Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Idea semplice ma geniale”: come l’Italia integra i bambini ucraini

Enciclopedia dei tre mondi. La prima enciclopedia trilingue aiuta attualmente i bambini ucraini a integrarsi a pieno nel sistema scolastico italiano.

Si tratta di un’opera in otto volumi in cui ogni voce è presentata in italiano, inglese e ucraino. È per i bambini delle scuole elementari, ma l’obiettivo principale è aiutare i bambini ucraini a sentirsi pienamente accettati in classe con i loro nuovi compagni di classe e insegnanti.

Asia Graziano, project manager di “Scripta Maneant Editions” racconta dell’origine: “L’idea è nata da un’esigenza concreta. Ci siamo chiesti come avremmo potuto contribuire nel nostro piccolo alla formazione e all’integrazione culturale dei nuovi arrivati, bambini ucraini che venivano in Italia e in Europa”.

“Un’idea semplice ma geniale”

Centinaia di argomenti possono essere insegnati a bambini di diversa estrazione non solo attraverso i libri, ma anche attraverso contenuti interattivi, audiolibri, smartphone e lavagne multimediali interattive.

Olimpio Tullio insegnante di lingua italiana: “Ad esempio, siamo partiti dal sistema solare e abbiamo studiato cos’è il sole, era scritto in italiano, inglese e ucraino. Ne abbiamo parlato e poi abbiamo usato il libro per studiare il sole. Eclissi per indagare .”

Il giornalista di Euronews Luca Palamara ha commentato davanti a una scuola di Bologna: “In luoghi come questo il concetto di assimilazione diventa reale e concreto. In questa scuola elementare di Bologna, grazie a un’idea semplice ma intelligente, ai bambini ucraini viene data la possibilità di continuare. Per usare la loro lingua… Imparare.”

Importante: carattere leggibile

Filomena Massaro Direttrice Istituto Comprensivo 12 di Bologna: “L’idea di scuola che abbiamo è una comunità, una comunità di docenti e una comunità di pratiche. Non ci sono differenze nella nostra quotidianità, non si vedono. Differenze nessuna”.

READ  Come Flixbus mi ha lasciato in Italia durante una pausa

Il programma si rivolge alle esigenze di tutti i bambini in classe. Nessun bambino dovrebbe essere lasciato indietro, afferma Massaro: “Abbiamo considerato tutte le esigenze che una classe potrebbe avere. Abbiamo pensato ai bambini con difficoltà di apprendimento. Ecco perché abbiamo progettato il libro con un carattere stampato e di facile lettura”.

In tutta Italia decine di scuole e circa 500 biblioteche pubbliche hanno adottato l’enciclopedia trilingue. L’integrazione e l’inclusione sono rese possibili da strumenti preziosi come questi.