Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il crollo dell’euro e della Banca centrale europea: mancano solo 14 giorni alla grande delusione

Il 9 giugno la Banca Centrale Europea l’ha ottenuto annunciato ufficialmente. Il 21 luglio, cioè tra 14 giorni esatti, sarà a quell’ora decisione di politica monetaria Alzare il tasso di interesse chiave da 0,00 a 0,25%. La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha sottolineato il 9 giugno che l’intenzione era quella di iniziare a modificare il tasso di interesse con un piccolo passo, per così dire, con cautela. Il 9 giugno, la Banca centrale europea ha annunciato che avrebbe aumentato il tasso di interesse di riferimento di altri 0,25 o 0,50 punti percentuali per settembre.

Crolla l’euro – La BCE resta negativa – Gli USA alzano i tassi di interesse più dell’Eurozona

Il problema è che gli Stati Uniti hanno già aumentato i tassi di interesse di riferimento in modo più netto e aumenteranno nuovamente i tassi di 0,50 o 0,75 punti percentuali nella settimana successiva alla decisione della BCE alla fine di luglio. Il potenza tremenda Dal dollaro USA mostra l’attrattiva dei mercati dei capitali in direzione dell’area del dollaro. Recentemente l’euro è sceso sempre di più, raggiungendo attualmente il livello più basso dal 2003 a un tasso inferiore a 1,02 rispetto al dollaro USA.

Più basso è l’euro, più forte è l’inflazione importata (Ecco una spiegazione) sui prezzi al consumo in Europa. Più l’euro era debole, più gli importatori europei dovevano acquistare petrolio, ad esempio, sul mercato mondiale. Naturalmente, trasmettono questi prezzi di acquisto più elevati al consumatore finale attraverso la catena dei prezzi. La Banca centrale europea non può fermare la dinamica crescente dell’inflazione alzando i tassi di interesse di 0,25 punti percentuali il 21 luglio. Perché la mossa è stata scontata sul mercato dei capitali per quattro settimane, come annunciato ufficialmente da Christine Lagarde.

READ  Dati presentati: I ricavi pubblicitari guidano il business: Alphabet cresce in modo aggressivo - La quota di Alphabet del segno più | newsletter

Solo un notevole aumento aggressivo dei tassi da parte della Banca centrale europea può riportare in vita l’euro. Ma questo è il caso. La Banca centrale europea sotto Lagarde e prima di Draghi non ha mai avuto flessibilità, velocità o impegno quando si tratta di aumentare i tassi di interesse. In primis il sostegno non dichiarato della Banca Centrale Europea ai Paesi fortemente indebitati del Sud dell’Eurozona, che dovrebbero indebitarsi al tasso più conveniente possibile. Se i tassi di interesse vengono aumentati troppo rapidamente e in modo troppo deciso, i costi del finanziamento di questi paesi diventeranno rapidamente più elevati.

Il grafico mostra l'euro contro il dollaro USA TradingView Grafico Mostra che l’euro è stato costantemente in calo (linea blu) rispetto al paniere di valute dell’indice del dollaro USA negli ultimi 12 mesi, che ha continuato a salire (marrone).

La grande delusione 21 luglio

Si può presumere che la Banca centrale europea aumenterà il tasso di interesse di riferimento di soli 0,25 punti percentuali il 21 luglio, proprio come annunciato. Il mondo si è mosso da quando l’ho annunciato quattro settimane fa. L’inflazione dell’Eurozona, che ha raggiunto l’8,1% a maggio, è aumentata di 0,50 punti percentuali a giugno all’8,6 per cento! Questo piccolo aumento dei tassi di interesse deluderà quindi il mercato. Manca una reazione davvero forte al problema dell’inflazione. Potrebbe esserci qualche speranza in agguato nel mercato che la BCE inizi a emettere segnali di aumento dei tassi più ampi il 21 luglio. Ma sospetto che Christine Lagarde rimarrà passiva e lenta ad aumentare i tassi tra due settimane.

Quello che la Banca Centrale Europea può giocare dialetticamente nelle carte

Se si presume che la BCE stia aiutando implicitamente e informalmente i paesi del sud con tassi di interesse bassi, attualmente esiste una buona argomentazione che potrebbe impedire alla banca centrale di aumentare i tassi di interesse di oltre lo 0,25 per cento. Perché, come mostrano i grafici seguenti: A causa dell’imminente recessione in Europa, anche l’inflazione potrebbe essere più bassa. Perché il mercato esistente Previsioni di inflazione a dieci anni È sceso dal 3 al 2 percento nelle ultime settimane. La Banca Centrale Europea potrebbe argomentare: Guarda, c’è il rischio di una recessione e le aspettative di inflazione stanno calando: se aumentiamo i tassi di interesse troppo rapidamente ora, aggraveremo solo la recessione economica.

Ciò potrebbe solo fornire alla BCE gli argomenti di cui ha bisogno il 21 luglio per alzare il tasso di riferimento al minimo, come accennato in precedenza, e non dare alcuna prospettiva di alcun aumento significativo del tasso. Tuttavia, l’attuale crisi energetica (i prezzi del gas e dell’elettricità alle stelle) e l’attuale aumento dell’inflazione importata stanno esercitando enormi pressioni inflazionistiche in questo momento, anche se le aspettative di inflazione a lungo termine mostrano il contrario.

Leggi e scrivi commenti, clicca qui

READ  Potenziale di successo: azioni Bayer forti: Bayer vede un alto potenziale di vendita per il farmaco antitumorale Nubeqa | newsletter