Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il democratico prende il posto dei repubblicani a New York

Il democratico prende il posto dei repubblicani a New York
  1. Home page
  2. Politica

Dopo le elezioni straordinarie svoltesi a New York, la maggioranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti americana ha cominciato a diminuire. Donald Trump reagisce con rabbia alla sconfitta.

NEW YORK – Dopo le elezioni straordinarie tenutesi in un distretto di New York, la già esigua maggioranza di cui godono i repubblicani alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti si è ridotta. Secondo le proiezioni, ha vinto il democratico Tom Suozzi Ricerca Edison L'ex seggio repubblicano è contro il suo sfidante repubblicano, Mazi Belep.

Le elezioni straordinarie si sono rese necessarie perché la Camera dei Rappresentanti ha espulso il repubblicano George Santos. Ha pubblicato numerose bugie sul suo curriculum ed è stato accusato di frode. Ciò significa che i repubblicani alla Camera dei Rappresentanti hanno ora una maggioranza di 219 voti contro 213.

Il democratico Suozzi parla degli “sporchi trucchi” dei repubblicani.

Nel suo discorso di vittoria subito dopo le elezioni, Susi si è rallegrato della sua vittoria “malgrado tutti gli attacchi” e gli “sporchi trucchi” durante la campagna elettorale. “La gente di Long Island e del Queens è stanca dei litigi politici”, ha detto. “Sono stufo. Vogliono che ci uniamo e risolviamo i problemi. Ora dobbiamo portare il messaggio di questa campagna al Congresso degli Stati Uniti e a tutte le parti del nostro paese. È tempo di superare i meschini litigi di parte e puntare il dito. È tempo di concentrarsi su come risolvere i problemi.”

Il candidato democratico alla Camera dei Rappresentanti americana Tom Suozzi. © Stephanie Keith/AFP

Suozzi punta anche sull'aiuto americano all'Ucraina, che ha ormai superato il primo ostacolo al Senato. Il progetto è ora deferito all'altra camera del Parlamento, ovvero la Camera dei Rappresentanti. Non è del tutto chiaro se il pacco arriverà a destinazione. I repubblicani detengono ancora la maggioranza alla Camera dei Rappresentanti, e i membri del partito di destra si oppongono da tempo a fornire maggiori aiuti statunitensi a Kiev nella guerra in Ucraina.

Trump infuriato: la Belep inferiore è una “donna molto stupida”

Ha insultato l’ex presidente Donald Trump e ha definito il repubblicano un perdente in un post sulla sua piattaforma Verità sociale martedì (13 febbraio) intorno alle 23:20 ora locale come una “donna molto stupida”. In un post sui social media, la leader del MAGA ha lamentato la sconfitta e ha affermato che la candidata repubblicana avrebbe vinto se avesse trattato il MAGA (la campagna di Trump “Make America Great Again”) con rispetto.

“I repubblicani non imparano, ma forse lei era ancora una democratica? Ho avuto una percentuale di successo del 99% alle primarie e un ottimo risultato alle elezioni generali. Ma ho appena visto questa donna molto stupida, Mazi Melissa Pilp, correre in una gara in cui non mi ha supportato e ha cercato di “mettersi tra i due”. “Anche se avrebbe vinto facilmente se avesse capito qualcosa della politica americana moderna”, ha detto Trump in un post sulla sua piattaforma. Verità sociale. Inoltre, tutto in maiuscolo: “MAGA, o la maggior parte del GOP, è rimasta a casa – e lo farà sempre se non viene trattata con il rispetto che merita. Mi sono tenuto fuori dalla corsa, 'Voglio piacere!' ” Dateci un vero candidato in questa zona a novembre. Susie, lo conosco bene, può essere sconfitto facilmente!

Lo staff di Trump per la sovrapposizione dell'adesione alla NATO

Nel frattempo, in risposta ai commenti di Trump sui finanziamenti alla NATO, il consigliere per la sicurezza di Trump ha chiesto un’adesione scaglionata alla NATO sulla base delle spese per la difesa. Keith Kellogg ha detto al notiziario Reuters Martedì 13 febbraio, chiunque non investa il 2% della propria produzione economica nell’esercito come concordato dovrebbe perdere la protezione prevista dall’articolo 5 della NATO. Questo regola la questione dell'alleanza.

Kellogg ha detto che proporrà di tenere una riunione della NATO nel giugno 2025 se Trump vincerà le elezioni. Ha parlato di una “conversazione adulta” che occorre avere, come molte altre, sul tema della sicurezza nazionale. L’ex tenente generale ed ex capo di stato maggiore del Consiglio di sicurezza nazionale sotto Trump non ha detto se ha discusso le sue idee con Trump. Inizialmente non c’era alcuna dichiarazione da parte del team della campagna di Trump. Aveva descritto Kellogg come un consigliere politico che avrebbe potuto entrare nel governo dopo aver vinto le elezioni americane del 2024 a novembre. (skr con materiale dell'agenzia)