Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I virus geneticamente modificati servono come strumento per la ricerca biologica

I virus che diventano innocui diventano portatori dei geni.

I virus naturali sono piccole macchine molecolari: infettano le cellule ospiti in modo molto efficiente e provocano la produzione di particelle virali. La maggior parte sono più piccole della lunghezza d’onda più corta della luce visibile. I virus non solo sono stati conosciuti come agenti patogeni pericolosi da SARS-CoV-2, ma sono stati geneticamente modificati e servono come strumenti per la ricerca biologica. Ad esempio, presso l’Institute of Science and Technology Austria (Ista) di Klosterneuburg, un “Virus Service Team” sta costruendo versioni ridotte di diversi virus per renderli utilizzabili come navette genetiche per la scienza. Così è possibile introdurre materiale genetico nelle cellule, differenziare le cellule con esso e modificare le funzioni cellulari. Quindi, i meccanismi di crescita, i movimenti e le attività metaboliche nelle cellule possono essere seguiti passo dopo passo.

Il loro unico compito è contrabbandare proteine

“In parole povere, la particella del virus è costituita da un involucro proteico esterno, a volte circondato da un guscio extra di lipidi, e dal genoma virale, che descrive come ricavarne di più”, spiega la virologa Flávia Leite. Vengono utilizzati virus modificati Ista, che non sono più pericolosi. Invece del loro materiale genetico originale, trasportano il gene richiesto nelle cellule che infettano. Lì può anche essere incorporato nel codice genetico della cellula colpita. “I virus possono quindi penetrare nelle cellule, ma non sono contagiosi e non possono diffondersi a un nuovo ospite. Una volta che i ricercatori li utilizzano in un esperimento, le navette genetiche del virus vengono praticamente utilizzate. Il tuo unico compito è fornire proteine ​​​​nelle cellule”.

READ  Quanto è mortale il vaiolo delle scimmie: esiste una cura e può essere curata?

Ad esempio, una proteina fluorescente verde può essere prodotta con “virus associati alla ghiandola”. Le cellule bersaglio si illuminano di verde al microscopio quando vengono irradiate con luce ultravioletta. Oltre al verde, ci sono anche proteine ​​fluorescenti blu, rosse e gialle. Ciò consente a molte strutture di essere contrassegnate a colori per monitorarne lo sviluppo. In collaborazione con il Virus Service, un gruppo guidato da Edward Hanzo di Ista è recentemente riuscito a scoprire un nuovo meccanismo fisico che regola le cellule staminali nell’intestino dei topi. (natura temperata).

(APA/COG)