Il discorso di Putin: un avvertimento all'Occidente contro il dispiegamento in Ucraina

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Da quando è entrato in carica il 31 dicembre 1999, il presidente russo Vladimir Putin ha pronunciato il suo “Discorso sullo stato della nazione” trasmesso dalla televisione di stato 19 volte. Solitamente dura circa due ore e tratta dei principali orientamenti politici della società russa, che oggi è una società in guerra. Anche quest’anno Putin è apparso una minaccia simile.

Ufficialmente, il 71enne capo dello Stato ha pronunciato il suo discorso davanti all'Assemblea federale, cioè alla Duma e al Consiglio della Federazione. Ma i veri indirizzi, due settimane prima delle elezioni presidenziali, sono il popolo russo, l’opinione pubblica globale e l’Occidente.

Putin minaccia la guerra nucleare

Senza menzionare il suo nome, Putin ha risposto alle idee del presidente francese Emmanuel Macron di schierare forze di terra occidentali in Ucraina. Putin ha affermato che se i paesi della NATO inviassero soldati in Ucraina, le conseguenze sarebbero tragiche. La Russia possiede armi in grado di colpire obiettivi nei territori occidentali. Putin ha detto: “Non capisci che esiste il pericolo di un conflitto nucleare?”

“Tutto ciò che l’Occidente escogita per intimidire il mondo crea una reale minaccia di conflitto con l’uso delle armi nucleari, il che significa la distruzione della civiltà”.

“Architettura di sicurezza eurasiatica”

Il presidente ha continuato dicendo che un ordine mondiale forte non è possibile senza una Russia forte. Gli Stati Uniti hanno smantellato la sicurezza in Europa. L’Occidente sta cercando di trascinare la Russia nella corsa agli armamenti. In questo contesto Putin ha criticato l'adesione della Finlandia e della Svezia alla NATO. Pertanto, la Russia è costretta a rafforzare le proprie forze armate ai confini occidentali.

Allo stesso tempo, Putin ha offerto ancora una volta agli Stati Uniti un dialogo sulla sicurezza strategica nel mondo. È disposto a parlare di “architettura di sicurezza eurasiatica”; Putin non ha fornito ulteriori dettagli su ciò che immaginava.

Promesse ai poveri, ai malati e alle famiglie numerose

Prima delle elezioni, Putin ha discusso dettagliatamente anche la situazione sociale del Paese davanti al suo pubblico in patria. La situazione finanziaria è precaria per circa il 30% delle famiglie numerose – e questa percentuale dovrebbe essere ridotta al 12% entro il 2030. A questo scopo Putin ha annunciato un nuovo programma di sostegno alle famiglie.

Putin ha promesso mille miliardi di rubli (circa 10 miliardi di euro) per modernizzare il sistema sanitario. Come misure a sostegno delle famiglie, Putin ha introdotto programmi di ipoteca sociale, crediti d’imposta più elevati per i figli e programmi sociali regionali che saranno sostenuti dal bilancio federale. Il salario minimo dovrebbe aumentare da 19.000 rubli (190 euro) al mese a 35.000 rubli (350 euro) entro il 2030.

Discorsi sullo stato dell'Unione: due ore di successi, dichiarazioni e ricorsi

Nel 2022, il primo anno di guerra, Putin ha saltato il suo discorso programmatico; I difensori nazionali ucraini respinsero completamente le forze russe.

Il discorso di Putin del febbraio 2023 consisteva principalmente in appelli nazionalisti e accuse alla NATO: quando guardiamo indietro, la Russia è sempre stata tradita dai governi occidentali. Ha poi annunciato la sospensione del Nuovo Trattato sul disarmo nucleare.

Nel 2024, la linea del fronte si adatterà a Putin: le forze russe hanno recentemente registrato vantaggi tattici nella loro invasione e sono state in grado di annunciare la cattura della città di Avdiivka ferocemente combattuta, mentre l’Ucraina è a corto di munizioni. Putin ha elogiato i soldati russi che ora avevano il sopravvento e ha onorato i morti con un minuto di silenzio. Allo stesso tempo, ha ribadito la sua tesi secondo cui la Russia difende la propria sovranità e sicurezza in Ucraina e protegge i suoi cittadini.

La Transnistria non è un problema

Ciò che colpisce sempre nei discorsi di Putin è ciò che il presidente russo non affronta: quest'anno, la morte in Siberia di Alexei Navalny, per il quale non esiste ancora una causa ufficiale di morte, ma anche il deterioramento della situazione in Transnistria.

Ieri i separatisti filo-russi hanno chiesto “protezione” dalla “crescente pressione” della Repubblica di Moldova, alla quale la Transnistria appartiene secondo il diritto internazionale. Le agenzie di stampa russe hanno citato il Ministero degli Esteri che ha affermato che “la tutela degli interessi del popolo della Transnistria, dei nostri cittadini, è una delle priorità”.

La scelta delle parole ricorda uno scenario simile: nel febbraio 2022, i separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale hanno richiesto l’assistenza russa, che Mosca ha sfruttato come un’opportunità per il suo attacco su larga scala all’Ucraina. Tuttavia, Putin non ha affrontato esplicitamente questo aspetto nel suo discorso sullo stato della nazione.

I responsabili della politica estera tedesca invitano alla calma

In Germania il discorso di Putin ha provocato una reazione piuttosto sobria. I politici esteri di tutto il paese hanno avvertito di essere intimiditi dalle minacce del presidente russo di un'escalation nucleare della guerra in Ucraina. “Ripete le sue ben note accuse e minacce nei confronti dell'Occidente”, ha detto alla rete editoriale tedesca (RND) il capo della commissione per gli affari esteri del Bundestag, Michael Roth (SPD). “Non dobbiamo lasciarci influenzare da questo”. (link esterno)

Altri politici specializzati dell'Unione, dei Verdi e del Partito Democratico Libero hanno fatto dichiarazioni simili. “Non dovrebbe essere previsto l'uso del nucleare”, ha sottolineato il politico della difesa della CDU Roderich Kieswetter. Questo è già stato concordato con Putin da tempo da Cina e Stati Uniti. “Non dovremmo renderci vittime e discepoli della sua retorica”, ha detto Kieswetter a RND. Al contrario, l’esperto di difesa del FDP Markus Faber ha chiesto che all’Ucraina vengano fornite più munizioni. Egli ritiene che la Russia abbia già “voltato le spalle militarmente”. (link esterno)

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...