Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I seguaci di Putin Medvedev avvertono della guerra nucleare

I seguaci di Putin Medvedev avvertono della guerra nucleare
  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Anche l'ex presidente russo Dmitry Medvedev ha parlato della minaccia di un imminente conflitto nucleare al Festival mondiale della gioventù a Sochi. © Ekaterina Shtokina/Imago-Images

Dmitry Medvedev giustifica la guerra contro l'Ucraina e avverte della crescente possibilità di un conflitto nucleare.

MOSCA – Dmitry Medvedev è l’uomo duro di Vladimir Putin. Dall’inizio della guerra in Ucraina, i nazionalisti intransigenti sono stati la punta della lancia propagandistica del presidente russo. Medvedev ha già minacciato diversi paesi della NATO di attacchi diretti e ha più volte parlato della possibilità di un attacco nucleare.

Lunedì 4 marzo l’ex presidente russo ha lanciato ancora una volta un attacco verbale a tutto campo. La sua ultima accusa è che l’Ucraina è caduta nella trappola tesa dagli americani. Per questo motivo il rischio di un conflitto nucleare è 100 volte superiore rispetto alla Guerra Fredda.

Putin Medvedev ha continuato: La minaccia di una guerra nucleare è “cento volte peggiore” rispetto alla crisi missilistica cubana

Anche il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo ha parlato delle accuse secondo cui la Russia vuole espandere il suo territorio al “Festival mondiale della gioventù” russo a Sochi. “È importante capire dove e come sono i confini della Russia nel nostro tempo e come potrebbero apparire in futuro”, ha detto Medvedev. Riferendosi alla guerra in corso in Ucraina, ha aggiunto: “Se l'Ucraina non fosse caduta nella più stupida trappola tesa dagli Stati Uniti nella guerra contro la Russia, le cose sarebbero potute andare diversamente”, ha riferito l'agenzia di stampa russa. RIA Novosti.

L’intervento degli Stati Uniti e dei loro alleati occidentali in Ucraina ha inoltre aumentato significativamente il rischio di un conflitto nucleare tra Russia e NATO. “La più grande minaccia ora è il rischio di un conflitto nucleare, non importa quanto banale possa sembrare. Questa minaccia, come ho detto nel mio discorso, è cento volte peggiore di quanto lo fosse nel 1962 durante la crisi missilistica cubana”, ha detto Medvedev. in risposta a una domanda del pubblico a Sochi.

Nel 1962, l’Unione Sovietica collocò ordigni esplosivi nucleari nella Cuba comunista – a circa 200 chilometri dalla terraferma degli Stati Uniti – scatenando la crisi. Tredici giorni dopo, l’allora leader sovietico Nikita Krusciov annunciò il ritiro dei missili nucleari da Cuba.

“L’Ucraina è la Russia, ovviamente”: Medvedev giustifica la guerra al paese vicino

Medvedev ha invitato i capi di stato occidentali a rendersi conto che la Russia non ha bisogno delle terre di altri paesi, ma non rinuncerà nemmeno alle sue terre. Secondo la valutazione del Cremlino, l'Ucraina – come ha ripetuto Medvedev – fa ancora parte della Federazione Russa. Un ex leader ucraino una volta disse che l’Ucraina non è la Russia. Questo concetto deve scomparire per sempre. L’ex presidente ha continuato a Sochi: “L’Ucraina è, ovviamente, la Russia”.

Medvedev ritiene che i territori su entrambe le sponde del fiume Dnipro facciano parte della Russia “strategica e storica”. Ha continuato: “Pertanto, tutti i tentativi di cambiarli con la forza e di tagliarli vivi sono destinati al fallimento”. Medvedev si riferiva non solo alle aree dell’Ucraina orientale che la Russia ha annesso in violazione del diritto internazionale, ma anche all’ovest del paese, compresa la capitale Kiev.

La propaganda di Putin nella guerra in Ucraina – “L’Ucraina è stata creata dalla Russia”

La narrazione secondo cui l’Ucraina è storicamente parte della Russia è una parte essenziale della propaganda del Cremlino. Ciò è stato recentemente dimostrato nell’apprezzata intervista tra il presidente Putin e il conduttore di talk show americano Tucker Carlson. In questo, Putin inizialmente ha trascorso quasi mezz'ora a tenere una conferenza a Carlson sulla storia della Russia.

“L’Ucraina moderna è stata creata interamente dalla Russia, vale a dire dalla Russia bolscevica e comunista”, ha detto anche Putin in un discorso televisivo nel febbraio 2022, quando ha annunciato l’invasione del paese vicino da parte delle forze russe. “Nessuno ha chiesto ai milioni di persone che vivono lì cosa ne pensassero”. Nel 2023 sono già stati pubblicati rapporti secondo cui il regime di Putin ha modificato i libri di storia per adattarli alle lezioni scolastiche e ha cancellato ogni menzione dell'Ucraina.

Ma la narrazione russa sull’Ucraina non è supportata dalla storia, soprattutto nella sua chiarezza. La storia dei due paesi risale all'impero slavo orientale, “Kivan Rus”, che si estendeva attraverso i territori di Russia, Bielorussia e Ucraina. La tesi russa è che questo segna l’inizio dello Stato russo. “L'Ucraina è testimone dell'inizio della sua statualità”, ha affermato Guido Hausmann dell'Istituto Leibniz per la ricerca sull'Europa orientale e sudorientale di Ratisbona. Onda tedesca Sviluppi. Ma una cosa è certa: “L’Ucraina non era solo una parte della Russia medievale”. (fd)