Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo italiano vuole test psicologici per i giudici

Il governo italiano vuole test psicologici per i giudici

Al: 31 marzo 2024 19:28

Il governo italiano è ai ferri corti con parte della magistratura. Il governo Meloni ha deciso di introdurre test psicologici per tutti gli avvocati e i giudici in Italia. Tuttavia, un sindacato dei giudici minaccia uno sciopero.

Georg Seiselberg

Georgia Meloni non ha nascosto il fatto che non le piacciono alcune parti del sistema giudiziario italiano. Il capo del governo ritiene che molti giudici e pubblici ministeri siano troppo di sinistra e troppo ideologici.

Meloni ha sottolineato le sue critiche in una recente intervista televisiva mercoledì. Ad esempio, ha incolpato la magistratura per la decisione del governo di deportare rapidamente i richiedenti asilo respinti. “Una certa magistratura politicizzata si è mobilitata contro il regolamento”, ha criticato Maloney, “e non ha iniziato ad applicarlo”.

Tutti dovrebbero essere testati

In futuro, il governo di Roma vuole mettere pubblici ministeri e giudici in libertà vigilata. Questa settimana, il governo Meloni ha approvato un disegno di legge che il quotidiano di sinistra liberale La Repubblica ha intitolato “attacco alla magistratura”.

Un nuovo regolamento impone ai potenziali pubblici ministeri e giudici in Italia di sottoporsi a un test psicologico a partire dal 2026.

I giudici si difendono

Contro questo l'Associazione dei giudici vuole mobilitare l'Anm e indire uno sciopero dei suoi iscritti. Il presidente giudice Giuseppe Santalucia vede nella decisione del governo un tentativo di minare la credibilità della magistratura: “Credo che sia una norma che suggerisce all'opinione pubblica un maggiore controllo sui giudici”.

Il franchising italiano è una tradizione nella magistratura dai tempi di Silvio Berlusconi. Il quattro volte primo ministro, morto l'anno scorso, aveva già descritto molti giudici come “pazzi” in un'intervista a un giornale nel 2003 e aveva dichiarato che la magistratura politicizzata italiana era un “cancro che doveva essere sradicato”.

Una sottile controproposta

Meloni, che ha ricoperto il suo primo incarico di governo come ministro della Gioventù sotto Berlusconi, ora vuole sottoporre a test la salute mentale di tutti gli avvocati e i giudici. È un voto di sfiducia nei confronti della magistratura, afferma il noto avvocato antimafia italiano Nicola Gratteri. E lancia la provocatoria controproposta secondo cui anche i membri del governo dovrebbero verificare se sono mediocri.

Se i politici ritengono che i test per i giudici siano necessari, “raccomando di introdurre questi test per tutti gli enti pubblici, compresi i politici e soprattutto per coloro che ricoprono incarichi di governo”. Inoltre, l'avvocato antimafia continua la sua provocazione affinché i membri del governo si sottopongano a test per alcol e droga.

Il ministro della Giustizia era irritato

Il ministro della Giustizia della Meloni, Carlo Nordio, ha risposto con rabbia alle proteste per la decisione del governo. Non ha capito “come si possa pensare che questa sia una forma di gloria o un affronto all'indipendenza e all'orgoglio della magistratura”. Nordeo era stato in precedenza collega di Gratteri e avvocato antimafia.

Nella sua conferenza stampa dopo la riunione del gabinetto, il ministro della Giustizia ha menzionato, tra le altre, le sue prime esperienze. Quando iniziò a lavorare nel sistema giudiziario quasi 50 anni fa, Nordeo disse che non considerava un'invasione della sua privacy quando doveva sottoporsi ad esami del sangue e della funzionalità polmonare.

Il ministro della Giustizia difende il disegno di legge da lui elaborato sottolineando che in Italia esistono già test psicologici, ad esempio per i candidati alla polizia.

Il governo ha fiducia nella maggioranza

Secondo il progetto di legge, in futuro i test psicologici programmati per i giudici dovrebbero far parte del processo di candidatura. I partiti di opposizione si sono opposti a questo.

Ma il governo è unito. Il previsto test psicologico è sostenuto da tutti i partiti della coalizione, compresi Fratelli d'Italia di Meloni, Lega di Matteo Salvini e Forza Italia, fondata da Silvio Berlusconi. I tre partiti di governo hanno la maggioranza assoluta in entrambi i rami del Parlamento.

Jörg Seisselberg, ARD Roma, tagesschau, 31 marzo 2024 7:41