Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il capo del plotone ha avuto un infarto ed è diventato un eroe

Il capo del plotone ha avuto un infarto ed è diventato un eroe
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Premere

Il macchinista Antonio D'Acci e un treno Trenitalia
Un eroe nei suoi ultimi istanti: il macchinista Antonio D'Acci fermò il suo veicolo sulla strada nonostante avesse avuto un infarto. © Facebook/@Antonio D'Acci, IMAGO / Manfred Segerer

Un macchinista in Italia ha avuto un infarto mentre guidava. Fu celebrato come un eroe perché riuscì a fermare il treno prima di morire.

Pescara – Antonio D'Acci ha guidato i treni in Italia per quasi 40 anni. Ciascuno dei viaggi deve essere stato un'esperienza unica, alcuni spettacolari, ma la maggior parte erano completamente di routine. Martedì 26 marzo il 61enne è salito nella cabina di guida per l'ultima volta.

Macchinista ha un infarto: D'Achi diventa un eroe fermando il treno nonostante il dolore

All'epoca D'Acci era ancora uno dei tanti comandanti di reggimento, conosciuto solo nella sua regione. Tuttavia, dopo un po', è diventato un eroe che da allora ha fatto notizia in tutto il paese. Perché di fronte alla propria morte, il suo primo pensiero è stato, in un certo senso, alle persone che si tenevano nelle sue mani. Il suo ultimo disperato tentativo potrebbe aver salvato gli 87 passeggeri a bordo da qualcosa di peggio.

Diversi media italiani riferiscono del fatidico viaggio di un treno regionale in viaggio da Pescara via Abruzzo a Sulmona. Forte Il Messaggero Quando è iniziato il disastro, intorno alle 16,40, il treno di Trenitalia si trovava a Bresciarola di Cieti, non lontano dalla stazione di partenza. D'Achi del Foggia a questo punto deve aver avuto un infarto.

Un macchinista che ferma un treno nonostante abbia avuto un infarto: ogni aiuto per D'Achi arriva troppo tardi

Nonostante il dolore, in qualche modo ha cercato di fermare il suo veicolo. Perché un treno senza macchinista può finire rapidamente in un disastro. Inoltre, il conducente non poteva salire nella cabina di guida per motivi di sicurezza. Così indebolito D'Acci fu lasciato a se stesso nei suoi ultimi momenti.

Ha fermato il treno sui binari aperti. Secondo il portale termolinline.it Gli assistenti ferroviari e il personale di bordo provenienti da Termoli, città natale di D'Acci, si sono precipitati in aiuto. Sul posto sono accorsi anche i soccorritori professionisti. Ma per l’intrepido macchinista, che lavora per Trentalia dal 1986, ogni aiuto è arrivato troppo tardi.

Un macchinista diventa un eroe prima di morire: a lui verrà intitolata una stazione ferroviaria

Il corpo del padre dei due figli è stato consegnato alla famiglia senza che il pubblico ministero avesse ordinato l'autopsia. In ricordo di D'Acci può essere intitolata a lui la stazione ferroviaria di Chieti, più vicina al luogo dell'incidente. Dovrebbero già esserci delle proposte in merito.

È stato ricordato con un post sulla pagina Facebook “Ferrovieri Semper” – che significa “eterni ferrovieri” – che ha raccolto molti titoli sulla tragedia. Decine di persone hanno espresso il loro dolore qui sotto. I funerali avranno luogo a Termoli il lunedì di Pasquetta alle 10.30, dopo alcuni giorni di ricovero in ospedale per l'autopsia. Come foggiatoday.it far sapereD.

La simpatia è particolarmente grande. Adesso che D'Acci è conosciuto in tutto il Paese. Forse uno o due passeggeri del treno entreranno nel cerchio del lutto dei morti. Perché se D'Acci non avesse agito con altruismo e rapidità di fronte alla morte, il viaggio avrebbe avuto conseguenze disastrose anche per loro.

Nel distretto di Ratisbona un piantagrane ha tenuto all'erta i ferrovieri. Un macchinista è rimasto scioccato nel trovare il modello di un torso insanguinato sui binari. Dal 1° marzo i treni italiani hanno un limite bagagli più alto. (mg)