Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il DAX aumenta in modo significativo: gli investitori si lasciano la guerra alle spalle?


Rapporto di mercato

Stato: 03/08/2022 09:38

Sebbene l’impennata dei prezzi dell’energia e la continua escalation della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina abbiano messo il mondo saldamente nella morsa del mondo, l’indice DAX è in forte aumento all’inizio del trading.

Dopo un forte calo nelle prime contrattazioni, il DAX sta recuperando terreno e attualmente è in rialzo di oltre l’1% a circa 13.000 punti. Date le continue notizie negative sulla guerra in Ucraina, resta da vedere se si tratta di un vero punto di svolta o solo di un fuoco di paglia. Indice DAX di ieri Ha perso il due percento a 12.834 punti. L’indice principale ha perso più del 20 per cento dal suo livello più alto all’inizio dell’anno.

Minaccia di embargo petrolifero

A causa della guerra in corso in Ucraina e di un aumento significativo dei prezzi dell’energia, la situazione sui mercati finanziari rimane estremamente tesa. Alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina, l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden è pronta a imporre un embargo statunitense sul petrolio russo anche se gli alleati europei non collaborano. In cambio, la Russia ha minacciato di interrompere la fornitura di gas alla Germania attraverso il gasdotto Nord Stream 1..

Rinascita del settore?

La guerra ha colpito l’economia tedesca nel mezzo della sua fase di ripresa: a gennaio, industria, edilizia e fornitori di energia hanno prodotto insieme il 2,7% in più rispetto al mese precedente, secondo il ministero federale dell’Economia. Questo è stato il quarto aumento consecutivo e allo stesso tempo il più forte dall’ottobre 2020. “Tuttavia, è probabile che la ripresa economica rallenterà a causa delle conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina”, ha spiegato il ministero federale dell’Economia.

industria tedesca Nel frattempo rifiuta di imporre un divieto alle forniture energetiche russe. “Le discussioni su un divieto energetico europeo alla Russia stanno giocando con il fuoco”, ha affermato il capo della Confederazione delle industrie tedesche, Siegfried Roswarm. “L’embargo minaccia di punire severamente la Germania e l’Unione Europea per aver punito l’aggressore”.

READ  Presto non più alti prezzi del carburante? Il "diesel miracoloso" tedesco potrebbe essere la salvezza

Brent e West Texas Intermediate continuano a salire

Alla luce di un possibile divieto alle importazioni di energia russe, il prezzo del petrolio Brent dal Mare del Nord è salito del 3,5% a 127,50 dollari al barile. Il prezzo di un barile della varietà US West Texas Intermediate (WTI) è aumentato di $ 3,73 a $ 123,13.

“Se la guerra non si ferma, i prezzi del greggio Brent potrebbero salire tra $ 156 e $ 185 al barile”, ha affermato Ajay Kedia, analista di Kedia Commodities. Altri esperti non escludono più nemmeno la lista dei 200 dollari. Ieri la paura delle conseguenze della guerra in Ucraina ha avuto il prezzo del petrolio A volte fino a quasi $ 140 al barile.

I prezzi dei metalli esplodono

Anche altri beni stanno diventando più costosi: temendo interruzioni dell’approvvigionamento a causa della guerra in Ucraina, gli investitori stanno accumulando minerali. Il palladio utilizzato nei catalizzatori per macchine, la cui principale fonte è la Russia, è aumentato di oltre il 6% a 3.195 dollari l’oncia. E l’alluminio, necessario nell’industria aeronautica e automobilistica, è aumentato di oltre il quattro per cento a 3.900 dollari la tonnellata. Il prezzo del nichel, utilizzato per produrre l’acciaio, è più che raddoppiato, raggiungendo il record di 101.365 dollari per tonnellata.

Wall Street non riesce a trovare il fondo

Bloccata in crisi anche Wall Street: ieri il Dow Jones Leading Index è sceso del 2,4 per cento a 32.817,38 punti. Ciò ha riportato il Dow sulla buona strada al suo livello più basso alla fine di febbraio, quando l’indice ha raggiunto il livello più basso in quasi un anno. L’indice S&P 500 a livello di mercato ha perso quasi il tre percento a 4.201,09 punti. L’indice high-tech Nasdaq 100 è sceso del 3,8% a 13.319,38 punti.

READ  Vaccinazione Corona: pericolosi effetti collaterali in Johnson & Johnson e Astrazeneca - L'EMA fornisce dettagli

In Asia, l’indice giapponese Nikkei è sceso dell’1,7% a 24.790 punti. Pertanto, è stato inferiore rispetto all’inizio di novembre 2020. L’indice Topix più ampio è sceso dell’1,9%. La borsa di Shanghai è scesa del 2,3%.

Boeing sospende gli acquisti di titanio

La compagnia aerea statunitense Boeing non acquista più il titanio dalla Russia. La società ha affermato che Boeing ha ampliato la sua rete di fornitura negli ultimi anni e ha ricevuto adeguatamente il metallo leggero importante per la costruzione di aeromobili. Boeing ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe sospeso l’attività con le compagnie aeree russe a causa della guerra contro l’Ucraina e delle sanzioni occidentali.

Qantas prevede un aumento dei prezzi dei biglietti aerei

La compagnia aerea australiana prevede che i prezzi dei biglietti aumenteranno a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio. “I contratti di copertura petrolifera ci danno il tempo di rispondere all’aumento dei prezzi del carburante”, ha detto l’amministratore delegato Alan Joyce in una conferenza. “Se rimaniamo a quel livello, le tariffe aeree dovranno essere aumentate”. Qantas si è assicurata il 90% del proprio fabbisogno di carburante entro la fine di giugno e il 50% nel trimestre successivo.

Aprile: Stop alla produzione a San Pietroburgo

La casa automobilistica giapponese Nissan ha annunciato che presto interromperà la produzione in Russia. La società ha spiegato che la ragione di ciò sono problemi logistici. La sicurezza del personale è la massima priorità. Nissan non ha fornito una data specifica per interrompere la produzione. L’azienda gestisce uno stabilimento a San Pietroburgo che ha costruito 45.000 veicoli l’anno scorso, incluso il SUV X-Trail. Nissan ha già fermato le esportazioni verso la Russia.

Shell limita il commercio di olio da riscaldamento e diesel

A causa della tesa situazione del mercato, Shell Oil inizialmente ha limitato la vendita di olio da riscaldamento, diesel e altri prodotti ad alcuni dei principali clienti in Germania. Ciò deriva da un messaggio di Shell Germany a disposizione di dpa. Il motivo addotto sono le “enormi distorsioni e carenze nei mercati energetici” a seguito dello scoppio della guerra in Ucraina, le successive sanzioni e la ripresa economica dopo la calma epidemica.

READ  Richiamo di uova a Rewe: il controllo di qualità ha rivelato dubbi

Per poter continuare ad adempiere agli obblighi contrattualmente pattuiti, si limita la cosiddetta vendita a pronti, ovvero la vendita di olio, diesel e altri prodotti senza previo accordo.

Lindt aumenta l’obiettivo di vendita

I profitti del produttore svizzero di cioccolato di lusso più che dimezzati lo scorso anno a 490,5 milioni di franchi. Il produttore di conigli d’oro ha aumentato il suo obiettivo di crescita delle vendite annuali dal 6% all’8% e ha annunciato un aumento della sua fascia obiettivo massima per il 2022. Il margine di profitto operativo dovrebbe raggiungere il 15% quest’anno. Nel 2021 era del 14,1% e le vendite sono cresciute del 14,2%.

Uniper batte Nord Stream 2

Alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina, il gruppo energetico Uniper con sede a Düsseldorf sta facendo un’inversione di marcia nelle sue attività russe. Uniper ha annunciato che non effettuerà nuovi investimenti in Russia. Nessun denaro sarà trasferito per il momento alla filiale russa della centrale elettrica Unipro. La vendita di Unipro, iniziata alla fine dello scorso anno, sarà per il momento sospesa e riprenderà al più presto. Inoltre, Uniper cancellerà i propri prestiti a Nord Stream 2 AG per un importo di 987 milioni di euro.

Uniper è uno dei maggiori clienti del gruppo russo del gas Gazprom e anche uno dei cinque partner finanziari occidentali del gasdotto Nord Stream 2 Baltic, attualmente in dissesto.