Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Corona ha colpito il nostro sistema immunitario? Verifica dei fatti

Il Corona ha colpito il nostro sistema immunitario?  Verifica dei fatti

Molte persone in Germania attualmente soffrono di malattie respiratorie. Perché è così e perché parlare di un “sistema immunitario non addestrato” è un mito – i fatti più importanti.

Maggiori informazioni su scienza e tecnologia

Chi è ancora in buona salute se ne accorge almeno nell’ambiente circostante: tosse, raffreddore, sintomi di malessere: molte persone ne soffrono in questo momento.

Puoi trovare altre novità sul nostro canale WhatsApp. Clicca su Iscriviti per non perdere nessun aggiornamento.

È vero che il numero dei pazienti in Germania è maggiore rispetto a prima?

Le basse temperature portano molte persone in casa. Vi state letteralmente avvicinando. L’aria secca negli spazi interni caldi è un altro fattore che aiuta la diffusione dei virus.

I numeri che Il Robert Koch Institute (RKI) pubblica settimanalmenteProva di ciò: l’attività delle malattie respiratorie acute è generalmente aumentata nella settimana di calendario 46 del 2023 rispetto alla settimana precedente. Secondo la massima autorità tedesca sulle malattie, a metà novembre circa 7,2 milioni di persone in Germania soffrivano di una nuova malattia respiratoria acuta.

Rispetto alla settimana precedente, i valori sono aumentati per gli scolari dai 5 ai 14 anni e dai 15 ai 59 anni, mentre sono diminuiti per i bambini più piccoli (da 0 a 4 anni) e per quelli dai 60 anni in su. L’incidenza delle malattie simil-influenzali è diminuita rispetto alla settimana precedente dal 2,1% all’1,8%. (Al 28 novembre. L’RKI presenterà gli ultimi dati il ​​29 novembre.)

I valori per le malattie respiratorie acute e le malattie simil-influenzali sono al di sopra del range di valori degli anni pre-pandemia.

  • Per fare un confronto: dal 2011 al 2019, a metà novembre “solo” dal 5,5% al ​​7,6% della popolazione aveva la malattia, la cifra attuale è dell’8,7%.

Quali virus si stanno diffondendo attualmente in particolare?

Secondo l’RKI le attuali malattie respiratorie sono dovute principalmente alla diffusione del SARS-CoV-2 e dei rinovirus/enterovirus.

RKI vede anche i primi “segnali di una maggiore circolazione di RSV”. Il virus respiratorio sinciziale (RSV) provoca solo un lieve raffreddore nella maggior parte delle persone, ma può causare malattie gravi, inclusa la polmonite, nei neonati, nei bambini piccoli e negli anziani con sistema immunitario indebolito.

L’immunologo Carsten Watzl dell’Istituto Leibniz per la ricerca attiva di Dortmund (IfADo) ha una possibile spiegazione per l’aumento delle malattie respiratorie. “Con la SARS-CoV-2 abbiamo un ulteriore agente patogeno che non esisteva prima della pandemia”, afferma Watzel, “quindi è possibile che in futuro il numero di malattie respiratorie sarà superiore al livello pre-pandemia”.

Come fa RKI a compilare i numeri?

  • Questi incidenti si basano sulle informazioni dei partecipanti a GrippeWeb. GrippeWeb è un portale web dell’RKI basato sulle segnalazioni dirette dei cittadini. Possono partecipare tramite il portale web tutte le persone di età pari o superiore a 16 anni che vivono principalmente in Germania o i genitori di bambini piccoli. Gli incidenti stimati nella 46a settimana di calendario si basano sulle informazioni di 6.668 partecipanti al GrippeWeb.

Cosa hanno fatto le misure Corona al nostro sistema immunitario?

Molte persone stanno attualmente discutendo questa domanda sui social network. L’attenzione sembra essere particolarmente spesso posta sulla questione se non siamo più sufficientemente “addestrati” contro gli agenti patogeni attraverso l’uso delle mascherine. Ma è proprio vero?

Gli esperti confermano che non esiste un senso di colpa immunitario. Il nostro sistema immunitario non ha bisogno di allenarsi con l’aiuto di infezioni gravi: si allena senza di esso ogni giorno.

Tuttavia, gli esperti parlano di quello che viene chiamato divario di esposizione. Dopo l’infezione, in genere sviluppiamo l’immunità verso vari agenti patogeni respiratori, proteggendoci per un certo periodo di tempo dalla reinfezione con quell’esatto agente patogeno. Tuttavia, questa immunità non è permanente, ma piuttosto si indebolisce nel tempo, tanto che dopo alcuni anni possiamo infettarci nuovamente, il che poi ripristina l’immunità – una spinta, per così dire.

“Durante l’epidemia, le misure igieniche hanno fatto sì che molti agenti patogeni non ci raggiungessero affatto. Di conseguenza, le infezioni che avrebbero dovuto raggiungerci sono state rinviate. Al termine delle procedure, siamo entrati di nuovo in contatto con gli agenti patogeni, in modo che ” Ma questo effetto di recupero non significa che il nostro sistema immunitario fosse generalmente debole durante l’epidemia», riassume la situazione.

Poiché molti asili e scuole sono stati chiusi all’inizio dell’epidemia, i bambini, ad esempio, non sono entrati in contatto con i soliti agenti patogeni che incontrano in questa fase della vita. “Dobbiamo vedere se riusciremo a raggiungere i valori dell’anno scorso, dove gli effetti di recupero sono stati più forti”, afferma Watzel.

Un’altra affermazione che circola sui social media è che il SARS-CoV-2 indebolirebbe permanentemente il nostro sistema immunitario. Ma Corona è stato ben studiato rispetto a molti altri virus. Ciò può portare alla tendenza a interpretare come esclusivi i fenomeni legati all’infezione da Corona, sebbene possano verificarsi anche in caso di infezione da altri agenti patogeni. scrive la Pharmaziutsch Zeitung.

L’immunologo Watzl sostiene la stessa cosa. “Ci sono molti studi su come il sistema immunitario affronta la SARS-CoV-2 e se ci sono cambiamenti duraturi che vanno oltre l’immunità “normale”, cioè la formazione di cellule di memoria contro la SARS-CoV-2. Un esempio estremo di questa è la “sindrome post-Covid”. Ma anche se l’infezione viene debellata in modo naturale, si possono osservare alcuni cambiamenti nel sistema immunitario. Ma: questo potrebbe accadere anche dopo altre infezioni, ma abbiamo esaminato attentamente il Corona”.

“Solo perché vedi dei cambiamenti non significa che il tuo sistema immunitario sia debole.”

L’immunologa Sheena Cruikshank, Università di Manchester

Il professore britannico di immunologia Dr. Sheena Cruickshank dell’Università di Manchester Sul portale di notizie “Conversazione”. Secondo il ricercatore, anche nei pazienti fragili solo una piccola percentuale ha riscontrato ancora alcuni cambiamenti sei mesi dopo l’infortunio. Quindi il sistema immunitario ritorna alla sua normale funzione.

“Solo perché si vedono cambiamenti non significa necessariamente che il sistema immunitario sia indebolito. Per me è ancora discutibile quanto durano questi cambiamenti”, dice Watzel, classificando la teoria attorno alla presunta soppressione delle nostre difese. Mentre il virus del morbillo, ad esempio, cancella la memoria immunitaria per diversi anni, il che significa che le persone infette sono più vulnerabili per anni ad altri agenti patogeni, questo non è ancora noto per SARS-CoV-2.

Come proteggersi dal contagio: distanza, mascherine, ecc.

L’Istituto Robert Koch raccomanda di adottare le seguenti misure per proteggere se stessi e gli altri dall’infezione da virus respiratori:

  • Resta a casa se hai sintomi

Chiunque abbia un’infezione respiratoria acuta dovrebbe rimanere a casa finché i sintomi non migliorano in modo significativo. Di solito sono necessari dai tre ai cinque giorni.

  • Trattare le infezioni

Chiunque in questo periodo non si senta meglio o addirittura peggio o appartenga a un gruppo a rischio dovrebbe rivolgersi al proprio medico di famiglia.

  • Test Corona rapidi secondo necessità

I test rapidi aiutano a fare chiarezza sulla possibile infezione da coronavirus. Questa strategia è particolarmente consigliata a chiunque abbia contatti con persone a maggior rischio di malattie gravi o che appartengono a un gruppo a rischio.

  • Ventilare e indossare una maschera in ambienti chiusi

Una ventilazione regolare (ventilazione d’urto) riduce la possibilità di trasmissione. Le persone con sintomi gravi dovrebbero indossare una maschera per proteggere gli altri. Una protezione per la bocca e il naso correttamente indossata protegge la salute anche nelle fasi in cui il virus si diffonde fortemente (ondata influenzale, onda COVID-19, onda RSV) in ambienti chiusi, come sui trasporti pubblici locali, negli studi medici e in altri luoghi dove sono presenti molte persone si riuniscono.

Tutti dovrebbero rimanere aggiornati sulle vaccinazioni contro COVID-19, influenza e pneumococco secondo le raccomandazioni Stiko.

Il punto di Raccomandazioni sulla vaccinazione Stiko per COVID-19 Si continuano a prevenire gravi episodi di Corona con ricoveri e decessi; Ridurre il più possibile le potenziali conseguenze a lungo termine (Long Covid) dell’infezione da SARS-CoV-2 tra l’intera popolazione e proteggere gli operatori medici e infermieristici dal contagio.

Le vaccinazioni possono fornire una protezione parziale contro gli effetti a lungo termine

La verità è che i vaccini Corona esistenti sono approvati per i bambini a partire dai sei mesi. Sebbene il Comitato permanente per le vaccinazioni (Stiko) sostenga la vaccinazione contro il coronavirus – dopo aver valutato i benefici rispetto ai rischi – solo per i bambini e i giovani di età inferiore ai 18 anni che hanno precedentemente avuto la malattia, raccomanda Autorità sanitaria statunitense Tutte le persone di età pari o superiore a 6 mesi ricevono la vaccinazione.

I genitori possono anche vaccinare i loro bambini in questo paese. Le vaccinazioni possono fornire una protezione parziale contro le conseguenze a lungo termine (Covid lungo, malattie cardiovascolari, diabete), che possono colpire anche i bambini e gli adolescenti in misura molto minore rispetto agli adulti.

Fonti utilizzate:

Informazioni su Reef Reporter

  • Questo articolo è tratto dal portale stampa RiffReporter.
  • Su riffreporter.de circa 100 giornalisti indipendenti riferiscono insieme di eventi attuali e informazioni di base. I RiffReporters hanno ricevuto un Grimme Online Award per le loro performance.

L’inverno si avvicina, il numero dei contagi aumenta e gli ambulatori medici hanno raggiunto i limiti. L’Ordine dei medici di medicina generale chiede ora che si reintroducano più rapidamente i congedi per malattia telefonici.

© Reef Reporter

Certificato JTI

Ecco come funziona la redazione“Ti insegna quando e cosa segnaliamo i bug, come gestiamo i bug e da dove provengono i nostri contenuti. Quando segnaliamo, rispettiamo le linee guida Iniziativa per la fiducia nel giornalismo.