Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il chip I/O del Ryzen 5 7600 senza testa si è rotto durante l’avvio

Il chip I/O del Ryzen 5 7600 senza testa si è rotto durante l’avvio

da Valentino Sattler
Durante un esperimento senza dissipatore e dissipatore di calore, il chip I/O del Ryzen 5 7600 si è rotto, anche se il circuito di protezione dovrebbe evitare tali difetti. Non è ancora chiaro cosa abbia causato l’incidente, ma i processori in condizioni operative normali non dovrebbero essere in pericolo.

Utente Twitter Fritzchen Fritz È meglio conosciuto per i suoi fantastici scatti mortali, ma ne pubblica anche altri entusiasmanti più e più volte. Questi includono, ad esempio Video della termocameraI processori appaiono senza dissipatori di calore e dispositivi di raffreddamento. Questi mostrano come reagiscono le CPU senza raffreddamento e dove si trovano gli hotspot.

Chip I/O scioccante

Fritzchens Fritz voleva anche scattare la stessa foto dell’AMD Ryzen 5 7600 dopo averlo decapitato e fotografato con la sua fotocamera a infrarossi. L’esperimento non ha funzionato come sperato, perché detto processore si era autodistrutto.Dopo un minuto nel nostro test Cinebench single-core, è apparsa la prima distorsione dell’immagine, poi il sistema è andato in crash. Fritzchens Fritz lo mise rapidamente sul dispositivo di raffreddamento della CPU, ma probabilmente il processore era già rovinato. Invece di un’immagine termica, ora ci sono invece immagini di danni: il chip I/O del Ryzen 5 7600 si è rotto in cinque parti, probabilmente a causa del surriscaldamento e della relativa espansione termica.

Contenuti editoriali consigliatiQui troverai contenuti esterni da [PLATTFORM]. Per proteggere i tuoi dati personali, le integrazioni esterne vengono visualizzate solo se confermi facendo clic su “Carica tutti i contenuti esterni”:Acconsento alla visualizzazione di contenuti esterni. Pertanto i dati personali vengono trasferiti a piattaforme di terze parti. Leggi di più sulla nostra politica sulla privacy.

Fritzchens Fritz ha riferito su Twitter che la temperatura del chip I/O era effettivamente entro i limiti: si diceva che la temperatura dell’hotspot fosse nell’intervallo di 80°C, mentre il CCD con i core della CPU funzionava già a 95°C e di conseguenza rallentava il ritmo. . Per quanto riguarda la configurazione del test, ha anche spiegato che il processore è stato utilizzato con un telaio termico Grizzly Direct Die, progettato per eseguire CPU Ryzen 7000 decapitate.

Presumibilmente, c’è già stato un rapporto simile su un processore Ryzen 7000 decapitato, dove un’eccessiva pressione di contatto ha rotto il chip I/O. Tuttavia, nel caso attuale, non c’era un dispositivo di raffreddamento sulla CPU, quindi la pressione di contatto stessa non può essere incolpata. Pertanto, la causa del danno è discutibile.

l’appuntamento: Ryzen 7 7800X3D: l’immagine a infrarossi mostra differenze in Ryzen 5 7600

Ci sono già molte ipotesi su questo su Twitter. Ad esempio, si ipotizza che la temperatura in un’area senza sensori possa essere molto superiore a 80°C, o che Unità di gestione del sistema Il processore si è bloccato e ho perso il controllo del chip. In ogni caso, i giocatori con il loro processore Ryzen 7000 non devono preoccuparsi dei crash, perché dopotutto il dissipatore di calore protegge dalle alte temperature e dallo stress meccanico.

Fonte: via dispositivi tom