Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il buco nero al centro della Via Lattea rappresenta un nuovo mistero per i ricercatori

Il buco nero al centro della Via Lattea rappresenta un nuovo mistero per i ricercatori
  1. Home page
  2. mondo

Insiste

I buchi neri non sono così diversi come pensi. Una nuova ricerca rivela potenti campi magnetici e solleva una questione interessante.

MONACO DI BAVIERA – I buchi neri sono oggetti celesti affascinanti e misteriosi. Ingoiano tutto ciò che gli si avvicina e non lasciano sfuggire nulla, nemmeno la luce. Pertanto non sono visibili all'occhio umano, ma anche ai telescopi e ad altri mezzi ausiliari. Ma qualche anno fa, un consorzio di ricerca è riuscito a catturare le immediate vicinanze di due buchi neri, comprese le loro “ombre”.

Le immagini rilasciate dal team dietro l'Event Horizon Telescope (EHT) del buco nero M87* nel cuore della galassia M87 e del buco nero Sgr A* al centro della nostra galassia, la Via Lattea, hanno suscitato scalpore in tutto il mondo.

Il telescopio Event Horizon osserva il centro della Via Lattea

Sebbene Sagittarius A* sia mille volte più piccolo e meno massiccio di M87*, le immagini dei due buchi neri sono sorprendentemente simili. Ciò ha portato alla domanda se i due buchi neri condividano somiglianze anche sotto altri aspetti. Per rispondere a questa domanda, il gruppo di ricerca ha rivolto nuovamente la sua attenzione a… via LatteaMa questa volta in luce polarizzata.

Un nuovo sguardo al buco nero al centro della Via Lattea, questa volta in luce polarizzata che rivela campi magnetici.  Le linee mostrate indicano la direzione della polarizzazione, associata al campo magnetico attorno all'ombra del buco nero.
Un nuovo sguardo al buco nero al centro della Via Lattea, questa volta in luce polarizzata che rivela campi magnetici. Le linee mostrate indicano la direzione della polarizzazione, associata al campo magnetico attorno all'ombra del buco nero. © Cooperazione EHT

La luce polarizzata, che oscilla nella direzione preferita, è quasi indistinguibile dall'occhio umano dalla luce naturale. Tuttavia, nel plasma che circonda i buchi neri, gli scienziati possono identificare meglio i processi nella luce polarizzata e mappare le linee del campo magnetico. Questo è esattamente ciò che ha fatto il gruppo di ricerca dell'EHT e ora ne ha una nuova registrazione Buco nero Il lanciatore A* viene schierato.

I buchi neri M87* e Sgr A* sono molto simili

L’immagine mostra che i due buchi neri hanno caratteristiche molto simili anche nella luce polarizzata: “Ora vediamo che ci sono campi magnetici forti, contorti e regolari vicino al buco nero al centro della Via Lattea”, dice Sarah Isson del centro. . per l'astrofisica ad Harvard e allo Smithsonian. In Sonde M87* Gli scienziati avevano precedentemente scoperto che i campi magnetici nella regione consentono al buco nero di emettere potenti getti di materiale nella regione. Nuove immagini suggeriscono che questo potrebbe essere vero anche per Sagittarius A*.

“In combinazione con il fatto che Sgr A* ha una struttura di polarizzazione sorprendentemente simile al buco nero più grande e potente M87*, abbiamo imparato che i campi magnetici forti e ordinati svolgono un ruolo cruciale nel modo in cui i buchi neri interagiscono con il gas e la materia circostante. loro.” “Intorno a noi”, spiega Issoun, uno dei responsabili del progetto.

“Misurando la luce polarizzata del gas caldo incandescente vicino ai buchi neri, possiamo dedurre direttamente la struttura e la forza dei campi magnetici che permeano il flusso di gas e materia che il buco nero raccoglie ed espelle”, afferma Angelo Ricarte, un altro responsabile del progetto. Direttore, in uno avviso. “Possiamo usare la luce polarizzata per saperne di più sull’astrofisica, sulle proprietà del gas e sui processi che si verificano quando un buco nero cresce”.

La luce polarizzata rivela forti campi magnetici al centro della Via Lattea

I due buchi neri osservati nella luce polarizzata condividono molte somiglianze, compresi forti campi magnetici. Ciò solleva nuove domande nella scienza. La vice scienziata del progetto EHT Mariafelicia De Laurentiis spiega le attuali domande di ricerca: “Con questo campione di due buchi neri – con masse molto diverse e galassie ospiti molto diverse – è importante sapere quanto concordano e in che modo differiscono”.

“Poiché entrambi indicano forti campi magnetici, questo fenomeno potrebbe essere una caratteristica universale e forse fondamentale di questi tipi di sistemi”, aggiunge. Una somiglianza tra questi due buchi neri potrebbe essere il getto. Anche se abbiamo osservato un getto molto chiaro su M87*, non siamo ancora riusciti a trovarlo su Sgr A*.

Il buco nero al centro della Via Lattea emette materia?

Se tale esplosione – un raggio di materia che espelle particelle ad alta energia – esistesse, potrebbe essere solo questione di tempo prima che venga scoperta. Il team dietro il telescopio Event Horizon prevede di puntare nuovamente il buco nero al centro della Via Lattea nell'aprile 2024. Inoltre, sono previsti ampliamenti dei telescopi partecipanti che consentiranno la produzione di filmati di alta qualità di Sagittarius A* nello spazio prossimo decennio e potrebbe rilevare un jet. Possibile jet. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.