Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il DAX perde quasi il tre percento: la paura si sta diffondendo


Rapporto di mercato

A partire dal: 30/06/2022 16:27

I timori di recessione sono tornati con forza sul mercato azionario e hanno causato un nuovo calo dei prezzi nel DAX. È probabile che l’indice azionario finisca il peggior giugno della sua storia con un grande negativo.

Il DAX continua oggi senza intoppi rispetto al precedente giorno debole ed è scivolato sotto i 13.000 punti. L’indice leader tedesco è attualmente in calo di un buon 2,9 per cento a poco più di 12.600 punti, dopo che ieri nonostante un calo Leggera diminuzione del tasso di inflazione Dopo una ripresa del ciclo di tre giorni con meno 1,7 percento a 13.003 punti Sono uscito dal lavoro Ero.

Uniper chiama lo Stato

Il sell-off è stato causato da rinnovati timori di recessione, alimentati dal messaggio SOS di Uniper. La società finlandese di maggioranza chiamata MDAX a causa della crisi del gas Per ottenere aiuto dallo Stato. Lo strumento ha anche ritirato la guida sugli utili per l’anno fiscale 2022 in termini di EBITDA e utile netto rettificato. Il CEO Klaus-Dieter Maubach ha affermato che lo sviluppo del business è notevolmente peggiorato a causa della guerra in Ucraina e della conseguente forte riduzione delle forniture di gas dalla Russia.

“Alla luce del numero crescente di aspettative sugli utili che le società stanno ricevendo, gli investitori stanno iniziando a correggere i segnali di acquisto per i prezzi che considerano di nuovo bassi”, ha affermato l’analista Jochen Stanzel del broker online CMC Markets. Da questo punto di vista, le azioni non sono a buon mercato, anche dopo le recenti perdite di prezzo.

Raddoppia il bilancio semestrale e mensile

Con una perdita di circa il 20 percento, il DAX mostra attualmente un bilancio molto debole per la prima metà dell’anno. L’indice è in calo di quasi 3.600 punti rispetto al massimo di novembre. Essa mostra una perdita di circa il dodici per cento nel mese di giugno. Questo sarà lo sviluppo più debole mai registrato nel mercato azionario questo mese.

Le cause della deflazione sono ben note e strettamente correlate. Il cambiamento dei tassi di interesse, la guerra in Ucraina, i timori di inflazione e la conseguente recessione pesano da mesi sui mercati azionari di tutto il mondo. Le ripetute speranze che la crisi economica sarebbe stata mite non hanno ancora potuto invertire le sorti del mercato azionario.

READ  Investimenti ambientali e cryptoasset: Deutsche Börse vuole aprire nuovi orizzonti

L’osservatore del mercato Christian Henke di IG Markets ha commentato che la speranza che il rallentamento economico in avvicinamento non si sia ancora concretizzato: “Il contesto per i mercati azionari globali non è particolarmente buono”. Gli esperti si aspettano ulteriori avvisi di profitto nella seconda metà dell’anno, quando il clima debole ha finalmente colpito i libri aziendali.

dati economici deboli

Gli attuali dati economici non sono adatti a placare i timori degli investitori, perché è probabile che le pressioni inflazionistiche persistano: secondo l’Ufficio federale di statistica, a maggio i prezzi all’importazione sono aumentati del 30,6 per cento rispetto all’anno precedente. Il prezzo delle importazioni di energia nel suo complesso è aumentato di circa il 144 per cento a maggio.

Anche il consumo privato lascia molto a desiderare. Dopo il calo delle vendite ad aprile, i rivenditori tedeschi hanno fatto di nuovo affari migliori a maggio. Al netto degli effetti stagionali e sui prezzi (reali), i ricavi sono aumentati dello 0,6% rispetto al mese precedente. Rispetto allo stesso mese dello scorso anno, maggio 2021, il business retail ha registrato un calo delle vendite reali del 3,6%.

Anche Wall Street ha dovuto affrontare risultati semestrali disastrosi

Dopo essersi stabilizzati a metà settimana, i timori di inflazione e recessione hanno ripreso il sopravvento sulla principale borsa valori mondiale di New York. Le borse hanno notato che il giorno prima, il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell e le sue controparti della zona euro e della Gran Bretagna hanno avvertito al forum della Banca centrale europea che l’inflazione continuerà per molto più tempo.

Ciò solleva ancora una volta il timore che interventi aggressivi di politica monetaria da parte delle banche centrali in risposta alla svalutazione possano rallentare l’economia e spingerla in recessione. Il fatto che i consumatori stiano diventando più cauti è dimostrato anche dalla spesa al consumo a maggio, che è cresciuta molto meno di quanto gli esperti si aspettassero.

Il Dow Jones Early Business Leading Index è in calo di circa l’1,9%, mentre il Nasdaq Technology Index è in calo di circa il 2,8%. Nella prima metà dell’anno è stato citato un saldo catastrofico del 16 per cento per il Dow e per l’indice tecnologico Nasdaq anche più del 30 per cento.

READ  Preoccupazioni in corso sui tassi di interesse: la cautela è la chiave del DAX

I mercati obbligazionari salgono

Nel frattempo, i titoli di stato statunitensi sono in aumento. I commercianti consideravano la causa l’umore cupo nei mercati azionari. Il contratto futures del Tesoro a 10 anni (T-Note Future) è aumentato dello 0,51% a 118,11 punti nelle prime contrattazioni. Il rendimento dei titoli di Stato decennali è sceso al 3,02 per cento. Anche il rendimento dei titoli di stato tedeschi è attualmente sceso significativamente all’1,37%.

Nessun cambio di rotta nel cartello OPEC+

Anche i prezzi del petrolio sono in calo dopo i negoziati OPEC+. Le cultivar North Sea Brent e American WTI stanno registrando prezzi più bassi.

Concretamente, l’alleanza petrolifera rimane fedele alla sua linea di apertura del rubinetto solo moderatamente. L’OPEC+ ha annunciato oggi dopo il suo incontro mensile online a Vienna che i cartelli di oltre 20 paesi aumenteranno la produzione di 648.000 barili (159 litri ciascuno) al giorno ad agosto. Di recente sono state ripetute richieste secondo cui l’OPEC+ dovrebbe avere un effetto attenuante sul forte aumento dei prezzi della benzina con l’aumento dell’offerta.

Tuttavia, ci sono anche problemi. Secondo l’analista di Commerzbank Carsten Fritsch, molti paesi non sono già in grado di raggiungere i propri obiettivi di finanziamento a causa della mancanza di capacità produttiva. Tra questi in particolare l’Angola e la Nigeria, ma anche la Libia. Nel frattempo, l’euro continua a indebolirsi ed è appena sopra $ 1,04.

I sostenitori dei consumatori si lamentano di Google

La Confederazione europea dei consumatori (BEUC) ha affermato che i sostenitori dei consumatori europei stanno prendendo di mira il gigante tecnologico statunitense Google per l’utilizzo di dati personali. Secondo BEUC, i difensori dei consumatori si oppongono al processo di registrazione dell’account Google. Il linguaggio utilizzato è “poco chiaro, incompleto e fuorviante”. Inoltre, le opzioni rispettose della privacy saranno svantaggiose.

Gli Stati Uniti ordinano il vaccino Pfizer / BioNTech لقاح

Tra i titoli statunitensi, BioNTech e Pfizer sono saliti contro Wall Street all’inizio dell’attività. Il governo degli Stati Uniti ha ordinato più vaccini contro il coronavirus dai produttori su larga scala per una campagna di promozione pianificata in autunno. In particolare, si tratta di almeno 105 milioni di dosi e un volume contrattuale di oltre 3,2 miliardi di dollari. Le consegne inizieranno a fine estate e includeranno le vaccinazioni per adulti e bambini.

READ  Prelievo d'acqua "illegale": l'Associazione per l'acqua riporta il totale fiasco dopo la sentenza del tribunale sull'impianto di Tesla

Secondo il presidente della Pfizer Albert Bourla, è anche una questione di fattori che possono proteggere in modo specifico dalle nuove varianti di virus come l’Omicron. L’accordo include un’opzione per acquistare fino a 195 milioni di dosi aggiuntive, portando il totale a 300 milioni di dosi.

Nessun profitto: le azioni Gazprom sono crollate

Le azioni di Gazprom sono diminuite dopo che i proprietari della compagnia russa del gas hanno rifiutato di pagare i dividendi previsti per il 2021. “Gli azionisti hanno deciso che nella situazione attuale non è consigliabile pagare un dividendo in base ai risultati del 2021”, ha affermato il vicepresidente esecutivo Famil Sadegov . La priorità è l’attuazione del programma di investimenti.

La partecipazione di Renault in Nissan si è ridotta del 44,4%.

La casa automobilistica francese Renault non può aumentare la sua partecipazione nel partner giapponese Nissan a oltre il 44,4%. Ciò deriva da un accordo di alleanza pubblicato per la prima volta da Nissan. Afferma inoltre che Nissan ha il diritto di acquisire un’ulteriore partecipazione in Renault se la casa automobilistica francese presenta una proposta da parte degli azionisti che non è supportata dal consiglio di amministrazione di Nissan. La partecipazione di Renault in Nissan è attualmente di circa il 43 percento e la partecipazione di Nissan in Renault è del 15 percento, ma senza diritto di voto.

UBS chiude il caso di frode negli Stati Uniti

Il gruppo bancario svizzero UBS ha risolto le accuse di frode statunitense relative a un prodotto di opzioni rischioso pagando 25 milioni di dollari. La Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha affermato che UBS ha venduto il suo prodotto Yield Improvement Strategy (YES) a circa 600 investitori tra febbraio 2016 e febbraio 2017, ma non ha formato adeguatamente i suoi consulenti finanziari. Sebbene la Banca abbia riconosciuto e documentato i rischi di tali investimenti, tali informazioni non sono state trasmesse a consulenti o clienti.