Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I virus come fattore scatenante per la malattia di Alzheimer, SM e co? Alcune infezioni virali possono aumentare il rischio di malattie neurodegenerative

Effetti virali tardivi? L’infezione da alcuni virus come influenza, varicella-zoster ed Epstein-Barr può aumentare il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative. Lo suggerisce analizzando i dati sanitari di circa 800.000 persone. Sebbene i dati non possano mostrare alcuna relazione causale, solo correlazioni, sono coerenti con le precedenti indicazioni di possibili fattori scatenanti virali per il morbo di Alzheimer, la sclerosi multipla e altre malattie neurodegenerative.

Nonostante le ricerche approfondite, le cause delle malattie neurodegenerative sono solo parzialmente note. Oltre a fattori ambientali come alluminio e polveri sottili, anche i virus sono stati discussi come potenziali fattori scatenanti. un chiaro avviso Questo è stato seguito da uno studio nel 2022, affermando che il virus Epstein-Barr, che causa la febbre ghiandolare negli adolescenti e negli adulti, aumenta il rischio di sviluppare la sclerosi multipla. Anche per Il morbo di Alzheimer Diversi studi lo hanno già suggerito effetto viraleL’affrancatura può svolgere un ruolo.

I virus dell’herpes sono stati a lungo sospettati di scatenare o almeno promuovere la malattia di Alzheimer. © CDC/Fred Murphy, Sylvia Whitfield

Cerca indizi in database vitali

Spiega un gruppo di ricerca guidato da un gruppo di ricerca guidato da Kristen Levine del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti a Bethesda.

Per fare ciò, Levine e il suo team hanno prima valutato i dati sanitari di oltre 300.000 persone dal database vitale finlandese FinnGen. Si sono concentrati su malattie neurodegenerative come l’Alzheimer, la sclerosi laterale amiotrofica, la demenza, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson e la demenza vascolare. Per tutte queste malattie, hanno cercato possibili collegamenti statistici a precedenti infezioni virali, tra cui influenza, varicella, Epstein-Barr, polmonite virale, meningite, epatite ed encefalite virale.

Mostra molti collegamenti

Le valutazioni statistiche hanno rivelato 45 associazioni tra passate infezioni virali e malattie neurodegenerative. Per convalidare questi risultati, il team ha anche valutato circa 100.000 set di dati della British Biobank del Regno Unito. Infatti, 22 delle associazioni presenti anche in questo dataset sono state confermate. Nella maggior parte dei casi, un’infezione virale e una diagnosi di malattia neurodegenerativa sono distanti circa un anno, ma ci sono stati anche casi con una differenza di 15 anni.

READ  Non mangiare da mesi: ecco cosa succede nel corpo

“L’associazione più forte era tra l’esposizione all’encefalite virale e il morbo di Alzheimer”, afferma il team. L’influenza, insieme alla polmonite, era significativamente associata a cinque delle sei malattie neurodegenerative studiate. Siamo stati anche in grado di replicare l’associazione tra Epstein-Barr e la sclerosi multipla con i nostri dati”.

Il nesso di causalità non è ancora chiaro

Tuttavia, non è ancora possibile concludere se queste correlazioni statistiche riflettano davvero relazioni causali. Perché è anche possibile invertire causa ed effetto: le persone con una malattia neurodegenerativa non rilevata ma già esistente potrebbero essere più suscettibili a determinate malattie virali.

“Lo sappiamo già da modelli animali e siamo stati in grado di osservarlo più frequentemente nei malati di Alzheimer durante la pandemia di coronavirus”, commenta Martin Corti dell’Helmholtz Center for Infection Research di Braunschweig, che non è stato coinvolto nello studio. “Le persone che avevano il morbo di Alzheimer prima di essere infettate erano a rischio di sviluppare un decorso grave di Covid-19”.

Tuttavia, Korte ritiene del tutto plausibile che i collegamenti causali siano alla base delle associazioni rivelate nello studio. Il suo gruppo di ricerca ha dimostrato nei topi che l’infezione influenzale attiva anche il sistema immunitario nel cervello stimolando in modo aggressivo il sistema immunitario, potenzialmente danneggiando i neuroni nel processo. “La nostra ipotesi è che questa neuroinfiammazione potrebbe aumentare il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative”, afferma Korte.

La vaccinazione antinfluenzale come prevenzione del morbo di Alzheimer?

Levine e il suo team osservano che i vaccini sono già disponibili contro diverse infezioni virali che possono aumentare il rischio di malattie neurodegenerative. “È concepibile che questi vaccini possano offrire un modo per ridurre il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative”, afferma il team. Tuttavia, prima di prendere in considerazione adeguate raccomandazioni sulla vaccinazione, è necessario stabilire se le vaccinazioni appropriate possono effettivamente ridurre il rischio di malattia di Alzheimer e CO.

READ  ++ Corona: RKI segnala oltre 200.000 nuovi feriti: i medici avvertono prima della fine dei requisiti della museruola

“Questo è esattamente ciò che stiamo attualmente studiando nel nostro laboratorio”, afferma Korte. “Nel modello murino, possiamo vedere chiaramente che, a differenza dell’infezione, il vaccino antinfluenzale protegge dai danni a lungo termine al cervello”. Ulteriori studi dovrebbero ora mostrare se questi risultati possono essere confermati. Se così fosse, questa sarebbe un’ulteriore forte indicazione di una relazione meccanicistica tra malattie virali e malattie neurodegenerative. (Neurone, 2023, doi: 10.1016/j.neuron.2022.12.029)

Fonte: Neuron, Science Media Center