Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I sostenitori dell'Ucraina annunciano un “attacco su larga scala alle forze di Putin”.

I sostenitori dell'Ucraina annunciano un “attacco su larga scala alle forze di Putin”.
  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Combattimenti nella zona della foresta: in un video del battaglione siberiano si registrano riprese quasi continue per un minuto e mezzo. © Telegram/@SiberianBattalion

A Mosca, Vladimir Putin attende con soddisfazione la rielezione. Nel frattempo, la guerra in Ucraina si estende alla regione di confine russa. Lì i partigiani stanno facendo sul serio.

BELGOROD – Milioni di persone sono state costrette a lasciare le proprie case a causa della guerra in Ucraina da quando Vladimir Putin ha ordinato alle sue forze di invadere il paese vicino. Scappa per poter vivere. Poco prima della rielezione del leader del Cremlino, molti dei suoi cittadini sono ora minacciati di sfratto dalle loro case e appartamenti.

I ribelli attaccano la Russia: “Bisogna fermare i bombardamenti sull'Ucraina da Belgorod”

Pochi giorni fa, i rivoluzionari russi stavano nuovamente avanzando verso l'impero di Putin. Stanno prendendo di mira le regioni di Belgorod e Kursk. E invitare le persone che vivono lì a cercare rifugio. In una dichiarazione congiunta Il “Corpo dei volontari russi”, il “Battaglione siberiano” e il Corpo della “Libertà di Russia” si rivolgono ai “nostri concittadini” di Belgorod attraverso i loro canali Telegram.

“Gli assassini di Putin stanno effettuando attacchi su larga scala contro pacifiche città ucraine, posizionate tra le vostre case, le scuole dei vostri figli e le istituzioni governative. Ogni giorno decine di persone innocenti (soprattutto donne e bambini) muoiono a causa dei bombardamenti di Belgorod. Il bombardamento di L’Ucraina della regione di Belgorod deve fermarsi!”

Pertanto, i combattenti “sono costretti a sparare sulle posizioni militari nelle città di Belgorod e Kursk”. L'appello all'evacuazione recitava: “Al fine di evitare vittime civili, invitiamo tutti a lasciare immediatamente la città. Chiediamo alle autorità locali di salvare vite umane e di iniziare l'evacuazione delle città nelle regioni di Kursk e Belgorod”.

Video: la campagna elettorale di Putin online

Ribelli a Belgorod e Kursk: “L’operazione continuerà finché tutti gli obiettivi non saranno raggiunti”.

In più post i partigiani che già lo stanno facendo Ha fatto notizia lo scorso anno Direttamente alla popolazione, poiché le autorità non hanno intrapreso alcuna azione. Scrive anche della “liberazione delle regioni russe dal regime terroristico del Cremlino” e degli “attacchi su larga scala contro le forze di Putin”.

I gruppi vanno anche a Roman Starovoit, governatore della regione di Kursk, e Vyacheslav Gladkov, governatore della regione di Belgorod. Ti viene chiesto di evacuare immediatamente. Se dei civili muoiono, la loro morte ricadrà sulla coscienza di entrambi gli uomini. Perché i rivoluzionari affermano: “Il processo di liberazione delle regioni di Kursk e Belgorod continuerà finché tutti gli obiettivi non saranno raggiunti”.

I partigiani chiedono l’evacuazione: il corridoio umanitario rischia un “attacco su larga scala contro le forze di Putin”

Le unità, chiaramente sostenute da Kiev, si autodefiniscono “forze di liberazione russe” e invitano le forze militari e di sicurezza alla resa. Secondo le tue informazioni, Dalle 21:00 del giovedì alle 7:00 del venerdì È stato creato un corridoio umanitario attraverso il quale i civili e l’esercito russo potevano lasciare l’area. Dovrebbe quindi iniziare la “massiccia offensiva” nella regione.

Per incoraggiare le persone ad andarsene, è stato anche pubblicato un video che mostrava file di auto che si formavano di notte davanti a una stazione di servizio. Si dice che 7.000 veicoli civili abbiano lasciato la zona nel giro di dieci ore.

Due uomini in uniforme militare con in mano una bandiera
A casa: due combattenti del Corpo della Libertà di Russia alzano la bandiera della loro unità. © Telegram/@legionoffreedom

I partigiani vogliono mettere sotto accusa Putin: i conservatori riferiscono di danni e vittime

Lo ha riferito il governatore di Kursk Starovoit venerdì mattina presto Sul suo canale Telegram, il villaggio di Gogolevka nel distretto di Sudzhansky è stato bombardato. Non ci sono state vittime e tre case sono state danneggiate. Secondo lui, il giorno prima, le forze russe hanno respinto l'attacco al villaggio di Tyukino.

Questo vale per la città di Belgorod e la regione, che era costantemente sotto il fuoco Secondo il governatore Gladkov Venerdì mattina è arrivata una breve allerta meteo. Sono stati intercettati sette proiettili di lanciarazzi multipli, sebbene siano rimaste ferite anche due persone. A Belgorod sono stati danneggiati 23 appartamenti in sette edifici residenziali, un edificio scolastico e l'adiacente stadio sportivo. Il politico ha anche affermato che nella zona sono stati danneggiati cinque edifici residenziali privati ​​e due centri commerciali.

Nessuna di queste informazioni può essere verificata in modo indipendente. Tuttavia, la guerra sembra estendersi sempre più alla regione di confine russa, tenendo così impegnate le forze di Putin nel suo Paese. I ribelli distribuiscono anche registrazioni di operazioni di combattimento sul campo o attacchi aerei e lo spiegano Il loro obiettivo a lungo termine è isolare Putin E la sua delegazione al seguito. Forse non è una coincidenza che gli attacchi si siano intensificati prima che il presidente volesse assicurarsi il suo quinto mandato. Finora il governatore del Cremlino si è limitato a prendersi gioco dei rivoluzionari. (mg)