Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il fotografo mostra le vittime della sparatoria: lo stupratore di “Tinder” condannato a 18 anni di prigione

Il fotografo mostra le vittime della sparatoria: lo stupratore di “Tinder” condannato a 18 anni di prigione

Il fotografo si è offerto di fotografare le vittime
Lo “stupratore di Tinder” condannato a 18 anni di carcere

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Un tribunale francese condanna un ex fotografo a 18 anni di carcere. Il 38enne si è avvicinato alle giovani donne su piattaforme di incontri, le ha tentate con servizi di moda e ha arricchito i loro drink con droghe. In 15 casi si è comportato con estrema brutalità. Ulteriori annunci sono ancora in sospeso.

Un tribunale francese ha condannato un ex fotografo a 18 anni di carcere con l'accusa di 12 stupri e tre aggressioni sessuali. Secondo la sentenza, il 38enne marocchino diventato noto come lo “stupratore di Tinder” deve lasciare la Francia. Rimase impassibile durante la lettura del verdetto, mentre le sue vittime tiravano un sospiro di sollievo. Diverse donne si sono alzate dopo la sessione, hanno applaudito, hanno cantato “grazie” e si sono abbracciate. L'ex fotografo è stato assolto in due dei 17 casi.

Il Pubblico Ministero aveva chiesto che il 38enne fosse imprigionato per 19 anni. Lo ha accusato di aver invitato le donne che aveva incontrato su piattaforme online e di incontri a scattare foto e di essere violento. La maggior parte delle volte venivano serviti alcolici, a quel punto le donne riferivano di sentirsi ubriache e deboli. Dal punto di vista degli investigatori ciò indica la presenza di droga nelle bevande.

Le donne hanno poi descritto un improvviso cambiamento nel comportamento del 38enne. Hanno detto che si è imposto nonostante la loro obiezione. I pubblici ministeri hanno citato una donna che ha detto di aver “pianto dall'inizio alla fine”. BFMTV ha riferito che le scene descritte da diversi querelanti erano estremamente violente. Le giovani donne venivano trascinate a terra per i capelli e costrette a compiere atti sessuali dolorosi.

È stato nuovamente arrestato dopo ulteriori denunce

Il 38enne ha negato le accuse contro di lui e ha affermato che tutti i rapporti sessuali erano consensuali. Come riportato da BFMTV, prima dell'inizio del processo, l'imputato ha ammesso il suo comportamento moralmente pessimo e si è presentato come un dipendente dal sesso. Afferma di aver avuto 600 partner sessuali in dieci anni.

È stato arrestato nel 2016 e ha trascorso due anni e mezzo in detenzione prima di essere rilasciato sotto controllo giudiziario e interdetto dall'attività di fotografo. È stato nuovamente arrestato a luglio in seguito a nuove accuse. Prosegue l'indagine sulle nuove accuse di stupro e violenza sessuale nel 2021, 2022 e 2023.