Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il DAX chiude leggermente in rosso: come dovrebbe reagire l’indice principale alle decisioni sui tassi di interesse

Il DAX chiude leggermente in rosso: come dovrebbe reagire l’indice principale alle decisioni sui tassi di interesse

Düsseldorf Il mercato azionario tedesco ha visto un leggero calo all’inizio della settimana. il Dax Perde lo 0,2% alla chiusura delle contrattazioni e scende a 15.126 punti.

Dal 12 gennaio, il Dax si è mosso lateralmente in un range compreso tra 15.270 punti sopra e 14.906 punti sotto. Nell’ultima settimana di trading, l’intervallo era di poco superiore ai 200 pip, che è straordinariamente basso. Secondo la vecchia regola di borsa, più a lungo durano queste “fasi tranquille”, più dinamico sarà il successivo calo dei prezzi.

Le decisioni della banca centrale nel trading di questa settimana dovrebbero dare una nuova direzione al principale indice tedesco. Gli investitori stanno prestando particolare attenzione alla decisione sui tassi di interesse da parte delle autorità monetarie statunitensi mercoledì sera dopo la chiusura del mercato azionario in Germania. Per l’esperto di mercato dei capitali Thomas Altmann, una cosa è certa: “Alla luce delle prossime riunioni della banca centrale e del fatto che i prezzi sono già aumentati in modo significativo, non sarei sorpreso se gli investitori fossero più cauti e cauti”.

Ma è molto difficile prevedere la nuova tendenza. A seconda delle aspettative e della posizione degli investitori, è possibile sviluppare scenari su come le cose continueranno dopo una decisione direzionale nel mercato azionario tedesco.

I migliori lavori oggi

Trova i migliori lavori ora e
Sarai avvisato via e-mail.

scenario positivo

Se il principale indice tedesco supera la soglia dei 15.270 punti e quindi segna un nuovo massimo per l’anno, le cose potrebbero andare ancora più in alto. Sarebbe una sorpresa. Molti investitori si sono coperti contro prezzi più bassi, come evidenziato dal sentiment di Euwax sulla Borsa di Stoccarda, dove operano gli investitori privati, e dal sondaggio sulla Borsa di Francoforte, che include anche investitori istituzionali.

Secondo l’attuale sondaggio di Francoforte, alcuni ribassisti si sono staccati dalle loro posizioni corte, ma è improbabile che gli altri restino a guardare il DAX salire di nuovo. Dovranno chiudere le loro esposizioni corte e inseguire prezzi più alti. E secondo il sentiment di Euwax, il rapporto tra prodotti a leva corta su Dax è attualmente al livello più alto degli ultimi 12 mesi.

Questa combinazione tende a favorire il cosiddetto “short squeeze”, ovvero un bel salto di prezzo senza alcuna corrispondente novità. Perché i venditori allo scoperto fanno affidamento su prezzi più bassi con quella che viene chiamata vendita allo scoperto. Per fare ciò, prendono in prestito le azioni per una piccola commissione e le vendono immediatamente nella speranza che i prezzi scendano e possano riacquistare le azioni a un prezzo inferiore prima della data di restituzione. La differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita è il tuo profitto.

D’altra parte, se le azioni aumentano, i venditori allo scoperto perdono denaro e sono costretti a riacquistare le azioni per evitare perdite crescenti. Questo, insieme a un lungo acquisto, consente quindi una breve compressione.

In caso di breakout al rialzo, la tecnica del grafico suggerisce un ulteriore aumento di 270, possibilmente 350 pip. Quindi il Dax dovrebbe essere almeno compreso tra 15.550 e 15.600 punti nei prossimi due o tre mesi.

scenario negativo

In basso, il minimo è di 14.906 punti, ma il punteggio di 14.800 punti dovrebbe essere più decisivo. È molto probabile che il Dax scenda, ma i venditori allo scoperto dovrebbero impedire una rapida svendita. Perché molti pessimisti all’inizio chiuderanno le loro posizioni e quindi sosterranno l’indicatore.

Gli investitori iniziano nervosamente la nuova settimana di trading

Secondo un sondaggio della Borsa di Francoforte, gli orsi residui hanno bisogno del DAX nel probabile intervallo di 14.700/14.750 punti per riacquisti ragionevolmente redditizi o senza perdite. L’economista comportamentale Joachim Goldberg anticipa la domanda dei professionisti degli investimenti locali a questo livello.

Rientrano in questa fascia anche i massimi di borsa di novembre (14.584 punti) e dicembre (14.675 punti) dello scorso anno, che rappresentano importanti benchmark per gli investitori. Ci sono alcune indicazioni che il principale indice tedesco troverà supporto in quest’area al più tardi.

Tuttavia, deve essere eccitante. Jörg Scherer, responsabile dell’analisi tecnica HSBC Dopo i prezzi sotto i 14.800 punti, la Germania prevede la sua prima fusione seria dell’anno. Detto questo, dato il gran numero di venditori allo scoperto, questo blocco non dovrebbe essere così drammatico all’inizio.

Il punto di partenza di questo rally all’inizio dell’anno era molto più basso, intorno ai 14.000 punti. La linea di 200 giorni, che è al centro degli investitori a lungo termine e attualmente sta salendo di circa cinque punti al giorno, è attualmente a 13.613 punti. L’indicatore del mercato azionario dovrebbe testare nuovamente questa linea nelle prossime settimane o mesi.

La performance superiore di Dax è finita

Nell’ultima settimana di negoziazione, ci sono stati alcuni forti guadagni di prezzo sulle borse statunitensi, mentre il Dax si è solo inclinato lateralmente. Di conseguenza, la sovraperformance temporanea del principale indice tedesco rispetto ai principali benchmark del mercato azionario statunitense dall’inizio dell’anno è nuovamente scomparsa.

Il Dax ha guadagnato circa l’otto per cento dal 2 gennaio, ed è quindi a un livello simile a Standard & Poor’s 500. Ciò che è notevole è che il Nasdaq Tech Index è aumentato del 12% durante il periodo, mentre il Dow Jones Industrial Average è aumentato solo del 2,5%.

Questo sviluppo opposto del Dax rispetto ai principali indici statunitensi nella scorsa settimana di negoziazione è probabilmente correlato anche al mercato dei cambi. Dal suo minimo di settembre 2022, l’euro si è apprezzato del 12% rispetto al dollaro, rendendo le prese di profitto in azioni DAX interessanti per gli investitori internazionali. Non c’è da stupirsi che l’euro sia poi leggermente sceso nell’ultima settimana di negoziazione.

Guarda i singoli valori

Valori auto: Arreso a Dax BMWLunedì le azioni sono scese dell’1,6%. Dopo che il prezzo target è stato raggiunto, Berenberg Private Bank ha abbandonato la raccomandazione Buy della casa automobilistica. il Volkswagen-Vorzüge, d’altra parte, ha chiuso leggermente in rialzo dopo che il CFO ha rilasciato dichiarazioni fiduciose sulle prospettive di profitto nel settore della mobilità elettrica.

PN: banca d’affari americana Morgan Stanley Rinuncia alla prevista vendita di azioni PNE e mette così sotto pressione le azioni dell’operatore tedesco di parchi eolici. Le azioni della società quotata in SDax sono diminuite di circa il 16% alla fine delle negoziazioni. PNE ha annunciato venerdì sera che le discussioni con potenziali parti interessate in merito all’acquisizione di una quota del 40% non sono ancora in corso.

Ryanair: La compagnia irlandese a basso costo ha registrato profitti record nel terzo trimestre dell’anno finanziario 2022/23 e finora ha fornito una performance “molto forte” nonostante l’inflazione nelle prenotazioni. Tuttavia, il titolo è sceso del 2,4%.

Commerzbank / Rheinmetall: il CommerzbankI documenti hanno chiuso in rialzo di circa l’1% dopo che i numeri annuali iniziali sono stati sorprendentemente presentati.
Dopo due anni in perdita su base EBITDA, anche Commerzbank si vede pronta a succedere a Linde al Dax. Il difetto potrebbe quindi essere Reinmetallche gli esperti hanno recentemente considerato un candidato alternativo: le azioni del gruppo dei fornitori di automobili e armi sono scese dello 0,4%.

Ecco la pagina con quello Certo daxloro sono qui Migliori e flop attuali a Dax.