Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Bucha di Selenskyj: “Giustizia arriverà” – la situazione in sintesi

Il Bucha di Selenskyj: “Giustizia arriverà” – la situazione in sintesi

Aggiornato il 01/04/2023 08:12

Nell’anniversario della liberazione di Bucha, gli ucraini commemorano le vittime della breve occupazione russa del sobborgo di Kiev. Il presidente Zelenskyj chiede giustizia.

Altre notizie sulla guerra in Ucraina

Alla luce delle perdite e delle distruzioni causate dalla guerra di aggressione russo-ucraina Presidente Volodymyr Zelenskij Chiede giustizia per il suo paese. Nel suo video discorso serale, ha detto: “Giustizia per il nostro stato e per tutta la nostra gente che ha perso parenti, amici, salute, case e vite normali a causa dell’aggressione russa, a causa dell’orrore delle forze di occupazione”. Venerdì

Zelenskyj: Verrà il giorno della giustizia

Zelensky ha commemorato le vittime della breve occupazione russa venerdì nel sobborgo di Kiev di Bucha con ospiti internazionali. Alla celebrazione hanno partecipato il Presidente della Moldavia, Maia Sandu, ei capi di governo di Slovacchia, Slovenia e Croazia – Edvard Heger, Robert Golub e Andrej Plenkovic.

Dopo averla conquistata 13 mesi fa, le forze russe hanno catturato la cittadina di Bucha vicino a Kiev all’inizio di marzo 2022. Il 30 marzo si sono nuovamente ritirate. Tre giorni dopo, le foto pubblicate dei corpi di civili legati hanno provocato una protesta internazionale. Butcha è un simbolo dei crimini di guerra russi in tutto il mondo.

Nel pomeriggio, Zelensky e i suoi ospiti tengono una conferenza “Uniti per la giustizia”, ​​in cui l’Ucraina vuole raccogliere sostegno per il perseguimento dei crimini di guerra russi. “Verrà il giorno in cui il mondo saprà che la giustizia è stata ripristinata in Ucraina”, ha dichiarato Zelensky.

Zelenskyj sulla possibile fine della guerra

Nel suo incontro con i capi di stato e di governo stranieri, Zelensky ha ribadito la sua visione di una soluzione pacifica. In primo luogo, il rappresentante della Russia – chiunque sia, non lo sa – deve ritirare tutte le forze da tutte le regioni dell’Ucraina senza combattere. “Quindi inizia la formula diplomatica”, ha detto Zelenskyj ai media ucraini.

Tuttavia, se l’Ucraina fosse costretta a espellere tutti i russi con la forza, non ci sarebbe nulla di cui parlare viste le numerose vittime. “Allora di cosa dobbiamo parlare con queste persone?”

Zelensky accusa la Russia di aver perso il contatto con la realtà

Per Zelensky, l’intenzione della Russia di schierare armi nucleari tattiche in Bielorussia è un segno che l’incontro del capo del Cremlino VladimirPutin Il capo di stato cinese, Xi Jinping, non è stato coronato dal successo. “Bisognava mostrare alla Russia un senso della realtà, che il paese ha completamente perso sotto il presidente Putin”, ha citato Zelenskyj nel quotidiano ucraino, Ukraine.

Putin ha ricevuto Xi a Mosca la scorsa settimana. Inoltre, il sovrano bielorusso Alexander Lukashenko ha perso tutta la sua indipendenza, ha detto Zelensky. “Non credo che possa più decidere quali armi ci sono sul suo territorio.”

Sullo sfondo delle accresciute tensioni con l’Occidente a seguito della guerra in Ucraina, Putin ha recentemente annunciato che avrebbe dispiegato armi nucleari tattiche nella vicina ex repubblica sovietica di Bielorussia. Ha giustificato la presa di posizione affermando che gli Stati Uniti hanno fatto qualcosa di simile in Europa per anni.

Le Nazioni Unite avvertono di un’escalation nucleare

E le Nazioni Unite hanno messo in guardia, dopo l’annuncio russo del dispiegamento di armi nucleari in Bielorussia, contro l’escalation. “Tutti i paesi devono evitare azioni che potrebbero portare a escalation, errori o errori di calcolo”, ha affermato venerdì il rappresentante delle Nazioni Unite per gli affari del disarmo, Izumi Nakamitsu, davanti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a New York. Occorre inoltre rispettare il trattato di non proliferazione delle armi nucleari.

Kiev: la Russia attacca ancora obiettivi civili

La leadership militare ucraina ha accusato le forze armate russe di concentrarsi ancora una volta su obiettivi civili. “Non essendo riuscito a ottenere i risultati desiderati sul campo di battaglia, il nemico continua a terrorizzare cinicamente la popolazione civile del nostro paese”, ha affermato venerdì il rapporto serale sulla situazione dello Stato maggiore ucraino.

Tra le altre cose, la città di Zaporizhia e altri luoghi sono stati attaccati da missili balistici. La difesa aerea ucraina ha abbattuto almeno sei droni kamikaze. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Secondo i generali a Kiev, le forze di terra russe hanno continuato ad attaccare Avdiivka, Marginka e Bakhmut nell’est del Paese. Le forze russe hanno continuato a cercare di assumere il pieno controllo della città di Bakhmut, che da mesi combatteva feroci battaglie.

L’Ucraina usa bombe “intelligenti”.

Come parte dell’assistenza militare dall’Occidente, le bombe intelligenti sono ora disponibili per l’aeronautica militare ucraina. “Ora abbiamo bombe chiamate JDAM”, ha detto venerdì in televisione il portavoce dell’Air Force Yuri Ahnat. In linea di principio, i JDAM (Joint Direct Attack Munition) sono kit di conversione sviluppati dagli Stati Uniti per bombe convenzionali che, grazie al sistema di navigazione, sono diventate armi ad alta precisione. “Queste bombe sono un po’ meno potenti, ma sono molto precise”, ha detto Ihnat. “Vorremmo avere più di queste bombe per avere successo al fronte”.

Sarà importante sabato

Nuovi combattimenti attesi nell’est dell’Ucraina. (dpa/sbi)