Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il costoso succo d’arancia, di tutte le cose, porta a scarsi risultati

La rivista Öko-Test può consigliare otto dei 20 succhi d’arancia testati. La maggior parte degli altri soffre di un difetto che si manifesta solo attraverso un’attenta analisi.

L’abbonamento tradizionale più costoso e più costososucco d’arancia nel test della rivistatest ambientale(Edizione 1/2022) Fallito, non hanno superato la barriera di produzione e trasparenza, poiché 20 succhi d’arancia sono stati esaminati per i loro ingredienti, proprietà organolettiche, condizioni di produzione e trasparenza di questi elementi.

Due succhi cattivi e costosi?

Nei succhi biologici, “Succo d’arancia diretto, demeter” di Beutelsbacher (5,41 euro al litro) è valutato “Scarso”. Nel caso dei succhi tradizionali “succo diretto” arancione Senza polpa di Innocenzo (3,32 euro) un “non soddisfacente” – anche se è stata una delle migliori prove in termini di gusto.

Entrambi i succhi sono valutati male in termini di resa e trasparenza. Ad esempio, sono stati in grado di fornire solo poche prove della catena di approvvigionamento per il lotto sottoposto a test. il succo von Beutelsbacher aveva anche una “bassa qualità di sapore”; Come valutato dai tester, corrisponde a un succo a base di concentrato non sufficientemente regolato. Ha anche ottenuto sconti in base agli ingredienti.

I tester hanno anche valutato “Granini Orange Drink with Fruit Meat” di Eckes-Granini (1,89 €) come “insoddisfacente” a causa di problemi di produzione e trasparenza ai checkpoint. Il produttore non ha fornito informazioni sulla catena di approvvigionamento, non ha pagato un salario di sussistenza e l’uso di pesticidi altamente pericolosi non è stato vietato nel processo di produzione.

Succo d’arancia nel test: questi sono i vincitori del rapporto qualità-prezzo

Succo d’arancia: solo tre succhi nel test avevano un sapore “molto buono”. Tuttavia, questi non hanno funzionato bene sugli altri punti di prova. (Fonte: RapidEye/Getty Images)

READ  Guerra in Ucraina nell'indice: il DAX limita le perdite - I mercati azionari statunitensi scivolano in rosso - L'investitore lascia Deutsche Bank e Commerzbank - Evoteq vuole aumentare le vendite - Tesla e Infineon in primo piano | newsletter

Un totale di quattro prodotti non ha superato il test. Sei era “abbastanza”. Due hanno ricevuto un voto di “soddisfacente”, mentre gli altri otto hanno ricevuto un voto di “buono”. I vincitori del prezzo delle prestazioni sono “Rio D’Oro Orange Juice” di Aldi Süd e “Solevita 100% Orange” di Lidl, ciascuno al costo di 85 centesimi al litro.

Sono stati testati 20 succhi d’arancia, di cui cinque di qualità biologica. Tutti i prodotti contengono il 100% di succo di frutta. Otto succhi non provengono da concentrato e l’altro è composto da succo d’arancia concentrato.

I succhi sono stati sottoposti ad un’analisi dell’aroma e gli esperti sensoriali ne hanno valutato l’aspetto, l’aroma e il gusto. I tester hanno anche chiesto ai fornitori di servizi di spiegare le condizioni in cui i lavoratori raccolgono le arance e le lavorano nelle fabbriche di succhi. Difetti nella confezione possono peggiorare il risultato del test.

Puoi leggere il risultato dettagliato del test nel numero di gennaio di “Öko-Test”.