Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il collasso dell’Oceano Atlantico minaccia l’Europa con un grave shock da freddo – una “svolta devastante”

Il collasso dell’Oceano Atlantico minaccia l’Europa con un grave shock da freddo – una “svolta devastante”
  1. Home page
  2. mondo

Insiste

Punti critici raggiunti? Un modello computerizzato prevede il collasso di importanti correnti oceaniche e in alcune parti d’Europa le temperature potrebbero scendere di 15 gradi.

UTRECHT – I ricercatori dell'Università di Utrecht, nei Paesi Bassi, hanno lanciato l'allarme climatico: il sistema delle correnti dell'oceano Atlantico si trova chiaramente di fronte a un “devastante punto di svolta” – con implicazioni drammatiche per… clima. Queste correnti d'aria equivalgono all'impianto di climatizzazione europeo e possono portare ad un forte abbassamento della temperatura.

Nuovo studio: questi sono gli effetti del riscaldamento globale sulle correnti atlantiche

I ricercatori sui cambiamenti climatici studiano le correnti atlantiche in Europa
Veduta delle acque dell'Oceano Atlantico. Il cambiamento climatico potrebbe avere gravi conseguenze per le correnti nell’Oceano Atlantico e quindi perturbare anche il clima temperato dell’Europa. © Imago/Douglas Graham/WLPINc. /Newscom Mondo

Secondo lo studio, grazie a complessi modelli computerizzati è stato possibile per la prima volta elaborare un segnale di allarme precoce per il collasso della circolazione ribaltante meridionale dell'Atlantico (Amoc). In poche parole, l’AMOC è un complesso sistema di correnti oceaniche che, tra le altre cose, regolano la temperatura globale. Parte di questo sistema, ad esempio, è la Corrente del Golfo, che trasporta l’acqua calda dal Golfo del Messico verso l’Europa come un nastro trasportatore. Il clima temperato del nostro continente deriva da questo equilibrio. Il sistema di flusso è stato anche in grado di compensare parzialmente le conseguenze del riscaldamento globale causato dalle attività umane, almeno finora.

A proposito dello studio

La base dei dati per lo studio “Il segnale di allarme precoce basato sulla fisica mostra che l’AMOC sta cambiando rotta” era la salinità dell’Oceano Atlantico e i cambiamenti simulati in un singolo periodo di 2.000 anni sulla base di modelli computerizzati.

Lo studio, condotto dagli autori Rene M. van Westen, Michael Kleibhuis e Henk A. Dijkstra il 9 febbraio 2024 sulla rivista scientifica Progresso della scienza pubblicato.

Collegamento allo studio

“Cattive notizie per il sistema climatico e l’umanità”: i ricercatori avvertono dei cambiamenti nel sistema AMOC

I ricercatori sono ormai giunti alla conclusione che il sistema Amoc è sull’orlo di un cambiamento improvviso. Gli scienziati hanno affermato che i dati mostrano che l’Amok è attualmente nel suo “stato più debole in più di mille anni”. “Questo risultato differisce in modo significativo dalle simulazioni del modello precedente”, ha continuato. Conseguenze: l’oceano, l’atmosfera e il ghiaccio marino influenzano fortemente il clima regionale in tutto il mondo. “Questa è una brutta notizia per il sistema climatico e per l’umanità perché fino ad ora si poteva presumere che il comportamento di ribaltamento dell’AMOC fosse solo un concetto teorico e che il comportamento di ribaltamento sarebbe scomparso una volta preso in considerazione l’intero sistema climatico con tutti i suoi feedback aggiuntivi”.

L’Europa è particolarmente colpita dal crollo dei flussi

L’Europa in particolare è colpita dal cambiamento, scrivono gli autori: “Il clima europeo è cambiato radicalmente dopo il crollo dell’AMOC, mentre in altre regioni solo alcuni mesi cambiano in modo significativo”, scrivono gli autori. Nell’emisfero settentrionale farà molto più freddo dopo il crollo. Si assiste ad un rapido raffreddamento del clima europeo con un andamento della temperatura superiore ai tre gradi ogni decennio. “In molte città europee, le temperature scendono da 5 gradi Celsius a 15 gradi”, hanno detto i ricercatori riferendosi al cambiamento ogni decennio. Se le temperature vengono calcolate sui singoli mesi, in alcuni casi le temperature potrebbero scendere ancora di più.

Questi sono valori anomali. Per fare un confronto: le temperature globali sono aumentate di circa 1,5 gradi rispetto all’era preindustriale. Lo dice il servizio Copernicus sui cambiamenti climatici dell’Unione europea Ultima temperatura per la prima volta in dodici mesi permanentemente a questo valore. “Rispetto all’attuale tendenza della temperatura superficiale media globale (a causa dei cambiamenti climatici) di circa 0,2 gradi ogni decennio, non esistono misure di adattamento realistiche in grado di far fronte a cambiamenti di temperatura così rapidi”, hanno concluso i ricercatori olandesi. In breve, il cambiamento sembra avvenire troppo rapidamente perché possiamo rispondervi adeguatamente. È anche possibile che il livello del mare nell’Oceano Atlantico possa innalzarsi e sommergere le città costiere.

Ecco come funziona la Circolazione di Capovolgimento Atlantico (Amoc in breve).

Oltre al calore, le correnti oceaniche trasportano anche nutrienti e sali in tutto il mondo. Ciò è reso possibile grazie al cosiddetto ciclo termoalino, che funziona attraverso le differenze di salinità e temperatura dell'acqua. Questi fattori influiscono sulla densità e quindi sul movimento delle masse d'acqua: più l'acqua diventa fredda e salata, più diventa pesante e quindi affonda. La circolazione collega quattro dei cinque oceani del pianeta per formare un nastro trasportatore globale. Ad esempio, le precipitazioni, così come lo scioglimento dei ghiacci, influiscono sulla salinità dell’oceano Della calotta glaciale della Groenlandia. Il riscaldamento globale favorisce lo scioglimento delle calotte glaciali.

Gli scienziati avvertono sulla velocità del cambiamento: “Sarà devastante”

I risultati dello studio ci ricordano la storia del film di successo di Hollywood “The Day after Tomorrow”, uscito 20 anni fa. Nel film, i politici ignorano gli avvertimenti dei ricercatori sul cambiamento climatico. Di conseguenza, il mondo intero sta attraversando una forte ondata di freddo e i pinguini si sentono improvvisamente a casa a New York City. Mentre nei film di Hollywood mancano solo poche settimane all’inizio dell’era glaciale, in realtà l’umanità ha più tempo.

Esattamente quanto tempo non è chiaro. I ricercatori olandesi affermano che non ci sono ancora dati sufficienti per determinare se la svolta avverrà l’anno prossimo o il prossimo secolo. In entrambi i casi è necessaria un’azione rapida. “Ciò che ci ha sorpreso è stata la velocità con cui si è verificato il cambiamento”, affermano gli scienziati dell'Università di Utrecht. Come i ricercatori del film, anche loro hanno lanciato l’avvertimento: “Sarà devastante”.

Molti altri studi sono stati eseguiti in precedenza Ha avvertito del crollo della Corrente del Golfo e delle sue conseguenze.