oggi sembrano esserci segreti nei dati che aspettano di essere svelati. Lo dimostra uno studio del 2019 nel diario Lettere di ricerca geofisica pubblicato era diventato.

Sorpresa nei dati della navicella spaziale Voyager 2 della NASA

Inizialmente, Gina DeBraccio e Dan Gershman del Goddard Space Flight Center della NASA erano alla ricerca di misteri che circondavano Urano che una nuova missione sul gigante di ghiaccio avrebbe potuto risolvere. Per fare ciò, il team di ricerca ha prima esaminato il campo magnetico del pianeta, che è molto strano e insolito nella ricerca. Quindi i due ricercatori hanno ottenuto i dati del magnetometro dal sorvolo della Voyager 2 e hanno guardato i dati a grande ingrandimento.

In tal modo, hanno scoperto qualcosa che era già noto da altri pianeti ma mai visto prima su Urano: un plasmide. Quando la Voyager 2 visitò il pianeta, Urano stava perdendo un’enorme bolla di plasma, e con essa parte della sua atmosfera. L’intera struttura era lunga circa 200.000 km e spessa 400.000 km, come il team di ricerca è stato in grado di dimostrare utilizzando dati antichi. Per confronto: il diametro della Terra è di circa 12.700 km.

Illustrazione: un'astronave
Illustrazione: navicella spaziale Voyager della NASA nello spazio. © dpa / Giovanni. Howard/NASA/JPL

Urano ha espulso un gigantesco plasmoide mentre la Voyager 2 volava

Si pensa che i plasmodi siano un modo importante con cui i pianeti perdono parti della loro massa e atmosfera. Queste sono enormi bolle di plasma prelevate dal pianeta e separate. Questi processi sono già stati osservati sulla Terra e su altri pianeti – su Urano erano ancora completamente sconosciuti a quel tempo, come la NASA in uno comunicazione menzionato. Il team di ricerca ha anche scoperto di cosa è fatto il plasmoide: principalmente idrogeno ionizzato.

Urano potrebbe aver perso la sua massa e la sua atmosfera attraverso il plasmoide

Plasmodium come quelli osservati su Urano potrebbero essere responsabili dal 15 al 55 percento della perdita di massa dell’atmosfera di Urano, stimano DeBraccio e Gershman. Quanti plasmodesmaidi Urano ha perso nel tempo, i ricercatori non possono determinarlo con un singolo set di dati. DeBraccio ha un’analogia appropriata per questo: “Immagina un’astronave che vola attraverso questo spazio cercando di caratterizzare l’intera Terra. Naturalmente, ciò non rivelerebbe nulla sul Sahara o sull’Antartide”.

bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio gratuito e rimani informato.

Il plasma è stato rilevato da Debracio e Gershman in un estratto di 60 secondi dal volo di 45 ore della Voyager 2 su Urano. Quindi potrebbero esserci altri misteri in attesa di essere svelati nei dati dell’antica navicella spaziale. In ogni caso, la ricerca ha da tempo rimesso Urano sul radar: il “Decadal Survey” delle Accademie Nazionali di Scienze, Ingegneria e Medicina degli Stati Uniti, una sorta di “lista dei desideri” per l’astronomia, mette la missione di Urano in cima. I ricercatori vorrebbero che la NASA lanciasse una grande missione su Urano perché è uno degli oggetti più eccitanti del sistema solare e ci sono ancora molti misteri da risolvere. (fattura non pagata)