Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo federale compra gas per 1,5 miliardi di euro: Polonia e Norvegia stanno costruendo di nuovo il “Baltic Pipe”.

Il governo federale acquista gas per 1,5 miliardi di euro
Polonia e Norvegia stanno costruendo di nuovo “Baltic Pipes”.

Alla luce della guerra in Ucraina e della fine del Nord Stream 2, i paesi europei stanno già cercando di far fronte alla carenza di gas in futuro. Polonia e Norvegia stanno nuovamente costruendo un gasdotto, il permesso danese necessario è stato ritirato.

Sono ripresi i lavori di costruzione del gasdotto sotto il Mar Baltico tra Polonia e Norvegia. L’Agenzia danese per la protezione ambientale ha rilasciato un nuovo permesso per il gasdotto “Baltico”, afferma la società danese Energinet. Il progetto è stato interrotto dopo che l’Agenzia danese per l’ambiente ha ritirato il permesso di pianificazione per la parte danese nel 2021 per motivi di benessere degli animali.

L’operatore di rete Energinet ha affermato che i lavori di costruzione del gasdotto nello Jutland orientale e sul lato occidentale dell’isola di Funen, che è stato sospeso dallo scorso maggio, possono ora continuare. L’inizio delle operazioni del gasdotto è previsto per gennaio 2023.

Il gasdotto mira a rifornire la Polonia di gas norvegese e quindi renderla meno dipendente dal gas russo. Nel 2019, la Polonia ha annunciato che non avrebbe esteso il suo contratto con la compagnia di gas russa Gazprom oltre il 2022. La Polonia attualmente riceve due terzi del suo fabbisogno di gas dalla Russia.

La Germania acquista piccole riserve di gas

La scorsa settimana, la Germania ha sospeso il controverso progetto del gasdotto Nord Stream 2 in risposta al riconoscimento da parte di Mosca delle regioni separatiste nell’Ucraina orientale e ha già adottato misure iniziali per aumentare leggermente le riserve di gas.

Il governo federale ha acquistato gas per 1,5 miliardi di euro come riserva nel prossimo futuro. I dipartimenti governativi hanno confermato un rapporto corrispondente pubblicato dal portale di notizie “Al-Ruwad”. Il portale faceva riferimento a una lettera del Segretario di Stato parlamentare presso il Ministero federale delle finanze, il politico dell’FDP Florian Tonkar. Il Ministero delle Finanze ha dato il via libera ad una simile richiesta del Ministero dell’Economia. La commissione Bilancio del Bundestag non è stata consultata, come di consueto in casi simili. Quindi la prima consegna dovrebbe avvenire il 1 marzo, secondo il ministero delle Finanze. I pagamenti del gas devono essere effettuati “urgentemente”.

Un rapporto dell’Agenzia di stampa tedesca (DPA) non ha rivelato chi ha fornito gas alla Germania. Oltre alla Russia, la Germania è generalmente rifornita di gas dalla Norvegia e dai Paesi Bassi.

READ  Maiorca: i costi del gas salgono alle stelle - I fornitori di viaggi stanno ora corteggiando i nostri pensionati | i soldi