Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il giornalista militare Khudaryonok critica la guerra di Putin alla tv di stato

DottIl programma “60 Minutes” della stazione radiofonica di stato russa Russia 1 non è noto per aver messo in evidenza la guerra in Ucraina nel modo in cui sono abituati i telespettatori fuori dalla Russia. La guerra qui è la guerra del capo Vladimir Putin Ha annunciato una “operazione speciale” in cui le forze armate russe, insieme alla “milizia popolare” delle “repubbliche popolari” nel Donbass, hanno accelerato di successo in successo secondo i piani.

Ma lunedì sera, il giornalista militare Mikhail Khodarionok ha dipinto un quadro cupo della situazione russa Ucraina e oltre. Contro l’estasi della vittoria russa Lei disse Il colonnello in pensione di 68 anni, che ha servito come ufficiale di comando operativo nello Stato maggiore delle forze armate fino al 2000, ha affermato che nessuno dovrebbe assumere “sedativi informativi”: afferma che le forze armate ucraine sono frustranti “non corrispondono alla realtà, per non dire altro.” Apprezzamento”.

Gli ucraini sono pronti a “spargere sangue per la loro patria”

Posizione Russia “È chiaro che si deteriorerà”, ha detto Khodaryonok in Ucraina. Kiev riceverà più aiuti militari dall’Occidente e potrà “armare un milione di soldati”, e la Russia dovrebbe tenerne conto. Inoltre, l’esercito ucraino è “pronto a versare sangue per la propria patria”. Contrariamente a quanto credono “alcuni dei nostri scienziati politici”, firmare un contratto non fa di te un soldato professionista. Il “desiderio di proteggere la propria patria”, così come esiste in Ucraina, è fondamentale per la volontà di combattere; Le truppe che erano disposte a “spargere sangue per le idee per le quali sono disposte a combattere” hanno vinto.

Newsletter F+ – I migliori giorni della settimana su FAZ.NET

Sabato 9:00

registrazione




Khodarionok ha proseguito che il problema più grande che deve affrontare la Russia è “la completa unità geopolitica e praticamente il mondo intero è contro di noi, anche se non vogliamo ammetterlo. Dobbiamo uscire da questa situazione”. La moderatrice, Olga Scapeva, che ha seguito innumerevoli programmi della televisione di stato, ha ripetutamente cercato di confutare il colonnello in pensione. Ma non si è lasciata scoraggiare da Khudarionok, che ha insistito sul fatto che le risorse della Russia sono limitate e ha anche chiesto la fine dell'”arte della spada” con la Finlandia sulla sua domanda di adesione alla NATO.

READ  Stoccolma: sparato a un uomo di 34 anni nella reception di un hotel - notizie dall'estero